Approvato alla Camera l'odg dell'opposizione: "Vogliamo portare i rifiuti in tutte le regioni"

L'odg passa nonostante il parere contrario del governo. Il documento indica in
prima battuta l'inceneritore di Brescia e gli altri impianti
del nord gestiti dalla società A24 come luogo dove avviare lo smaltimento dei
rifiuti. Ma la Lega: "Odg senza valore, vigileremo perché non abbia seguito"

Roma - L’ordine del giorno del Pd approvato dalla Camera nonostante il parere contrario del governo impegna l’esecutivo a consentire il trasporto dei rifiuti dalla Campania "in tutte le regioni italiane", in particolare in quelle del Nord. Il documento sul quale il governo è stato battuto indica in prima battuta l'inceneritore di Brescia e gli altri impianti del nord gestiti dalla società A24 (che controlla a Napoli la Partenope Ambiente) come luogo dove avviare lo smaltimento dei rifiuti del capoluogo campano. Inoltre l’ordine del giorno chiede al governo di verificare "quali altri impianti del Nord Italia possano ospitare e assorbire parte delle giacenze della Provincia di Napoli".

Il Pd: "Governo sconfessato" Esulta il Partito democratico. Alessandro Bratti, capogruppo Pd nella commissione Rifiuti di Montecitorio, evidenzia che "il voto di oggi sconfessa la politica del Governo sui rifiuti in Campania". "Sono mesi che proponiamo alcuni punti cruciali che dovevano essere inseriti nel decreto ma la scelta di non accettare nessun dialogo con l’opposizione è stata completamente miope ed ora il Governo dovrà tener conto delle indicazioni dell’Aula - continua l'esponente del Pd - con il nostro ordine del giorno chiediamo in sostanza il coinvolgimento delle Regioni per affrontare l’emergenza campana, l’utilizzo dell’impiantistica del Nord in maniera controllata e l’uso delle cave dismesse".

La Lega si mette di traverso Immediata la reazione della Lega che assicura che si metterà di traverso affinché l'odg del Pd non venga attuato. "L’ordine del giorno proposto dal Pd sui rifiuti dimostra in quale considerazione il Pd tenga le Regioni del nord. Nell’ottica della sinistra il nord diventerà la discarica non solo di Napoli, ma di tutta la Campania - spiega il viceministro leghista alle Infrastrutture, Roberto Castelli - ncora una volta si dimostra che l’unica forza politica che difende il nord dai soprusi di questo Stato centralista è la Lega". In ogni caso, assicura l'esponente del Carroccio, "l’ordine del giorno non ha alcun valore cogente e pertanto vigileremo affinchè esso non abbia seguito".