Ardesia, damaschi e filigrana: l’artigianato ligure in mostra

Due giorni, oggi e domani, per visitare la mostra dedicata al «Viaggio nell'artigianato ligure di classe superiore» al Palazzo della Borsa di Genova. Si tratta di una iniziativa volta a promuovere e valorizzare le lavorazioni tipiche artigianali liguri create dalle 150 aziende certificate attraverso il riconoscimento del marchio internazionale «Artigiani in Liguria». Il Presidente della Camera di Commercio di Genova Paolo Odone rileva che «l'artigianato è una forma artistica: i liguri sono tradizionalmente un popolo di artisti creativi; questo evento rappresenta una volontà di investire nel mondo artigiano per cercare di superare l'attuale crisi economica». L'intenzione è di immettere e far conoscere al mercato internazionale la lavorazione ed i prodotti artigianali liguri. L'esposizione è un percorso visivo e sensoriale di originali creazioni attraverso svariate tipologie e spazi: un ruolo centrale e rilevante è dedicato all'arte sacra considerata anche come «nicchia di mercato». La realizzazione espositiva è il risultato di una collaborazione e sinergia fra il settore pubblico e quello privato; il primo è rappresentato da enti quali la Regione Liguria e la Camera di Commercio di Genova, il secondo dalle varie associazioni di categoria. Il marchio «Artigiani in Liguria» comprende dieci disciplinari; cinque riguardano i prodotti: l'ardesia della Val Fontanabuona, i damaschi e tessuti di Lorsica, la filigrana di Campo Ligure, la sedia di Chiavari ed i velluti di Zoagli, mentre le altre cinque includono il settore della produzione: la ceramica, il cioccolato, la composizione floreale, il ferro battuto ed il vetro. L'Assessore Regionale allo Sviluppo Economico Renzo Guccinelli ritiene che «le imprese artigiane che lavorano in questi settori stimolano una crescita economica necessaria in questo momento di recessione e crisi economica. Investire risorse in questo ambito rappresenta una notevole opportunità economica per superare la crisi e per valorizzare l'ambito artistico, culturale e sociale ligure. È nostra volontà sostenere il più possibile l'Artigiancassa: maggiori mezzi devono essere destinati all'internazionalizzazione ed innovazione delle imprese».
I prodotti esposti da circa 60 ditte artigiane esprimono una storia, una tradizione, una manualità e creatività che è accompagnata e sostenuta da una forte innovazione nelle qualità e nei generi dei prodotti artigianali; tutto questo salvaguardando i processi produttivi. Il segretario della Confartigianato Liguria Luca Costi informa che «grazie ai valori delle imprese artigiane, la Regione Liguria è entrata a far parte della carta internazionale dei principi dell'artigianato artistico: questo inserimento rappresenta una ulteriore opportunità ed è un marchio di garanzia e qualità del settore a livello mondiale». Presente all'inaugurazione il Consigliere Regionale Pdl Franco Rocca che fa sapere che «insieme ai componenti del gruppo politico ho sostenuto una interrogazione che riguarda gli aiuti e le agevolazioni alle piccole e medie imprese. Ritengo che sia fondamentale sostenere le aziende per incrementare il settore economico legato al turismo e all'occupazione lavorativa ligure».