In banca spunta lo sportello interattivo

Nell’ambito del sistema bancario Ibm ha realizzato, nel suo laboratorio di Bari, uno sportello interattivo che cambierà, nel caso in cui sia utilizzato su larga scala, la gestione e l’utilizzo delle agenzie bancarie. Grazie a questa soluzione il cliente dialoga e interagisce con l’operatore di banca come se fosse di fronte a lui, vedendo il suo volto su un display, consegnando e ricevendo documenti cartacei e assegni, compilando e firmando moduli, usufruendo del supporto e della consulenza specializzata.
L’operatore dello sportello interattivo può essere fisicamente nella filiale oppure collegato da un’altra sede. Nelle filiali più grandi lo sportello bancario interattivo è a supporto degli sportelli tradizionali, soprattutto nei momenti di particolare affollamento, mentre nelle filiali più piccole o «leggere» può anche sostituire completamente l’operatività tradizionale.
Il cliente, in pratica, non deve fare più le code agli sportelli, può usufruire del consulente più indicato per una determinata pratica e, in più, può essere guidato dall’operatore anche per operazioni che solitamente deve compiere da solo, come la compilazione delle distinte di versamento e degli assegni e può ricevere informazioni personalizzate.
Dal punto di vista dell’istituto bancario, lo sportello interattivo consente di dare un servizio a valore aggiunto al cliente, differenziandosi così dalla concorrenza, migliorando la relazione con il cliente, e soprattutto di ottimizzando la gestione del personale, utilizzando tutte le risorse umane disponibili nelle diverse filiali indipendentemente dalla loro collocazione geografica.
Grazie a questa soluzione è possibile, a esempio, far fronte all’incremento stagionale delle attività nelle filiali dei luoghi di villeggiatura o risolvere in modo flessibile situazioni delicate, determinate da fusioni o acquisizioni tra gli istituti.
L’introduzione di questo nuovo canale consente, infine, di salvaguardare gli investimenti, grazie alla possibilità di integrare funzioni applicative e soluzioni tecnologiche già esistenti.
Ibm supporta gli istituti che decidono di realizzare lo sportello interattivo. In particolare la consulenza riguarda: la gestione dei contatti, la videoconferenza, la gestione documentale, il controllo assistito delle postazioni remote, l’integrazione «plug-n-play» (installa e usa), la ricerca del miglior assistente remoto, l’agenda condivisa, l’integrazione del desktop applicativo, l’infrastruttura di comunicazione Ip (su protocollo internet) utilizzata sia per voce e video sia per la parte dati.