Allarme squalo bianco nell’Adriatico

Un esemplare di quattro metri è stato avvistato da pescatori croati al largo di Pola. La polizia ai turisti: «Nuotate vicino a riva». Allerta sulle coste italiane

Eleonora Barbieri

Si era fatto vivo nelle acque dell’Adriatico circa due anni fa e ora lo squalo bianco è tornato a fare una «visita»: un esemplare è stato avvistato al largo di Pola, nella Croazia settentrionale. Ed è subito scattato l’allarme, lanciato dalle autorità croate: «Non allontanatevi troppo dalla riva». L’animale, lungo circa quattro metri, sarebbe stato identificato da alcuni pescatori e dagli operai di una piattaforma petrolifera al largo della città di Pola; è seguito poi un secondo avvistamento, più a sud, nei pressi di Fiume, dove lo squalo bianco sarebbe stato visto aggirarsi più vicino alle coste.
Il timore è proprio che l’animale si avvicini troppo ai litorali che, in questo periodo dell’anno, sono affollati di turisti. Le autorità portuali non sono ancora riuscite a verificare se si tratti davvero di uno squalo bianco - il più pericoloso fra quelli diffusi nel Mediterraneo - o, piuttosto, di una specie più inoffensiva. Nel dubbio, comunque, il ministero per il Turismo e gli Affari marittimi ha avvertito: «Sebbene gli avvistamenti non siano stati confermati dalla polizia marittima, invitiamo i bagnanti a non nuotare troppo lontano dalla costa». Gli agenti della guardia costiera si stanno dando da fare per trovare tracce dell’animale, finora con scarsi risultati: «Non vogliamo creare panico - ha sottolineato un portavoce del ministero - ma, anche se le denunce non sono state confermate, siamo tenuti a informare il pubblico». Le autorità di porto intanto hanno piazzato delle bandierine segnaletiche e hanno messo sull’avviso i dirimpettai - ovvero i colleghi italiani.
Si teme infatti che lo squalo possa spostarsi verso i lidi della nostra penisola: solo nel 1998, al largo di Ancona, venne filmato un evento spettacolare quanto «da brivido»: uno squalo bianco che divorava un suo fratellino della specie «volpe». Anche se le possibilità che raggiunga le nostre spiagge sono piuttosto basse: «Nel Mediterraneo - ci spiega l’esperta Simona Clò - la presenza dello squalo bianco è sempre più rara: i pescatori li notavano soprattutto in occasione delle mattanze di tonni; ma ora, poiché il numero di questi ultimi si è ridotto, sono diminuiti anche gli avvistamenti di questi esemplari, tanto che, ormai, sono una specie protetta». Non solo: «I fondali dell’Adriatico sono troppo bassi per poter attirare degli animali dalle dimensioni così grandi: lì non possono trovare le loro prede preferite». Gli attacchi nel Nord Adriatico, secondo la stampa croata sono stati sei in un secolo, di cui quattro mortali: l’ultimo nel 1971. Anche se, solo due anni fa, un esemplare di sei metri e oltre due tonnellate di peso rimase impigliato nelle reti dei pescatori vicino a Spalato. Comunque, rassicura l’esperta, «i casi sono molto rari: si può fare il bagno tranquilli». Sperando di non fare brutti incontri.