Da venerdì 16 settembre fino a lunedì 19 è in programma l’Esposizione del Ciclo che quest’anno si tiene nei nuovi padiglioni del polo esterno di Rho La bici va in vetrina con numeri da record Presenti 804 espositori di 31 Paesi su 21mila mq. Più di

Tra le curiosità, la «due ruote» provocatoria di Fioravanti e i telai supertecnologici costruiti dai ragazzi di San Patrignano. Da questa edizione è possibile acquistare direttamente «on line» il biglietto d’ingresso

Giorgio Scaglia

Per celebrare la prima volta fuori dalle mura della vecchia fiera, l’Eicma ha fatto le cose in grande. Nei nuovi padiglioni di Rho, esattamente il 14, il 18 e il 20, dal 16 al 19 settembre, il Salone del Ciclo si presenterà con numeri da record: 21mila metri quadri di superficie, il 25% in più rispetto all’anno scorso, 804 espositori da 31 Paesi e, soprattutto, il meglio della produzione italiana e mondiale in fatto di biciclette. Le due ruote a pedali sono quanto mai di moda in questi tempi supertrafficati e per gli appassionati sarà l’occasione per ammirare le ultime novità in fatto di bici: bici elettriche, accessori e materiali e per vedere qual è il presente e il futuro di questo mezzo antico ma quanto mai attuale.
Sarà anche un modo interessante per avere un raffronto fra la più qualificata produzione europea e i temuti prodotti cinesi, che al Salone saranno presenti in gran numero, con più di 100 espositori.
«È un Salone importante - spiega il vicepresidente di Eicma, Costantino Ruggero - il primo nei nuovi padiglioni. Grazie a questo trasloco possiamo finalmente essere competitivi con le più importanti fiere europee, con la possibilità di dare agli espositori spazi adeguati per ampiezza e visibilità».
Molte le curiosità che si potranno incontrare girando fra gli stand. In quello della Fioravanti, ad esempio, viene esposta una novità mondiale, una bicicletta altamente innovativa coperta da brevetto e presentata al Salone in collaborazione con l’Ancma e con il Politecnico.
Un’invenzione il cui obiettivo è quello di realizzare un approccio più industriale al prodotto, un’esercitazione comunque godibile e provocatoria che potrebbe anche avere un seguito produttivo.
Da segnalare lo stand di «Bici Doc», un’iniziativa della Comunità di San Patrignano, una scuola in cui decine di ragazzi imparano a costruire telai e biciclette di tipo artigianale, con materiali e tecnologie d’avanguardia.
Tante anche le iniziative collaterali, a cominciare dal Forum Biked@ys, il giorno 15 all’Hotel Westin Palace mirato alla promozione e all’uso della bicicletta. Il giorno 16, presentazione al padiglione 20, ore 15.30, delle squadre che rappresenteranno l’Italia ai Campionati del Mondo in Spagna.
Nei grandi spazi esterni verrà allestita una pista che si animerà con una lunga serie di iniziative spettacolari e sportive: free styling, dirty jumping, flatland, fitness race, scuola di Mtb. Contribuiranno al successo di queste attività, tra gli altri, Felt, Acerbis Scott, Stardue Lee Cougan, Francesco Moser.
È prevista anche un’intera giornata di gare per bambini, per esordienti, per donne, per professionisti e una divertente sfida a tre, tra la squadra dei Parlamentari ciclisti, una squadra composta da grandi campioni del passato, e una squadra composta da grandi imprenditori. Il torneo vuole ricordare il ciclista Fabio Casartelli nel decimo anniversario della sua morte, avvenuta dopo una rovinosa caduta al Tour de France.
Dagli spazi esterni della Fiera prenderà il via domenica 18 settembre la Pedalata Azzurra, che giunge quest’anno alla 10° edizione, e che si svolgerà su un percorso completamente nuovo con più di 1.500 partecipanti al via. L’esposizione sarà aperta dalle 10 alle 18.30 con biglietto d’ingresso, per gli uomini, a 7 euro. Infatti le donne entrano gratis.
Ultima novità: da questa edizione è possibile acquistare on line il biglietto di ingresso; il servizio, curato da Expopage, è accessibile dal sito www.eicma.it.