Zanetti: «Siamo forti, ripartiremo nel 2011»

Dopo il pesante 3-1 dell'Olimpico parla Zanetti<BR> «Non pensavamo al Mondiale, il gruppo c'è, Pandev? Tutti dobbiamo dare qualcosa in più»

Claudio De Carli
nostro inviato
ad Appiano Gentile
Il presidente non aveva una bella cera neppure prima di Lazio-Inter 3-1. Ha messo tutto nelle mani di Abu Dhabi, se Benitez torna con la coppa forse è salvo.
Zanetti fa il capitano, alla presentazione dell'ennesima iniziativa a scopo benefico della sua fondazione Pupi, ha cercato di far passare la tesi degli infortuni, ma la squadra non è quella della scorsa stagione. Scusi Zanetti, ma lei se n'è accorto?
«Vi assicuro che il gruppo c'è, ha voglia, non ha mollato ».
Ma la scorsa stagione Eto'o faceva il terzino, adesso Pandev non torna...
« Stiamo parlando della partita con la Lazio ? La gara di ieri è stata strana, con il primo gol subito per colpa nostra. Avremmo dovuto evitare il 2-0, ma abbiamo reagito e sfiorato il 2-2. È un periodo in cui le cose non ci vanno bene, ma non possiamo tornare indietro».
Non stavamo parlando solo di Lazio-Inter...
«La voglia di far bene e il gruppo ci sono. Dobbiamo però dare tutti qualcosa in più, siamo i primi a dirlo. Ultimamente ci è mancata più di metà squadra e non è facile. Le difficoltà ci sono, ma la voglia di continuare a vincere non manca».
Sempre questa difesa che parte dalla mancanza di titolari, non siete stanchi anche voi di ripeterla?
«Ma qui stiamo parlando di un giocatore come Walter Samuel, per noi lui è importante. Dispiace per l'infortunio che lo terrà fuori fino al termine della stagione. Stiamo prendendo troppi gol nelle ultime partite, anche se non è solo per la sua assenza, me ne rendo conto, alla fine dipende tutto dalla squadra».
Adesso ci dirà che pensavate al Werder e al Mondiale, ecco come si spiega l'opaca prova dell'Olimpico...
«Per arrivare bene al Mondiale avremmo dovuto uscire bene dall'Olimpico e da Brema...»
Ma il Mondiale quanto vi pesa?
«Non eravamo distratti dal Mondiale per club. Ora abbiamo la partita di Brema che per noi è comunque importante per il primo posto nel girone di Champions League. Poi l'obiettivo è recuperare gli uomini che sono fuori, tutti elementi importanti».
Il campionato è andato?
«Non facciamo calcoli, o tabelle, quando sarà il momento vedremo quale sarà la nostra posizione in classifica».
Benitez ha detto che ci crede ancora...
«Ora pensiamo al Mondiale per club, il presidente ci tiene molto. E ci teniamo molto anche noi, è una competizione che ci consentirebbe di chiudere nel migliore dei modi un anno fantastico. Speriamo di tornare ad essere al completo all'inizio del 2011 e di recuperare punti importanti in campionato».
Manca lo spirito...
«Pensiamo a gara dopo gara in campionato e vedremo che cosa succederà».
La parola giusta per ripartire qual è?
«Crederci, avere fiducia e sapere che al di là di tutto siamo forti e che in questo momento dobbiamo stare tutti insieme per uscire dalle difficoltà. Facciamo l'ultimo sforzo per il Mondiale e poi nel 2011 ripartiamo alla grande».