Marching band forma per errore la parola “pene” durante un'esibizione

Un errore o una volontaria boutade: non è ancora chiaro il motivo dietro al gesto della banda del prestigioso ateneo statunitense che, la scorsa domenica, ha scatenato la curiosità e il divertimento tra il pubblico presente alla partita di football tra la squadra di casa, la Harvard American football team, e la Penn State

Non sarà stato di certo l'intento primario della Harvard College Band, quello di mostrare la parola “penis”, ovvero “pene”, durante l'esibizione dell'intervallo della partita di football americano tra l'Harvard American football team e la squadra della Penn State. Eppure non è passata inosservata quell'imbarazzante somiglianza agli occhi degli spettatori presenti allo stadio la scorsa domenica.

È così che la marching band, la formazione di musicisti della compagine casalinga si è ritrovata all'improvviso, creando un malizioso fuori programma ripreso da uno degli spettatori, Jacob Adler, che senza perdere tempo ha deciso di immortalare l'attimo e condividerlo su Twitter con il popolo della rete. Sebbene in molti abbiano pensato a un mero errore di posizionamento sul campo dei membri della banda, appare difficile da credere che alla base della performance della rappresentanza appartenente alla Ivy League, il gruppo elitario delle otto università più prestigiose degli Stati Uniti, possa esserci una semplice svista. Finora, però, nessuna delucidazione sarebbe arrivata da parte del team, lasciando così il dubbio su quanto accaduto.

Non è però il primo caso dell'anno in cui una formazione musicale si ritrova in una situazione simile: infatti, all'inizio del 2015 la Kansas State Marching Band si era ritrovata a dover chiedere scusa per quella che doveva essere una rappresentazione della USS Starship Enterprise, la famosa nave spaziale del telefilm Star Trek, intenta ad attaccare la mascotte della squadra rivale, il South Dakota. Nel bel mezzo dell'intervallo, i componenti della banda si sono ritrovati a rappresentare involontariamente un fallo diretto nella bocca di Jayhawk, il rapace simbolo della squadra; subito sono arrivate le scuse degli organizzatori che, mostrando il prospetto di ciò che avrebbero voluto ricreare veramente, hanno dimostrato la buona fede dietro al gesto compiuto.