Berlusconi: "Per l'Aquila ricostruzione costosa, i tempi saranno lunghi"

Il premier rassicura: &quot;La gestione dei fondi sarà trasparente&quot;. Uno <strong><a href="/a.pic1?ID=342693">stipendio a senzatetto e artigiani</a></strong>. Congelati mutui e tasse. Gli italiani promuovono la <strong><a href="/a.pic1?ID=342759">Protezione civile</a></strong>

Roma -  Impegno a ricostruire. Al più presto. Ben sapendo che sia un lavoro lungo, difficile. E costoso. Berlusconi ha nuovamente ribadito l'impegno del governo: "Per il centro storico dell’Aquila i tempi saranno più lunghi, gli interventi saranno moltissimi e complessi, non saranno tempi calcolati in mesi". Impossibile, per ora, fornire cifre attendibili: "Serviranno diversi miliardi di euro".

Gestione fondi trasparente Tuttavia, il premier ha spiegato che "la parcellizzazione degli interventi di ricostruzione sotto la responsabilità delle province" eviterà che sui soldi destinati al terremoto in Abruzzo ci siano episodi di spreco o di tangenti. "Qualunque spesa sarà contabilizzata presso il Tesoro quindi i conti saranno tutti in assoluta trasparenza". Il Cavaliere ha, comunque, anticipato che la Francia è interessata a fornire aiuti economici per la costruzione di un ospedale in Abruzzo. "A breve - ha detto il presidente del Consiglio - sarà compilato un elenco con tutti gli edifici da ricostruire e ogni paese straniero che ha dato la disponibilità potrà sceglierne uno", a cui, ha detto Berlusconi, sarà "cambiato il nome". Il premier francese Fillon, che Berlusconi ha sentito stamattina, "è interessato a costruire un ospedale".

L'apertura all'election day "Del referendum ne discuteremo nel prossimo Consiglio dei ministri", ha spiegato Berlusconi parlando del referendum e sulla possibilità che ci sia un election day per risparmiare soldi. "Vale la pena fare un’ulteriore riflessione», perchè le motivazioni che sono state addotte "meritano di essere approfondite".