Accoltellati, Alemanno: è per Romanzo criminale

Il sindaco in visita alla scuola media Falcone, dove la scorsa settimana uno studente ha ferito un compagno con una lama: "Dalla tv modelli di comportamento sbagliati"

Roma - Le risse con i coltelli? E se fosse colpa di Romanzo criminale? Gianni Alemanno questa mattina ha visitato la scuola media Falcone, in via Fosso dell’Osa, teatro giovedì scorso dell’accoltellamento di uno studente di 15 anni da parte di un altro alunno della scuola. Il sindaco si è intrattenuto a colloquio per circa mezz'ora con la preside e i rappresentanti delle associazioni di quartiere. Un incontro nel corso del quale sono stati esposti al sindaco i problemi che affliggono la zona, in particolar modo la carenza di servizi e di spazi di aggregazione.

Progetti e bande giovanili "Ho invitato il presidente del Municipio a fare una consulta con le associazioni di quartiere e le scuole - ha detto Alemanno - per elaborare dei progetti di carattere sociale che possano rappresentare un punto di riferimento per i giovani". In merito all’accoltellamento avvenuto nel cortile della scuola, Alemanno ha specificato che si tratta: "Non di una criminalità organizzata, siamo a un altro livello, quello delle bande giovanili".

Modelli culturali Quindi il primo cittadino ha parlato anche di modelli culturali che vengono veicolati alle giovani generazioni: "L’avevo detto fin dall’inizio che alcune operazioni culturali come la serie tv Romanzo Criminale o altre simili non aiutano, hanno lanciato delle mode, degli atteggiamenti e dei modi di fare sbagliati. I giovani, invece - ha proseguito - non vanno lasciati da soli, faremo tutto il possibile per stare nelle periferie".