Videogiochi, esce Batterfield 3

Il nuovo motore grafico Frostbite 2 è l’assoluto protagonista di Battlefield 3, gioco rilasciato il 28 ottobre 2011 e pubblicato da Electronic Arts, sequel del fortunato Battlefield 2

Il nuovo motore grafico Frostbite 2 è l’assoluto protagonista di Battlefield 3, gioco rilasciato il 28 ottobre 2011 e pubblicato da Electronic Arts, sequel del fortunato Battlefield 2. Grazie ad esso, la dinamicità d’azione e, contemporaneamente, la nitidezza dei dettagli sarà massima.

L’ambientazione di questo sparatutto in prima persona è principalmente l’Iraq, a partire dall’anno 2014; non mancano però richiami ad altre città famose, quali New York o Parigi. Gli sviluppatori della EA Digital Illusions CE hanno potuto ingrandire le mappe satellitari di riferimento, rendendo operativi 9 diversi terreni di combattimento. La modalità singolo giocatore, oltre a predisporre di un veloce addestramento alle missioni, mette a disposizione dell’alter ego una quantità impressionante di armi e di veicoli, che possono essere ottenuti in base all’esperienza accumulata.

Ma ciò che davvero fa la differenza rispetto agli altri simulatori di guerra è la possibilità multiplayer, in particolare quella cooperativa. In questo modo ci si basa sul gioco di squadra, composta in genere da quattro elementi. I giocatori, in rete grazie ad un battlelog interamente ed esclusivamente dedicato a Battlefield, interagiranno con svariate possibilità di missione. In modalità cooperativa, inoltre, potranno dare vita a partite private o potenziare la squadra con armi e componenti diversi. E’ stato stimato dagli sviluppatori che sarà necessario almeno un anno di gioco, per un utente standard, per poter avere accesso a tutti i gadgets e i miglioramenti degli armamenti a disposizione.

Grande attenzione alla giocabilità in rete, ma anche veridicità degli equipaggiamenti. Le armi personali a disposizione sono centinaia, con un numero senza precedenti di accessori straordinari: allo stesso modo i veicoli utilizzabili sono svariati, leggeri e pesanti, per ricreare ambientazioni terrestri, marittime o in cielo.

A seconda del proprio stile di gioco, o per quanto riguarda la necessità di squadra, ognuno potrà personalizzare in modo quasi maniacale l’equipaggiamento: gli scenari mettono a dura prova la capacità di muoversi e combattere contro nemici agguerriti, gestiti da un’intelligenza artificiale particolarmente sofisticata. L’enfasi, ancor più che nella versione due, è posta sul lavori di squadra, l’affiatamento del gruppo che deve coprirsi a vicenda per progredire. Spettacolare la possibilità di distruggere ampie porzioni del terreno circostante, creando così nuove opportunità di difesa o di attacco.

Grande giocabilità multiplayer, ma una certa carenza di varietà nel single player. Azione particolarmente rispondente alla realtà, capacità di interagire con il terreno circostante, veicoli e spostamenti cineticamente realistici: un ottimo prodotto con ampi margini di miglioramento e sviluppo. Cosa chiedere di più?