Libri di cucina con ricette a base di sperma

Sui social network la notizia spopola già da tempo: esisterebbero dei ricettari per piatti a base di liquido seminale. L'idea arriva da Paul "Fotie" Photenhauer, un esperto di cucina con già due libri alle spalle: "Natural Harvest" e "Semenology".

Macrobiotica, fusion, etnica e ora anche a base di sperma. Se le declinazioni della cucina sono virtualmente infinite, le applicazioni non possono essere che singolari. Circola da ormai da diverso tempo sui social network una news curiosa, quella della pubblicazione di ricettari per prelibatezze a base di liquido seminale umano. In molti han pensato si trattasse di uno scherzo, di qualche trovata per stimolare il chiacchiericcio in rete, eppure quella di questa singolare corrente culinaria è del tutto esistente, nonché già amata da molti.

L'idea è nata da Paul "Fotie" Photenhauer, chef ed esperto di cucina che da diversi anni esplora l'universo dei prodotti alimentari a base di sperma. Diversi i libri a tema già pubblicati, come conferma una ricerca su Amazon: spiccano "Natural Harvest”, un ricettario a base di liquido seminale, e "Semenology”, un compendio per il barman attirato dai cocktail a base di sperma. E poi naturalmente il sito Internet dedicato, a quanto pare gettonatissimo dagli appassionati.


Dal Slightly Saltier Caviar al Mexican Cumslide, passando per il Watermelon Gin Jizz, l'insolita iniziativa porta l'universo della cucina a un nuovo e quantomeno inesplorato livello. «Le persone mangiano le cose più strane» - spiega lo chef in un'intervista per SFWeekly del 2013 - «se non altro lo sperma è fresco e si conosce chi sia il produttore». Naturalmente, la promozione dei libri e il successivo interesse sui media ha generato sia reazioni entusiastiche che altre più critiche, se non disgustate. Queste a dir poco originali ricette non sarebbero adatte a tutti e, come viene più volte sottolineato, non devono comprendere una materia prima - se così la si può definire - da sconosciuti, anche per evitare spiacevoli conseguenze. Nonostante vengano decantate le doti nutrizionali dello sperma, un prodotto mediamente protetico, sembra che gli esperti si siano già espressi: il ricorso non è necessario, perché la normale dieta garantisce tutte le sostanze nutritive di cui l'uomo ha bisogno.