Lo devono operare ai reni, ​ma gli amputano il pene

Costica Maroleanu era andato in ospedale per una semplice operazione, ma qualcosa durante l'intervento è andato storto e i medici sono stati costretti a amputargli il pene

È una notizie incredibile quella che viene dalla Romania. Un ex soldato, Costica Maroleanu, 55 anni, era andato in ospedale per una normale operazione ai reni.

Tuttavia, non appena si è svegliato, gli è stato detto che c'erano state alcune complicazioni durante l'intervento e che, come racconta lo stesso Maroleanu al Mirror, "l'infermiera non aveva montato correttamente il piccolo tubicino che avrebbe dovuto aiutarmi a urinare e il mio pene è diventato rosso e si è infettato".

Per Maroleanu e per il suo pene è stata la fine: i medici hanno compreso che il membro era affetto da necrosi e che l'unica soluzione possibile era quella dell'amputazione: "Il membro era nero e l'unico lembo di pelle rimasta era alla base del "tronco" e era altamente infettiva".

Maroleanu ha amaramente detto: "Il mio membro è stato completamente tagliato. Ora urino da un orifizio che i dottori hanno creato tra il mio ano e i miei testicoli. UIino come una donna. Sono devastato".

Lo sventurato ha chirso 500mila euro di risarcimento.

Commenti

FRANZJOSEFF

Ven, 15/05/2015 - 18:29

LA MOGLIE STARA' IN PACE