Viaggiare con il bebè impone l’utilizzo del seggiolino giusto

Gli infortuni stradali risultano essere la prima causa di morte per i bambini da 5 a 14 anni. In Italia, ogni giorno, restano feriti 30 bambini pari a circa 10mila piccoli l’anno, e sono quasi cento quelli che muoiono ogni 12 mesi poiché trasportati in modo non idoneo. Come sottolineato dall’Organizzazione mondiale della sanità, se correttamente installati e utilizzati, i sistemi di ritenuta dei bambini possono ridurre del 70% la probabilità di decesso in caso di incidente. È stato dimostrato che un mancato utilizzo del seggiolino e delle cinture di sicurezza aumenta di sette volte il rischio di conseguenze gravi in caso di incidente, mentre un utilizzo responsabile di questi sistemi di ritenuta consentirebbe di ridurre il rischio di lesioni gravi dell’80%.
Un bimbo in auto deve sempre essere trasportato con un sistema di ritenuta idoneo, cioè un seggiolino specifico per il trasporto, omologato secondo le normative vigenti. Un piccolo che viaggia senza seggiolino, o comunque, su un seggiolino non installato correttamente, può riportare gravi danni anche in caso d’incidente lieve o di brusca frenata.
Il rischio è che il bambino sia catapultato dal sedile e che urti violentemente contro il cruscotto, il parabrezza o i sedili anteriori. Troppi genitori misconoscono questo pericolo e non sanno che un corpo di 15 chilogrammi che viaggia su un’auto coinvolta in un incidente con impatto frontale a 50 orari, esercita una forza pari a 416 chilogrammi. Due italiani su tre non conoscono le procedure che vanno rispettate per portare i propri figli in piena sicurezza a bordo.
Domenica scorsa si è conclusa la seconda edizione di «BimbiSicuramente», l’iniziativa di sensibilizzazione e informazione sul tema della sicurezza dei bambini in macchina, promossa da Fiat Group Automobiles e Unione concessionari italiani Fiat (Ucif), con il patrocinio del ministero dei Trasporti e quello della Gioventù. Le oltre 600 concessionarie della rete Fiat si sono attivate allo scopo di sensibilizzare e informare le famiglie su come trasportare i propri figli in auto in modo corretto, sicuro e a norma di legge. Sono stati organizzati corsi di formazione per i genitori ed è stato consegnato materiale informativo sui sistemi di sicurezza per i bambini in auto. Nei sette giorni di sensibilizzazione sono stati distribuiti alle famiglie circa 25mila kit intitolati «Una Strada Sicura» con informazioni e consigli utili per papà e mamma.
Questa campagna resta comunque ancora attiva sul sito Internet www.bimbisicuramente.it, dove si illustra il corretto trasporto dei bambini in automobile.
Per superficialità e soprattutto ignoranza troppo spesso molti piccoli rimangono coinvolti in sciagure della strada le cui conseguenze potrebbero essere evitate.