Mamma invadente, 18enne uccide un pollo ogni 15 minuti per vendetta

Shock in Alabama: un 18enne ha ucciso sei polli, uno ogni quarto d'ora, come vendetta contro la madre che si intrometteva nella sua relazione

Si sa, spesso i figli non vogliono che i genitori si intromettano nelle proprie relazioni sentimentali. È altrettanto vero che talvolta i genitori sono troppo insistenti e si intromettono in maniera esagerata nelle storie dei figli. Sicuramente questo è uno dei motivi più frequentemente alla base delle liti in famiglia. Succede anche in Alabama, dove il 18enne Haden Smith era stanco dell'invadenza della mamma troppo curiosa. Lui ha da poco interrotto una relazione con una sua coetanea: tutto normale, in apparenza. Sua mamma però non si è rassegnata alla rottura tra i due adolescenti e ha cercato in tutti i modi di farli riavvicinare. È addirittura andata a parlare con i genitori della ragazza, alla ricerca di alleati nella sua "battaglia". Niente da fare, i due giovani non hanno fatto pace. Haden, invece, ha dovuto concentrarsi sulla madre: le ha chiesto di smetterla di intromettersi, ma lo ha fatto in un modo folle, oltre che crudele. Le ha mandato un SMS pieno di minacce e con un ultimatum: come soluzione estrema avrebbe dato fuoco all'abitazione di sua madre, ma innanzitutto avrebbe ucciso gli amatissimi polli della donna, al ritmo di uno ogni quindici minuti.

La mamma non si è lasciata intimorire e non ha ammainato bandiera bianca. Così Haden ha messo in pratica il suo piano: in maniera cadenzata, uno ogni quindici minuti, ha ucciso sei polli, scattando una foto a ognuno degli animali morti per inviarla alla mamma. Dopo sei brutali uccisioni, è intervenuta la polizia che ha arrestato il 18enne per violenza domestica e danno criminale. Haden, quindi, adesso si ritrova single e in manette; la mamma invece non è riuscita nel suo intento e non ha più una parte dei suoi amati polli.