"Venezuela, l'Italia non riconosce Guaidò". Di Stefano spiega perché

Il sottosegretario agli Esteri, Manlio Di Stefano (M5S), fa sapere che il governo italiano non riconosce Guaidò: "Siamo contrari al fatto che un insieme di Paesi terzi possano determinare le politiche interne di un altro Paese". Aspre polemiche per il voto (e le astensioni) al Parlamento europeo

"L’Italia non riconosce Guaidò - dice il sottosegretario agli Esteri, Manlio Di Stefano (M5S) - perché siamo totalmente contrari al fatto che un Paese o un insieme di Paesi terzi possano determinare le politiche interne di un altro Paese. Si chiama principio di non ingerenza ed è riconosciuto dalle Nazioni Unite". Il sottosegretario si è espresso in questo modo in un’intervista a Tv2000, commentando il via libera del Parlamento europeo alla risoluzione non legislativa che riconosce Juan Guaidò, presidente dell’Assemblea Nazionale di Caracas, come presidente legittimo ad interim del Venezuela. "Oggi il più grande interesse che abbiamo - ha aggiunto Di Stefano - è quello di evitare una nuova guerra in Venezuela. Stesso errore che è stato fatto in Libia oggi riconosciuto da tutti. Dobbiamo evitare che succeda lo stesso in Venezuela".

Mariastella Gelmini, presidente dei deputati di Forza Italia, punta il dito contro la maggioranza gialloverde: "Con il voto del Parlamento europeo che riconosce la presidenza ad interim di Juan Guaidò in attesa di nuove elezioni, la maggioranza di governo getta finalmente la maschera e rende chiara la linea del nostro Paese sulla crisi venezuelana. L’astensione di Lega e M5s sulla risoluzione, isola il nostro Paese ed è la prova che questo governo si schiera a favore del regime di Maduro e contro ogni tentativo di rinascita democratica di quel Paese".

Rincara la dose Anna Maria Bernini, capogruppo di Forza Italia al Senato: "Il Parlamento europeo, grazie all’impegno del presidente Tajani, ha riconosciuto Juan Guaidò come legittimo presidente ad interim del Venezuela e ha chiesto a tutti i Paesi dell’Unione di fare la stessa cosa, adottando una posizione ferma e univoca. E il governo italiano cosa farà? Il segnale giunto oggi da Bruxelles è sconfortante, visto che Cinquestelle e Lega si sono astenuti confermando così un inaccettabile comportamento pilatesco su una fondamentale questione di libertà di un popolo". Poi Bernini sottolinea un altro aspetto importante: "Il ministro Moavero, che ieri al Senato aveva garantito il contrario, è stato quindi sconfessato ancora una volta. Un’altra pagina nera della politica estera italiana che prosegue nella sua irresponsabile corsa all’isolamento internazionale".

Il Pd chiede chiarezza al Governo italiano. "Dopo il voto di oggi del Parlamento europeo - affermano Enrico Borghi, della presidenza del Gruppo Pd, e Lia Quartapelle, capogruppo Pd in commissione Esteri della Camera - il Gruppo Pd alla Camera chiede nuovamente che venga calendarizzata in tempi brevi la nostra mozione sul Venezuela affinché la maggioranza faccia chiarezza sulla propria posizione. Invitiamo anche i gruppi di opposizione, a partire da Forza Italia, a firmare la mozione e a sostenerci nella richiesta di calendarizzazione. Con la nostra mozione chiediamo all’esecutivo di assumere la posizione europea con la richiesta di nuove elezioni presidenziali e l’eventuale riconoscimento di Guaidò e di assicurare un sostegno economico alla comunità dei nostri connazionali".

Il senatore Pier Ferdinando Casini si dichiara "molto perplesso e soprattutto preoccupato per il voto che diversi parlamentari del Pd hanno espresso al Parlamento europeo insieme ai 5 Stelle e alla Lega sul Venezuela, in netta contrarietà con gli orientamenti espressi ieri dal Pd in Senato. Il tema - prosegue - è ineludibile per i candidati alla segreteria del Pd e soprattutto per Zingaretti, i cui intimi amici hanno fatto questa scelta a Strasburgo. Mi auguro che nelle prossime ore ci sia un chiarimento, perché la complicità con il regime di Maduro non è accettabile per i democratici".

Commenti

cir

Gio, 31/01/2019 - 18:30

finalmente una cosa di buon senso . SALVINI , impara che in politica estera sei una frana !

Cheyenne

Gio, 31/01/2019 - 18:48

In questo caso ha ragione. Domani potrebbe succedere come parzialmente già succede con l'Italia di annullare lezioni in quanto non ha vinto il pd

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Gio, 31/01/2019 - 18:49

Caro sotto (molto sotto) segretario, guarda che Guaidò è espressione di un Parlamento eletto democraticamente e che esercita le sua prerogative costituzionali. Maduro, invece fa sparare sulla folla e torturare i suoi oppositori. VERGOGNATI!

cir

Gio, 31/01/2019 - 18:52

saggia decisione . Si incazzeranno i sinistri italioti ...

elfrate

Gio, 31/01/2019 - 18:53

ma c'è proprio bisogno di smarcarsi senza almeno sottlineare che Maduro opprime il popolo venezuelano?? ma la tanto vituperata europa si schiera a favore e noi ci sfiliamo ma questo Onorevole (?) non può e non deve parlare a nome del popolo italiano parla a nome suo. se non ha la preparazione si occupi di altro, lei non mi rappresenta e non intendo farmi rappresentare da ''cialtroni''

newman

Gio, 31/01/2019 - 19:02

Anche qui si proclama un principio astratto, la non ingerenza, e si decide concretamente (di non riconoscere Guaidó come presidente ad interim), senza considerare la realtá in questione, cui si dovrebbe applicare il principio astratto. Bene il principio di non ingerenza, ma come deciderebbe un governo normale se si trattasse di un paese nel quale si stá verificando un genocidio, o di un paese retto da un dittarore e ridotto alla fame, come il Venezuela? Si sá come decise l'Italia nel caso dell'ex-Jugoslavia. Come avrebbero deciso i grillini allora? Avrebbero permesso, in virtú del principio di non ingerenza, che Milosevic completasse il genocidio nel Kosovo? In questo caso i nostri antenati romani direbbero: "summum ius, summa iniuria". Ed il grande sociologo Max Weber vedrebbe nei massimalisti grillini un caso patetico e patologico di "Gesinnungsethik", contrapposto ad un'etica della responsabilitá.

sparviero51

Gio, 31/01/2019 - 19:19

IL VENEZUELA È IL NUOVO PARADISO DEGLI SGRILLETTATI COM LO ERA L'U.R.S.S. PER I COMUNISTI !!!

Tobi

Gio, 31/01/2019 - 19:35

Dalle dichiarazioni non si capisce che differenza c'è ormai tra PD e FI. Entrambi accodati al golpe contro il Venezuela ordito dall'estero. I media allineati indicano Maduro come nuovo dittatore "cattivo", ma io so solo che le sanzioni degli Stati Uniti ed il congelamento dei beni da parte delle banche internazionali hanno strangolato il Venezuela. Manca solo che gli facciano pure la guerra. Si rinnova la scusa made in USA dell'esportazione della democrazia per fregare il petrolio agli altri.

ohibò44

Gio, 31/01/2019 - 19:40

Mi sembra una presa di posizione seria e pragmatica. Purtroppo i risorgenti del centro-destra, per fini politicanti, negano se stessi: hanno sostenuta la non ingerenza il Libia e ora vorrebbero l’ingerenza in Venezuela: forse Gheddafi era meno dittatore di Maduro?

Ritratto di antonio corso

antonio corso

Gio, 31/01/2019 - 19:55

dalla parte di Maduro contro il colpo di stato imperialista, dalla parte di Putin sperando che invii l'esercito russo in Venezuala contro l'invasione yankee. Basta fare da leccac. degli americani

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Gio, 31/01/2019 - 19:57

QUESTE SONO PUTTANATE E LA LEGA DEVE VERGOGNARSI IMMENSAMENTE. SE SALVINI E LA LEGA STANNO CON MADURO VOTERO' FORZA NUOVA !!!

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Gio, 31/01/2019 - 20:00

E' COME DIRE CHE GLI USA NON DOVEVANO INTERVENIRE NELLA 1, O NELLA 2 GUERRA MONDIALE O IN KOSSOVO O IN BOSNIA. C'E' UN ALTRO PRINCIPIO SQUALLIDI GRULLINI CHE SI CHIAMA INGERENZA UMANITARIA QUANDO SI INTERVNIE DI FRONTE AL MASSACRO DI UN INTERO POPOLO ATTUATO DA UN CRIMINALE: IERI MILOSEVIC O NORIEGA OGGI MADURO !!!

cgc

Gio, 31/01/2019 - 20:02

Circostanziata, giusta, sacrosanta, la posizione del nostro governo. In linea con la scellerata adesione nel 2011 al rovesciamento di Gheddafi, quella di FI. Adda venì maggio!...

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Gio, 31/01/2019 - 20:02

IO SONO UN LEGHISTA DELLA 1^ ORA MA NON HO DIFFICOLTA' A DIRE CHE LA LEGA E SALVINI DEVONO VERGOGNANRSI DI NON AVERE PRESO POSIZIONE NE' IN EUROPA NE' IN ITALIA CONTRO IL CRIMINALE MADURO ED IL SUO CORROTTOE SANGUINARIO REGIME. E' UNA VERGOGNA CHE GRIDA VENDETTA AGLI OCCHI DI DIO !!! PRESTO SI VOTA IN ABRUZZO E MOLTI ABRUZZESI HANNO PARENTI IN VENEZUELA. SALVINI SI RICORDERANNO DI QUESTA PAVIDITA' VILE ALLE PROSSIME ELEZIONI !!!

Tobi

Gio, 31/01/2019 - 20:27

Il Venezuela come la Siria. Stessa storia. Attraverso la stampa-prostituta gli stati Uniti dipingono un governo come tiranno e despota solo perché non obbedisce a Washington, vi mandano mercenari ed opposizione (dall'estero) a far finta che vi sono rivolte popolari ed infine ci vanno con l'esercito. Il tutto per rubare il petrolio del venezuela. Il popolo venezuelano è stato affamato dalle sanzioni americane dopo che Maduro aveva nazionalizzato il petrolio venezuelano senza svenderlo alle multinazionali USA. E poi gli USA fanno la morale che Maduro affama il suo popolo, per convincere gli ingenui che questa nuova guerra si deve fare.

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Gio, 31/01/2019 - 20:46

@robocop2000 -- OTTIMO COMMENTO! I grullini adorano difendere un DITTATORE MARXISTA bolivariano, amico del brigante Lula e dei suoi sodali latinoamericani.

EchiroloR.

Gio, 31/01/2019 - 20:52

lo sciacallo(Stati Uniti d'America) sta radunando la mandria per ripetere ciò che hanno fatto in Libia.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Gio, 31/01/2019 - 21:11

@ohibò44 COMMENTO INSIPIDO E FATTO COI PIEDI. GHEDDAFI ERA UN SANTO RISPETTO A MADURO. SE NON SAI DI COSA PARLI DOCUMENTATI PRIMA DI SCRIVERE PUTTANATE !!!

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Gio, 31/01/2019 - 21:12

@ cir DIFENDERE MADURO E' UNA COSA DI BUON SENSO CxxxxxxE ??? FATTI UN GIRO A CARCASA E VALLO A SPIEGARE A 20 MILIONI DI VENEZUELANI CHE MUOIONO PER FAME E MALATTIE !!!

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Gio, 31/01/2019 - 21:13

@ cgc STUPIDA VIGLIACCA E BECERA POSIZIONE DEL TUO GOVERNICCHIO. VERGOGNATEVI QUESTO SIGNIFICA SPUTARE SUL GENOCIDIO DI UN INTERO POPOLO CHE MUORE PER FAME E MALATTIE. FATE SKIFO GRULLINI !!!

cgf

Gio, 31/01/2019 - 21:42

Manlio Di Stefano (M5S) fa sapere... NON il Governo, dubito che Conte, dopo la lunga imbastitura tenuta negli USA, si lasci ad andare a giudizi così affrettati.

cgf

Gio, 31/01/2019 - 21:44

mandate Manlio Di Stefano in Venezuela a vivere come un venezuelano qualunque, non come un kompagno in visita. Tornerà più nazista di baffino

Divoll

Gio, 31/01/2019 - 22:58

Che pagliacciata, Guaido di qua, Guaido di la', ma in Venezuela non conta nulla ed e' il popolo, assieme ai militari, a non "riconoscerlo" (mentre lo riconoscono per quello che e', una miserabile pedina degli Usa, senza alcun reale seguito nel paese).

alox

Gio, 31/01/2019 - 23:37

Condivido con Robocop. L'Italia non vede nulla di male nella dittatura, specialmente se comunista! Una vergogna….

cir

Ven, 01/02/2019 - 10:27

antonio corso , Divoll ,EchiroloR.,Tobi . avete perfettamente ragione !!!!!

cir

Ven, 01/02/2019 - 11:21

il problema e' tutto yankee.. distruggere gli USA e' un dovere di tutte le persone serie di questo mondo.

Mariottone

Sab, 02/02/2019 - 18:01

Non so veramente da che parte stanno i grillini. Avevo votato per loro perchè ero stanco della politica del PD; vuol dire che la prossima volta mi unirò a quelli che non votano. Mio padre è emigrato due volte in Venezuela, molti miei parenti sono là e le notizie che arrivano per bocca loro non sono certo confortanti. Un regime che non dà la possibilità di curarsi, non vuole aiuti umanitari per dimostrare che non c'è una situazione precaria, dove chi si ribella viene sistematicamente eliminato. Ma cosa dobbiamo aspettare? Tutta l'Europa si è schierata a favore di Guaidò. Mi sento non rappresentato da questo governo, ho paura veramente di quello che succederà all'Italia e mi sento in colpa di aver votato M5S.