Expo al sapore di cacao, con la Costa d'Avorio il Cluster fa il pieno

Firmato il contratto per la partecipazione all'Esposizione universale nell'area tematica dedicata al "cibo degli dei" del Paese africano, primo produttore al mondo. Al centro della presenza ivoriana ricerca e innovazione tecnologica nella coltivazione fra tradizion ed etica sociale

Il colpo di scalpello usato per rompere una “montagnetta” di cioccolato è il rituale con cui è stata celebrata, all’Expo Gate, la firma del contratto di partecipazione della Costa d’Avorio a Expo Milano 2015. Il Paese africano sarà presente sarà presente nel Cluster tematico dedicato al cacao, "location" che raccoglie i produttori del "cibo degli dei" nel quale la Costa d’Avorio occupa un posto di primo piano perché è il più importante fornitore di cacao al mondo con il 36% della produzione.

Così il Cluster del caffè, dopo quello Bio-Mediterraneo, fa il il tutto esaurito con le altre partecipazioni: Camerun, Cuba, Gabon, Ghana e Sao Tomé e Principe. Il documento è stato siglato dal Commissario generale dello spazio ivoriano Victor Ouloupohi e dal direttore generale della divisione Partecipanti di Expo 2015 Spa Stefano Gatti nel corso della cerimonia allegra e festosa alla quale hanno hanno partecipato anche l'ambasciatrice della Costa d’Avorio in Italia Janine Tagliante Saracino, il presidente di Eurochocolate Eugenio Guarducci e il presidente di Fairtrade Italia Andrea Nicolello Rossi.

Clima di festa, abbiamo detto, perché per fcelebrare l’adesione Expo in collaborazione con Eurochocolate e la partecipazione di Fairtrade, partecipante della Società Civile di Expo Milano 2015, ha organizzato una giornata aperta al pubblico interamente dedicata al Paese e al cioccolato con danze e musica ivoriane, il racconto dell’esperienza di Fairtrade in Costa d’Avorio legata alla produzione sostenibile, show cooking e degustazioni guidate con Davide Comaschi, campione mondiale di cioccolateria mentre lo scultore Andrea Gaspari ha realizzato in presa diretta una scultura di cioccolato a forma di cabossa, il frutto del cacao. Workshop per bambini Sulla via del Cacao, organizzato in collaborazione con l’Expolab dell’Università Cattolica per far scoprire loro come si produce la tavoletta di cioccolato. Durante l’incontro è stato anche svelato un visual 3D in cioccolato, realizzato dal Laboratorio Dolci Libertà, a cui partecipano i detenuti del carcere di Busto Arsizio.

La Costa d’Avorio ha scelto di partecipare al Cluster dedicato a questa materia prima con il tema Produrre cacao in modo sostenibile per tutto il Pianeta (Fournir Durablement le Cacao à toute la Planète): all’Esposizione universale racconterà e presenterà le esperienze maturate nel campo della ricerca e dell’innovazione tecnologica con diretta applicazione alla coltivazione del cacao, valorizzando tradizione ed etica sociale.

Leggi lo speciale Expo Milano 2015