Bacia il seno alla paziente, medico incastrato dal Dna

L'episodio nel Bergamasco. Il campione di saliva incastra il professionista, condannato a un anno e otto mesi per violenza sessuale

L'umiliazione non le ha impedito di restare lucida e di correre subito dai carabinieri, scelta di tempestività che ha permesso di inchiodare con la prova madre del Dna il suo medico.

È una storia di estrema provincia che si potrebbe definire boccaccesca, se non fosse in realtà pesante e drammatica per chi l'ha subita. Si parla comunque di violenza sessuale.

Luogo dell'incredibile episodio, nel 2013, è Mornico, un borgo della pianura bergamasca. Qui, una donna del paese, si reca dal medico per una visita. Il professionista, 53 enne, è specialista in interventi estetici. Inizialmente il medico si sofferma in modo piuttosto strano sul seno, tanto che la donna cade subito nel più profondo imbarazzo. Le viene indicato di tornare. La data è il 14 maggio: quella volta, il medico arriva al punto di baciare il seno alla sua paziente.

Benché choccata e inebetita, la donna riesce in qualche modo a uscire dalla situazione, mantenendo il sangue freddo necessario per correre subito da carabinieri. I militari, ascoltati i dettagli della violenza, conducono subito la paziente in ospedale per prelevare un campione della saliva lasciata sul seno nel bacio rubato.

Scatta l'inchiesta. Le indagini portano così al fatidico e risolutivo esame del Dna. L'altro giorno, in tribunale, emerge chiaramente dal responso dei Ris di Parma che i fatti sono tutti veri e provati. Per il medico un anno e otto mesi di condanna. Lo salva la condizionale. La donna, che vuole solo dimenticare, decide di non costituirsi neppure parte civile. Le basta sapere che giustizia è fatta, grazie alla sua forza e alla sua prontezza di riflessi.

Commenti

Holmert

Mer, 19/11/2014 - 20:24

Certi medici dovrebbero essere subito radiati dall'albo professionale dell'ordine dei medici. Mai visitare una donna, specie se giovane e procace, in assenza di una accompagnatrice. "Cum matrona" dicevano una volta.

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 19/11/2014 - 21:53

Trovo che la cosa sia assurda perchè il DNA non prova il fatto ma solo la sua presenza sul seno della Donna. La saliva su quel seno può esserci arrivata cadendo dalla bocca mentre il medico la visitava o in altro modo, magari è stata la stessa donna a mettercelo approfittando di un occasione. Non dico che il medico sia innocente, forse è veramente colpevole ma questo sistema di far provare al DNA cose che non può provare lo considero una forzatura della realtà. Il fatto, poi, è stranamente avvenuto nel bergamasco, cioè nella stessa zona dove è il caso Bossetti. Il tutto sembra il voler affermare un metodo inaffidabile al massimo, da parte della magistratura di quei luoghi, creando dei precedenti giudiziari.

Sabino GALLO

Gio, 20/11/2014 - 00:48

Ma, forse, voleva essere un atto d'amore!! D'altra parte, era un medico estetico. Forse voleva fare una prova di elasticità del seno! Oppure voleva esprimere una certa ammirazione per la perfezione del seno della paziente! Non bisogna pensare sempre male!! Anche questa è una cultura antica da valorizzare , come quella dei rom!

max.cerri.79

Gio, 20/11/2014 - 07:50

Sarà, ma il mio dna non l'hanno trovato né sulle mutandine di Yara, né sulle tette di nessuna paziente... strano...

gio 42

Gio, 20/11/2014 - 09:03

Buongiorno, perfetto "stok47". Saluti

LisaSimpson

Gio, 20/11/2014 - 09:20

@stock47: ma pensa davvero le assurdità che ha scritto? Che la saliva sia caduta dalla bocca del medico manco fosse un cane bavoso?? O che la signora ce l'abbia messa di proposito?!?!?! E come avrebbe fatto di grazia? Ma stiamo scherzando??

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Gio, 20/11/2014 - 10:06

quest'estate ero in vacanza in veneto e ho visto "le tre grazie" nella casa di Canova. Vi giuro che ho avuto l'istinto di baciarle tanto era una statua "viva". Magari il medico è sensibile all'arte e si è lasciato prendere la mano, ops la bocca.

Ritratto di RobyPer

RobyPer

Gio, 20/11/2014 - 10:39

@LisaSimpson - le ipotesi di stock47 sono volutamente esasperate. Purtroppo nessuno mette in dubbio la buona fede della donna. Però in effetti la prova del DNA non prova nulla. Prova solo che davvero la donna è stata dal medico, non quello che è successo. Lisa, provi a pensare, lei si invaghisce di un uomo, in un attimo di foga gli prende la testa tra le braccia e la schiaccia contro il suo decoltè e lui a causa di questo preme le sue labbra sul suo seno. Poi però la respinge (magari perché è sposato e solo perché non condivide l'infatuazione). Lei furiosa per il rifiuto ricevuto va dai carabinieri e lo denuncia per violenza sessuale. Arrestato, processato e condannato sulla base del DNA effettivamente trovato sul suo seno, ma... Capisce ora cosa intendeva stock47? E purtroppo di casi del genere ce ne sono molti, faccia una piccola ricerca in google

gibuizza

Gio, 20/11/2014 - 10:42

Ma esistono ancora i limiti? 1 anno e 8 mesi per avere baciato un seno? Poi danno 8 anni a chi strupra una ragazzina, non c'è paragone. Quel medico, se ha fatto quello, e dall'articolo non si capisce molto, merita una punizione ma così mi sembra esagerato.

elalca

Gio, 20/11/2014 - 10:45

a me ricorda tanto il caso lewinsky.......

DeZena

Gio, 20/11/2014 - 11:38

per stock 84: si il medico perdeva le bave mentre la visitava.. la verità e' che con sta tiritera di "nessuno tocchi Caino", Abele lo piglia sempre in quel posto... Castrazione chimica per quel medico.

Ritratto di RobyPer

RobyPer

Gio, 20/11/2014 - 14:01

@DeZena - le augurerei le succedesse la stessa cosa, così come spiegata nel mio precedente post. Poi vediamo se la pensa allo stesso modo. Nessuno tocchi nessuno se non c'è una prova VERA!!! Vi piace il DNA? Voi avete visto troppi telefilm di CSI, ma non li avete nemmeno capiti. Il DNA serve a collocare qualcuno sul luogo del delitto, le prove che servono a dire cosa ci ha fatto su quel luogo sono ben altre. Guardatevi le repliche di CSI ed imparate ad usare la testa ed a ragionare un po'!!!