Politica
Referendum autonomie, Zaia: riforme si fanno partendo dal popolo
Politica
Voto in Lombardia: le immagini dai seggi
Cronache
Palma Campania, il piccolo comune con otto casi di tubercolosi in meno di un anno
Gran Bretagna, ostaggi in un bowling
Azuki, il riccio che fa impazzire Instagram
All'asta la lettera di un passeggero del Titanic

Da 40 anni contro il coro: il documentario

La storia de il Giornale raccontato con un documentario: le voci e le immagini dei protagonisti

Commenti

Giovanni

Mar, 24/06/2014 - 02:15

No, non è così. Ho vissuto interamente, da fan di Montanell, ero un ventisettenne nel 1974, prima quando ancora era al Corriere poi al "Giornale nuovo", tutta la storia dal "pronunciamento" della zarina Giulia Maria Crespi, votata a sinistra con il licenziamento di Spadolini e con degli atteggiamenti da radicalchic. Il suo salotto veniva frequentato da Capanna e dalla sinistra barricadiera. Il Corriere, rappresentante della buona borghesia milanese non faceva più per Montanelli. Occorreva andar via. "L'argenteria" aderì al progetto di un "nuovo" giornale e lo seguì in questa avventura. Riusci a trovare i finanziamenti per la sua nascita e il 24 giugno del 1974 vide la luce. Le critiche che lo sommersero da sinistra e dalla sua intellighentia furono di una potenza di fuoco terribile. Ma vennero superate. E' vero, chi comprava allora il "Giornale" diventava un suo sostenitore. Conservo ancora la prima pagina che ho riquadrato solenne nel mio studio. Perchè sostengo che non è più così? E' vero. Esso è sopravvissuto alla morte di Montanelli e alla chiusura della "Voce". Oggi, purtroppo, è un giornale gridato e militante di una parte politica, perchè così lo ha voluto chi ne era proprietario di maggioranza. Montanelli ripeteva di aver detto a Berlusconi:"Tu sei il proprietario, io sono il padrone". Ma non fu così. Di lì a poco la spada doveva sostituire il fioretto. Montanelli conosceva solo quest'ultimo e fu lui a soccombere.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 24/06/2014 - 23:21

Quarant'anni contro le menzogne dei ciarlatani trinariciuti, ma soprattutto contro la massificazione del pensiero attuata dal culturame rosso.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 24/06/2014 - 23:28

# Giovanni 02:15 Caro signore, mi sembra che beatificare Montanelli senza attribuirgli la capacità di fare errori come succede a tutti gli uomini che non siano trinariciuti mi sembra un'eccessivo incensamento. Con Berlusconi Montanelli sbagliò.

Viaggio nel tempo

Annunci