De Falco contro Salvini: "Buffone, vai a casa"
Giorgia Meloni: "Conte vuole solo difendere le poltrone"
Roma, panico in stazione: canadese minaccia il personale con spranga
Rimini, gambiano con coccio di bottiglia ferisce e insegue 27enne
Salvini: "Iva non aumenta se si vota a ottobre"
Salvini: "Rifarei tutto, chi ha paura del voto non è un uomo libero"

"Quelli che restano" Coming Soon

Il 21 settembre 2017 ricorre la XXIV Giornata Mondiale dell'Alzheimer, una malattia di cui si sa ancora troppo poco e che nell'indifferenza diffusa colpisce sempre più persone in Italia e nel mondo.

Proprio in occasione di questa giornata Gli Occhi della Guerra, l'iniziativa editoriale de ilGiornale.it nata per rilanciare il reportage giornalistico, punta i riflettori su questo tragico male, e in particolare sulle difficoltà di chi resta al fianco dei propri cari ammalati.

Il 21 settembre, con il docu-reportage Quelli che restano, Gli Occhi della guerra mostreranno in modo intimo e personale la condizione delle persone colpite dall'Alzheimer e delle loro famiglie. Uno sguardo diretto ma delicato sulla sofferenza di chi si trova solo a lottare contro una malattia che è in grado di togliere l'indipendenza, di mettere in pericolo la salute e la vita, di cancellare i ricordi di un'intera esistenza, ma che non è in grado di eliminare le tracce dell'affetto e dell'amore.

È una storia anche di speranza e di coraggio quella che vuole raccontare Marco Toscani, regista già vincitore del premio Best Director al Global Short Film Awards di New York e Cannes con il cortometraggio fiction Ti ho incontrata domani, sempre sul tema dell'alzheimer.

Il docureportage è stato realizzato grazie al sostegno e alla collaborazione de Gli Occhi della Guerra nell'ambito del Reporter Day, il concorso di idee per reporter e aspiranti tali che si è tenuto lo scorso giugno alla sede de Il Giornale. La proposta di reportage di Marco Toscani, ma soprattutto la sua sensibilità, hanno conquistato la giuria del concorso, che ha così deciso di finanaziare la sua idea. Il risultato è un messaggio di indubbio valore che speriamo possa dire di più sulla realtà della malattia di Alzheimer, e soprattutto dare forza a chi la sta vivendo.

Calendario eventi