Quei bambini dimenticati dallo Stato: l'infanzia al Parco Verde di Caivano
Sixty Days In, partecipanti dietro le sbarre nel nuovo reality USA
Paolo Limiti, professionalità e qualche gaffe
Calci in faccia alle vittime dello scippo
Le proposte accessibili
Vado da solo a liberare il mio box

Da modello a senzatetto, sei anni in strada

Per circa sei anni la sua casa è stata la strada, senza una fissa dimora e un riparo costante. Mark Reay, di 56 anni, ha trascorso un periodo molto lungo sull’asfalto vedendo la sua vita trasformarsi radicalmente. Dopo anni come modello affermato per shooting di moda e sfilate importanti, Mark è passato dagli agi all'incertezza quotidiana. Ma in pochi hanno compreso la sua realtà e quasi nessuno ha capito quale fosse la sua condizione, l’ex modello si cambiava e si preparava nei bagni pubblici nascondendo a tutti il sui disagio. Come ha affermato lui stesso: "Quando sei vestito bene nessuno si accorge di chi sei veramente".

Eppure in questi sei lunghi anni la sua vita è stata tutto meno che facile, con il solo riparo di spazi fatiscenti e anche un tetto nell’East Village di New York City. Sopravvivendo con qualche piccolo lavoretto, che gli consentiva solo di cibarsi senza la possibilità di affittare una camera o un appartamento. La sua storia è venuta alla luce grazie al suo amico e regista austriaco Thomas Wirthensohn che ha voluto trasformarla in un documentario dal titolo Home Less. A suggerire l’argomento del lungometraggio è stato lo stesso Mark e il mini film ha preso vita nel 2014. La notorietà ottenuta ha cambiato nuovamente il percorso dell'esistenza di Mark che, da tempo, ha trovato nuova luce nella fotografia. Ora vive con la madre, che non conosce il suo percorso ed è ignara del suo passato di senza fissa dimora.

Annunci