Vialli sulla malattia: "Non la vivo come una battaglia"

Vialli torna a parlare della sua malattia raccontando di non considerare questa situazione come una battaglia; la sua foto preoccupa i tifosi

Gianluca Vialli racconta come sta affrontando la sua personale lotta contro il tumore. Il calciatore fa sapere di essere ancora sotto cura ma di non considerare questa sua situazione come una battaglia. Secondo il campione, non si può combattere "contro una cosa che è più forte di te". Per l'ex attaccante, la malattia è come fosse un viaggio da fare assieme ad una persona sgradita che prima o poi se ne andrà.

Vialli racconta anche che da marzo sta facendo altre cure e che deve essere in condizioni fisiche e mentali giuste per affrontare questa malattia. L'auspicio è di essere al prossimo raduno della nazionale con un ruolo e non solamente come invitato. Il giocatore prova anche a rassicurare i tifosi sottolineando di come sia sicuramente dura ma che le cure stanno proseguendo positivamente e che quindi non ha senso non continuare a fare una vita normale.

Vialli sogna di diventare capo delegazione azzurro ai prossimi Europei di calcio del 2020 dove la Nazionale Italiana sotto la guida di Mancini sia è qualificata. Tuttavia, la foto del giocatore, che mostra sicuramente la sua stanchezza fisica, ha preoccupato i suoi ancora molti tifosi che non hanno lesinato messaggi di supporto soprattutto attraverso i social network.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Commenti

cir

Lun, 14/10/2019 - 21:39

cxxxi tuoi !