Veltroni o Alemanno, la capitale a un bivio

Andrea Cuomo

Sono 2.341.773 gli elettori chiamati oggi e domani a votare per il sindaco di Roma e per il rinnovo del consiglio comunale: gli aventi diritto (1.099.576 uomini e 1.242.197 donne) voteranno oggi dalle 8 alle 22 e domani dalle 7 alle 15 nelle 2.600 sezioni sparse in tutta la città. Gli elettori a Roma voteranno per il Comune (scheda azzurra) e per il municipio (scheda rosa). Per il Comune si può tracciare un segno sul nominativo del candidato (voto al solo candidato sindaco), sul contrassegno di una delle liste (voto sia alla lista che al candidato da questa sostenuto), sulla lista e sul candidato a questa collegato (come sopra), su una lista e su un nominativo di candidato sindaco da questa non sostenuta (cosiddetto voto disgiunto). L’elettore può anche manifestare un solo voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere comunale, segnando, sull’apposita riga stampata sulla destra di ogni contrassegno di lista, il nominativo (solo il cognome o, in caso di omonimia, il cognome e nome e, ove occorra, data e luogo di nascita) del candidato preferito appartenente alla lista prescelta, senza dover apporre alcun altro segno di voto sul relativo contrassegno, sempre che l’elettore non si sia avvalso della facoltà del voto disgiunto, cioè di esprimere il voto per un candidato sindaco diverso da quello collegato alla lista del candidato consigliere prescelto.
I candidati. Sono dodici, anche se la vera sfida è quella tra il sindaco uscente e candidato dell’Unione Walter Veltroni e lo sfidante del centrodestra, l’ex ministro delle Politiche agricole e forestali Gianni Alemanno. Nella scheda azzurra per il Campidoglio è Veltroni ad avere il posto più a sinistra. Dodici le liste che lo sostengono: Comunisti italiani, lista Consumatori, Socialdemocrazia, Rifondazione comunista, l’Ulivo per Veltroni, lista Di Pietro-Italia dei Valori, Verdi per Veltroni, la Rosa nel pugno, Roma Arcobaleno, lista civica per Veltroni, Moderati per Veltroni e Consumatori uniti. Alla destra di Veltroni c’è Alemanno con le 14 liste che lo appoggiano: Avanti Lazio, Forza Roma, Azione sociale, Alleanza nazionale, lista Mida, Nuova generazione liberalismo, Partito socialista, Amore per Roma, Partito real democratico, Democrazia cristiana per le autonomie, Partito repubblicano italiano, Casini Udc, Forza Italia, Pensione case e lavoro. Dieci gli altri candidati, che elenchiamo nell’ordine in cui figurano nella lista: Marina Larena (Partito umanista), Maurizio Giorgetti (Sogno italiano), Roberto de Santis (Ecologisti), Valentina Valenti (Terzo polo), Stefano Fuccelli (Partito animalista europeo), Rita Casillo (Iniziativa comunista per la libertà), Alessandra Sarti Magi (Fronte nazionale-Forza nuova), Umberto Nardinocchi (Democrazia attiva studenti per l’Italia), Luca Romagnoli (Fiamma tricolore) e David Gramiccioli (Movimeto popolare delfino).