Spogliarelliste assunte ai funerali

Spogliarelliste ai funerali per attirare curiosi alla cerimonia: è la nuova tendenza in Cina, a cui il governo centrale ha opposto un secco divieto

Spogliarelliste ai funerali? No, grazie. A dirlo sono il Ministero della Cultura e tutto il governo cinese, che stanno cercando di arginare un fenomeno che ormai appare sfuggito completamente al controllo.

Qual è questo fenomeno tanto imbarazzante? Molto semplice: negli ultimi anni, le spogliarelliste hanno sostituito in toto il ruolo delle prefiche durante le celebrazioni funebri, anche se non proprio con lo stesso scopo, come riporta Metro. Se le prefiche avevano l'obiettivo di mostrare come il defunto lasciasse dietro di sé un'eredità d'affetti, le spogliarelliste cinesi hanno l'obiettivo di attirare le persone per un singolare ultimo saluto. Tutto affonda le radici in una credenza popolare: se ci sono molte persone a un funerale, il defunto godrà di grandi fortune nella sua vita ultraterrena. Tuttavia, l'effetto è chiaramente stridente, sebbene le persone accorse a una simile celebrazione potrebbero dirsi ben rallegrate di essere vive.

Fino a che il governo non ha messo al bando gli spogliarelli al cimitero, questi costavano 70.000 yuan, il corrispettivo di circa 7.000 sterline. Ma ora che c'è il blocco, imposto anche da ventilate azioni di polizia in tal senso: si può immaginare che i prezzi saliranno, come accade per tutto ciò che diventa illegale e clandestino. Secondo il governo cinese, il fenomeno va arginato soprattutto perché «ha corrotto l'atmosfera sociale».