Una notte nella vasca degli squali: a Parigi è possibile

Grazie alla piattaforma Airbnb è ora possibile trascorrere una notte in compagnia degli squali, all’interno di una teca immersa nell’acquario di Parigi

Siete stufi delle classiche camere di albergo e vorreste vivere un’esperienza adrenalinica, anche solo per una notte? Niente paura, perché da oggi Airbnb, la piattaforma per la ricerca di alloggi, dà la possibilità di trascorrere a Parigi una notte in compagnia degli squali.

La camera è allestita in una sorta di teca trasparente, immersa nelle acque blu dell’acquario cittadino. Gli interessati possono prenotare questa particolare sistemazione direttamente dal sito di Airbnb, nella selezione dedicata agli alloggi più originali, per una notte al massimo.

La proposta è particolarmente indicata per gli avventurieri amanti degli squali, ma soprattutto delle esperienze non convenzionali. Essendo trasparente, la teca offre infatti una visione a 360 gradi sugli esemplari presenti nella vasca dell’acquario cittadino. Si tratta ovviamente di un’esperienza unica nel suo genere, che combina il potere conciliante delle acque e il contatto diretto con uno dei predatori più minacciosi del mondo marino.

Affinché la struttura - in questo caso appunto l’Acquario di Parigi - convalidi la prenotazione, è necessario presentare una richiesta scritta, di non più di 550 parole, contenente le motivazioni in base alle quali si vorrebbe trascorrere una notte in compagnia degli squali. Date le dimensioni della camera, si accetta un massimo di due persone o, nel lessico di Airbnb, guest.

Altre richieste relative al mini-alloggio sono: evitare di scattare foto o selfie di notte in quanto gli squali sono notoriamente molto sensibili alla luce, ma anche rinunciare a tuffarsi per un bagnetto. E ancora: non mangiare la esche dei pesci e, sembrerà scontato ricordarlo, non abbandonare per nessun motivo la teca.