Bambini dislessici, i libri per superare la difficoltà

La casa editrice romana Biancoenero ha mandato in libreria quattro volumi di favole per ragazzini fra gli 8 e i 10 anni. La veste grafica dei volumi è conforme ai criteri di alta leggibilità per favorire chi ha problemi

Lettura e dislessia sembra una sorta di ossimoro. Concetti e termini che non vanno d'accordo. O almeno non sembra. Se il 50% dei ragazzi in età scolare non legge alcun libro al di fuori di quelli di testo, un 5% della popolazione scolastica soffre di dislessia, mentre gli allievi non madre lingua italiana (quindi con difficoltà di altro tipo) salgono al 6%. Ad essi si aggiungono i cosiddetti lettori pigri che abbassano ulteriormente il tetto di chi si avvicina a un libro. Per andare incontro alle giustificate difficoltà di questa fetta della popolazione la casa editrice Biancoenero ha varato una collana di libri rivolti, per adesso, ai piccoli lettori e che saranno presentato a Roma il 12 ottobre. Una fascia d'età, stimata tra gli 8 e i 10 anni, insomma. Freschi di pubblicazione quattro libri di favole illustrati e scritti secondo i criteri di alta leggibilità.
Si tratta dell'uso di un particolare tipo di carta, ma soprattutto di caratteri distintivi che non permettano fraintendimenti. E di conseguenza, allontanando i rischi di errore, avvicinano alla lettura chi ha più difficoltà. Capita di frequente a tutti, infatti, di confondere una l (elle) minuscola con una I (i) maiuscola, o distinguere con difficoltà la m dalla n per il numero di zampe. Per non parlare delle assimilazioni a-e, b-d oppure p-q. Nella collana «Zoom» queste lettere sono scritte utilizzando segni distintivi molto differenti che non inducono alla confusione. Font differenti per criteri condivisi con genitori, terapisti, insegnanti che si riflettono in accorgimenti linguistici e tecnici con lo scopo di ridurre i rischi e ridimensionare il problema.
Quattro i titoli a disposizione dei piccoli lettori e degli insegnanti - oltre che dei genitori - ai quali è affidato il compito di sensibilizzare i ragazzi verso questo oggetto chiamato libro. «Virus» di Valerie Dayre (euro 9.50) è la storia di un gatto vagabondo attaccabrighe e prepotente. Un cattivo, insomma. Ma col diritto di vivere come tutti. E quando la protezione animali lo cattura per ucciderlo il paese si ribella. «Falla finita!» di Guillarme Gueraud (euro 8,50) è ispirato al film di Kubrick «Rapina a mano armata» ed è il confronto eterno tra riccastri e poveri. Le ultime due recenti uscite sono invece «La settima onda» di Vincent Couvellier (pp. 63, euro 8,50) ironico racconto sull'amicizia tra un bambino e l'autista dello scuolabus che ogni mattina lo porta in aula e «Buttati Bernardo!» (pp. 56, euro 8,50) semiseria avventura di un bambino in attesa di imparare a nuotare alle prese con adulti tanto pretenziosi quanto buffi.