Il Web diventa Mobile e si Trasferisce sul Cellulare

La rivoluzione della rete è alle porte; a darle il via è il crescente numero di smartphone, tablet e dispositivi portatili per navigare su internet. E le applicazioni segnano il grande cambiamento di questo mondo

Un'era in cui tutto cambia a velocità sorprendenti, in cui tutto può essere tracciato, tutto può essere usato come dato per la creazione di statistiche; il diffuso cambiamento di mentalità, la rapida circolazione delle informazioni ha però alla base un servizio ben preciso, che ha rivoluzionato il nostro modo di pensare: internet.

Lo strumento - visto come un mondo a sé stante, legato ai computer tradizionali – alla base di tutti questi sconvolgimenti, sta a sua volta trasformandosi.

 

Con l'introduzione degli smartphone e delle reti mobili di terza generazione (3G – 3rd Generation) il concetto di web si evolve in un qualcosa che entri nella vita reale, che possa essere usato in qualsiasi momento per la risoluzione dei problemi e delle esigenze di tutti i giorni.

E l'Italia, in campo di cellulari e internet mobile, si pone fra i punti di riferimento a livello mondiale, con altissimi livelli di penetrazione delle nuove tecnologie di questo tipo.

 

Gartner Group prevede che il sorpasso del desktop web da parte del mobile web, si potrà vedere già nel 2013. Una previsione forse troppo ottimistica, ma sta di fatto che si parla di un mercato che sta vivendo una crescita fenomenale; basti sapere che in Italia gli investimenti sull'advertisting in questo settore sono cresciuti del 15%, durante il 2010.

 

A cosa ci riferiamo però, dicendo mobile web? Non si parla solo delle semplici versioni mobile, che un numero sempre maggiore di siti sta adottando, ma di un nuovo modo di concepire il tutto, legato al concetto di social web e di geotagging.

Il nuovo web dovrà essere molto più veloce e performante nel restituire informazioni pertinenti alle richieste dell'utente.

Proprio per questo si sta assistendo a una vertiginosa crescita, del mercato delle applicazioni per smartphone; perché accedere al browser e cercare quando è possibile avere direttamente su un programma dedicato tutte le informazioni di cui si ha bisogno?

 

Così, come le maggiori testate giornalistiche pubblicano apps che permettono di avere le novità direttamente sul proprio cellulare, i portali turistici offrono software che rendano semplici le prenotazioni di viaggi e hotel; e la gente trova sempre più semplici azioni fino a pochi anni fa ritenute impossibili.

 

Google, da parte sua, ha reso tutti i suoi contenuti fruibili da mobile: dalla semplice ricerca, sempre più veloce e precisa, al rendering delle mappe e della cartografia mondiale, ormai veloce da caricare e completa di una quantità di informazioni inimmaginabile.

Anche nei confronti dei webmaster Google Inc. si sta facendo portavoce per questa nuova tecnologia, incitando i proprietari dei portali a fornire agli utenti una versione fruibile da mobile dei propri contenuti; nella sua SEO Starter Guide il colosso di Mountain View ha infatti inserito una sezione che parla proprio dell'ottimizzazione dei siti di questo tipo.

 

 Parallelamente è nato un nuovo, interessante, servizio: Foursquare, una sorta di social network collegato alle mappe e alla vita reale. Un'applicazione che, sempre nel rispetto della privacy, pubblica informazioni sugli spostamenti del proprietario dello smartphone sul web, rendendole disponibili agli amici. Accanto a queste notizie inoltre gli utenti possono diffondere recensioni sui locali, sui singoli luoghi e materiale di vario tipo, oltre a partecipare a diversi giochi legati alla mobilità reale che permettono di guadagnare riconoscimenti virtuali e, in alcuni casi, sconti da particolari negozi, ristoranti e hotel.

 

Dannis Crowely , in una recente intervista, ha dichiarato abbastanza chiaramente le intenzioni della sua azienda: ..puoi essere ovunque nel mondo e Foursquare deve essere capace di suggerirti qualcosa di interessante da fare nelle vicinanze.

Facebook, il social network per antonomasia, sta cercando di ricalcare questo modello tramite il nuovo Facebook Places, che permette di abbinare i propri spostamenti e la propria posizione momento per momento al proprio profilo di Facebook e di ottenere, anche in questo caso, interessanti sconti con attività convenzionate: fra queste troviamo la sempre intraprendente Starbucks, Yo Sushi e Benetton, solo per citarne alcune.

 

Un universo quindi, quello del mobile, in continua evoluzione, anche grazie al crescente utilizzo delle tecnologie collegate alla localizzazione, che permettono una migliore integrazione del servizio con la realtà; un universo da esplorare, capire e sviluppare e che ogni giorno offre decine di possibilità in più.

Voi cosa ne pensate? Usate cellulari o smartphone per navigare su internet? Se sì, per quali applicazioni preferite passare?

Paolo Dello Vicario – SEO Point