Cronache
Kenya, abitanti di un villaggio massacrano con un machete un elefante intrappolato
Palermo
Esplosione in un deposito di fuochi d'artificio: ci sono delle vittime
Cronache
Nel furgone 36 clandestini: il blitz della Polizia
Esce per una passeggiata nel bosco e muore divorata dai cani, choc nel nord della Francia
Taranto, medici e ambientalisti all'attacco: "Non si deve più inquinare"
Danni, molestie sessuali e autoerotismo: il tunisino perde il permesso di soggiorno

"Noi siamo stati sempre corretti", lo sfogo del direttore sportivo del Palermo Rino Foschi

Quello che abbiamo fatto quest'anno ha dell'incredibile - spiega Foschi - abbiamo lavorato con grande serietà e professionalità. In estate abbiamo presentato un'iscrizione regolare, è stato fatto un grande lavoro, un mercato in attivo, abbiamo pagato tutti gli stipendi regolarmente, oggi mi sento molto amareggiato. Non ho una risposta a questa decisione, potevo capirla in caso di irregolarità nell'iscrizione al campionato ma per la Covisoc ha confermato che tutto era regolare. E' una vergogna che arrivi una sentenza del genere che punisce una città intera, una tifoseria e il nostro lavoro. L'azienda calcio è un'azienda che produce è importante per il Paese, Palermo è la quinta citta d'Italia, non si può subire questo trattamento. I prossimi gradi di giudizio? Resto fiducioso".

Calendario eventi