Agriturismo: il governo in campo per la valorizzazione dell'offerta italiana

Il ministro Zaia ha istituito un Osservatorio per favorire una classificazione nazionale che offra ai turisti uno strumento trasparente per la scelta delle proprie eco-vacanze. Il ministro Brambilla ha avviato un comitato di promozione. Soddisfatta Confagricoltura.

Al via due iniziative del governo per la valorizzazione dell'offerta agrituristica italiana. I due programmi dell'esecutivo hanno ricevuto il plauso di Agriturist, l'organizzazione di Confagricoltura che si occupa del settore e che domani a Riomaggiore ospiterà l'ottavo Forum Nazionale dell'Agriturismo.
Il primo intervento del governo riguarda l'entrata in funzione dell'Osservatorio nazionale dell'agriturismo, fortemente voluto dal ministro delle Politiche agricole Luca Zaia. All'Osservatorio, che ha ricevuto nei giorni scorsi il via libera della Conferenza Stato-Regioni, parteciperanno rappresentanti di tutte le Regioni, del Dipartimento per il Turismo, dell'Istat e delle associazioni agrituristiche più rappresentative. Nell'ambito di questa iniziativa ministeriale sarà costituito un gruppo di lavoro per la messa a punto di un sistema nazionale di classificazione dell'agriturismo per superare l'eterogeneità delle norme regionali in materia, offrendo al turista uno strumento trasparente ed unitario per la scelta della «fattoria» dove trascorrere le vacanze.
La seconda iniziativa porta la firma del ministro del Turismo, Michela Vittoria Brambilla: la costituzione del Comitato Turismo-Natura, che ha lo scopo di coordinare e valorizzare l'offerta ecoturistica nazionale, di cui l'agriturismo è componente molto importante.
«Siamo soddisfatti - ha dichiarato Vittoria Brancaccio, presidente di Agriturist - per queste due iniziative governative. L'agriturismo è un patrimonio enorme, come dimostrano i venti milioni di persone che ogni anno scelgono per le proprie vacanze, e per i fine settimana, fattorie, parchi naturali, mete enologiche ed enogastronomiche».