Sofia 9 anni scrive a Obama e lui risponde

Sofia, 9 anni, ha ricevuto una bellissima sorpesa ovvero una lettera scritta dal Presidente Barack Obama in risposta a una sua missiva. La piccola domandava all'uomo più importante della terra perché non ci fossero volti femminili sulle banconote e monete americane

Barack Obama sullo stesso autobus di Rosa Parks via Olycom

Nonostante sia l'uomo più influente del pianeta il Presidente Usa Barack Obama ha trovato il tempo per rispondere a una sua piccola ammiratrice, la giovanissima Sofia del Massachusetts. La piccola, che ora ha 9 anni, l'anno scorso durante una lezione scolastica sulla figura della teologa puritana Ann Hutchinson si domandò come mai non vi fossero volti femminili sulle monete e sulle banconote Usa. La teologa, figura importante in difesa dei ruoli femminili, aveva smosso il grande quesito nell'animo della piccola che una volta tornata a casa decise di scrivere alla persona più importante d'America: Il Presidente.

Dopo aver richiesto carta e penna alla madre, Sofia si impegnò nel redare la missiva ponendo la domanda fondamentale, allegando quindi una lista di donne importanti dal punto di vista sociale, storico ed umano. La lettera spedita a Barack Obama non ricevette immediatamente il feedback sperato e la piccola con il tempo si dimenticò dello scritto, fino a quando il padre non le mostrò un programma dove lo stesso Presidente menzionava la sua missiva in un importante discorso. Questo scatenò il web che creò la campagna mettiamo il volto di una donna sulla banconota da 20$, sostenuto da un sondaggio del movimento W20 per scegliere chi avrebbe sostituito il viso di Andrew Jackson. La raccolta delle preferenze si concluderà il 5 aprile, poi gli esisti verranno consegnati a Barack Obama.

Sofia, ambasciatrice di minoranza del progetto, nonostante la passione per Ann Hutchinson, spera che i 20$ possano accogliere il volto di Rosa Parks per l'importanza del suo gesto per l'intera comunità americana. Ma una piccola sorpresa ha raggiunto il mese scorso la bambina, una lettera personalizzata e scritta dal Presidente Usa che si dichiarava positivamente sopreso dalla lista di donne proposte e dall'intelligenza della bambina stessa. Queste le sue parole:

Continuerò a lavorare per garantirti un paese dove le donne possano avere le stesse opportunità degli uomini, spero tu possa sempre farti coinvolgere da situazioni così importanti e che ti premono fortemente. Rimani concentrata sulla scuola e aiuta gli altri, se ci sarà bisogno, a comprendere che non ci sono limiti per ciò che si vuole realizzare. Grazie ancora per la lettera. Mi aspetto grandi cose da te.

La bambina è stata quindi invitata all'annuale festività pasquale della Casa Bianca, la Easter Egg Roll. Sofia vuole continuare a studiare per diventare insegnante o scienziato.