Blitz a Firenze, in manette ventidue anarchici: violenze e sabotaggi a bancomat e telecamere

Una maxi operazione condotta dalla polizia di Firenze ha portato all'arresto di 22 esponenti dell'area anarchica ritenuti responsabili di diversi reati, tra i quali associazione a delinquere,
danneggiamento, violenza e oltraggio a
pubblico ufficiale

Ventidue persone, esponenti dell'aera anarchica, sono state arrestate dalla polizia di Firenze. Gli anarchici farebbero riferimento agli ambienti studenteschi e a un centro chiamato "Spazio liberato 400 colpi". I destinatari delle misure cautelari (19 toscani, un napoletano, un nuorese e un anconetano, di etĂ  compresa tra i 20 e i 30 anni) sono ritenuti responsabili di associazione a delinquere finalizzata all'istigazione a delinquere, occupazione abusiva di edifici pubblici, danneggiamento, deturpamento e imbrattamento di beni immobili, resistenza, violenza e oltraggio a pubblico ufficiale, interruzione di pubblico servizio e violenza privata.

Inoltre, i 22 anarchici sono ritenuti responsabili di una serie di danneggiamenti ai bancomat di numerosi istituti di credito fiorentini e del sabotaggio dei sistemi di videosorveglianza cittadini, di ripetuti episodi di danneggiamento di sedi di partito, sindacali e obiettivi istituzionali nazionali ed internazionali, dell'occupazione abusiva di beni immobili comunali e di enti privati e di episodi di violenza contro le forze dell'ordine.