Cronache
Maltempo, arriva la prima neve a Milano
Politica
Acceso l'albero di Natale a Piazza Venezia, Raggi fa il conto alla rovescia con i bambini romani
Cronache
Acceso l'albero di Natale in centro a Roma
Papa Francesco prega ai piedi dell'Immacolata a piazza di Spagna, tra i fedeli anche la Raggi
Brexit, Juncker: "È stato difficile per entrambi"
L'Ucoii apre alle donne imam. Ma i fedeli: "Le femmine non devono parlare"

Terzi annuncia le dimissioni

. Il ministro degli Esteri Giulio Terzi alla Camera dei Deputati durante l'informativa sui marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. "Annuncio le mie dimissioni. Le riserve da me espresse sul rientro dei marò in India non hanno prodotto alcun effetto visto che la decisione è stata un'altra. Per quarant'anni ho ritenuto e ritengo che vada salvaguardata l'onorabilità del paese, della diplomazia e delle forze armate". A cura di TMnews

Commenti

germano-ede

Mar, 26/03/2013 - 18:39

Finalmente un ministro dignitoso e fermo nel suo operato:bravo Terzi;chi dovrebbe invece dimettersi,ma non lo farà mai,è il Signor Monti:vergogna!

germano-ede

Mar, 26/03/2013 - 18:40

Finalmente un ministro dignitoso e fermo nel suo operato:bravo Terzi;chi dovrebbe invece dimettersi,ma non lo farà mai,è il Signor Monti:vergogna!

Ritratto di maior

maior

Mar, 26/03/2013 - 18:51

Un vero signore.

dinross

Mar, 26/03/2013 - 19:10

Berlusconi ti devi dimettere...
hahahahaha

Ritratto di simpatizzante

simpatizzante

Mar, 26/03/2013 - 20:34

La bambinesca diatriba dell'accozzaglia che da 15 mesi messa a governare ha saputo solo creare disastri. Il Ministro degli esteri dando le dimissioni vorrebbe tirarsi fuori da questo
impiccio ma questi codardi non hanno avuto il coraggio di
spiegare ai Parenti ed al Popolo tutto che quanto accaduto doveva
essere giudicato perché i Militari in missione acettano l'ingaggio consapevoli dei rischi e dei doveri.La situazione non
è rosea perché negli Stati del Mondo la Legge viene applicata
e non come in Italia che a piacimento viene interpretata una
vera vergogna e per non incorrervi più dovremmo rimanere dentro
i nostri confini e sopratutto lasciare che siano i politici e non
i Tecnocrati che incapaci creano in casa e fuori danni allo Stato.

lust

Mar, 26/03/2013 - 21:54

Pessimo governo, pessimo ministro degli Esteri. Le sue colpe non si riferiscono ovviamente alle odierne dimissioni, bensì nell'intera gestione della controversia internazionale! Dei veri dilettanti in balia del l'arroganza e dell'astuzia degli indiani.
Bocciato anche lui.
Se gli elementi essenziali della questioni li troviamo in due tesi contrapposte circa la giurisdizione, ancora, nel provvedimento restrittivo della libertà dei Marò di un magistrato indiano sulla cui competenza v'è tutto da verificare, mancava il provvedimento del magistrato italiano, per pareggiare i conti e tenerci i nostri militari al rientro in patria su concessione del magistrato indiano.
Cosa occorreva fare, intanto verificare che il fascicolo aperto a Roma a carico dei due Marò avesse ad oggetto un reato tale da consentire la misura cautelare personale che impedisse loro di lasciare il paese per ottemperare al provvedimento del collega indiano, di seguito emettere la misura (bastava un divieto di espatrio, o un obbligo di firma) per trattenerli. Il motivo della misura cautelare lo detta il codice di procedura basta solo scegliere: il pericolo di fuga? Perché no, i militari sfiduciati dall giustizia potevano espatriare a favore di un qualsiasi paese che non consenta l'est radiazione (vedi Brasile); reiterazione del reato, anche visto che per il lavoro che svolgono devono utilizzare armi; pericolo di inquinamento delle prove, anche, avrebbero potuto contattare i civili presenti sulla Enrica Lexie chiedendo una testimonianza favorevole.
Subito dopo, avendo sollevato il'ambasciatore garante del rientro in India, attendere il calmar si delle acque per de rubricare il tit. poro di reato dell'imputazione, ed caso mai procedere al giudizio in suolo italico.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 26/03/2013 - 22:37

da Conto-Terzi, il ministro definito da Sion "un pezzo di Israele nel governo italiano" non mi aspettavo molto. Da Di Paola, ancor meno ma è molto più grave che un militare non senta la necessità di dimettersi mentre un borghese dei salotti buoni come Terzi, sì.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 26/03/2013 - 22:38

Continua la tradizione BADOGLIANA nella "difesa" in Italia

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 26/03/2013 - 22:45

tardivo.... in Giappone avrebbe fatto harakiri... ma meglio di niente.

giuseppe.galiano

Mer, 27/03/2013 - 06:48

Capirai, fa il nobile gesto delle dimissioni...da che? da quale, inesistente, governo? e poi, a me sembra che sia la giusta causa per tirarsi fuori dai guai che lui stesso un anno fa ha combinato. Per me, va denunciato per incappacità.

Viaggio nel tempo

Annunci

Calendario eventi

09 Nov - 12 NovEICMA 2017
07 DicPrima della Scala
20 Dic - 06 GenVacanze di Natale
03 Gen - 31 GenCalciomercato invernale 2018
06 Feb - 10 FebFestival di Sanremo 2018
09 Feb - 25 FebPyeongchang 2018
21 Feb - 27 FebMilano Fashion Week
08 Maggio - 12 MaggioEurovision Song Contest 2018
04 Maggio - 27 MaggioGiro d'Italia 2018
Tutti gli eventi