Bus sharing e servizi per gli amici a quattro zampe Se l'ospitalità pensa a tutto

Nuovi tipi di ospitalità turistica portano anche alla nascita di idee e servizi aperti ad ogni esigenza. Sono startup di giovani che trovano in internet la loro prima locazione e accesso. Come il GoGoBus (www.gogobus.it), che nasce a Milano ed è il primo servizio europeo di Social bus sharing, per organizzare e condividere un viaggio in pullman in tutta Italia: è possibile proporre un itinerario o scegliere tra quelli già online. Tutte le partenze sono confermate al raggiungimento di 30 prenotazioni (più persone condividono il viaggio e meno si paga). E una volta giunti alla meta? Si può passare a «Italianstories», www.italianstories.it, la piattaforma web che offre ai viaggiatori esperienze uniche con gli artigiani e permette di visitare le botteghe, provare esperienze di tour/visite ai laboratori o partecipare a workshop/corsi direttamente in botteghe selezionate. Altra opportunità, una volta scesi dal pullman, può essere quella di visitare una località accompagnati da un Local Friend, servizio che propone «Guide Me Right» (www.guidemeright.com): una piattaforma dove si possono provare esperienze locali in compagnia di una persona del posto che condivide il proprio tempo libero come è solito fare con un amico. Il tariffario di ogni Local Friend è suggerito in base alla sua reputazione sul portale. Tanti i consigli e le guide per chi viaggia con bambini: come Its4Kids, www.its4kids.it, sito dedicato al turismo familiare. Per chi non vuole rinunciare al proprio amico a 4 zampe, ecco TripDoggy (www.tripdoggy.com), che promuove esperienze turistiche di viaggio con il cane trovando strutture ricettive che accolgano animali. C'è anche chi pensa alle persone con disabilità: è Superabili (www.super-abili.it) il motore di ricerca per strutture accessibili, guide turistiche, itinerari, servizi accessori dedicati ai disabili.MCal