«Il calcio nacque con l’Internazionale»

(...),attribuendo maggior risalto al campionato di serie C piuttosto che alla massima serie ed alla coppa Uefa, in quanto, anziché vivere in un doveroso silenzio il proprio «dramma» sportivo, non manca di attaccarci in qualunque modo ma, mancando validi argomenti, utilizza meschine invenzioni prontamente smentite da dati oggettivi (basti pensare alla fede calcistica di Fausto Coppi, al fantomatico plagio della maglietta dell’Amantea, ecc). A tal proposito vorrei rimarcare la signorilità e maturità di noi sampdoriani che non abbiamo assolutamente infierito sulle loro vicende extracalcistiche cosa che, a ruoli invertiti, certamente sarebbe finita in ben altro modo! Fatta questa doverosa premessa, con la presente, intendo portare a conoscenza di tutti gli sportivi (sperando che il vostro quotidiano decida di pubblicarla) una notizia storica, opportunamente documentata (e confermata in vari siti internet) circa la reale nascita del calcio in Italia secondo la quale non è affatto vero il luogo comune secondo cui fu il Genoa a portare nel nostro Paese lo sport più amato! La notizia in questione è desumibile dalla lettura del libro «Il calcio: una storia mondiale» la cui edizione italiana è stata curata da Gian Paolo Ormezzano, noto giornalista sportivo nazionale; secondo questo testo (in particolare alle pagine 35 e 42 che allego alla presente), infatti, l’attività pionieristica in Italia risale addirittura agli anni ’70 dove in varie città portuali (tra cui anche Genova) si giocava già tale sport grazie ad alcuni britannici, fino ad arrivare nel 1887 quando il torinese E. Bosio organizzò addirittura alcune partite in Inghilterra, fondando nel 1891, assieme ad alcuni patrizi capeggiati dal Duca degli Abruzzi l’Internazionale F.C. (da considerarsi, pertanto, la prima squadra di calcio italiana!). Nel 1892, inoltre, a Vercelli nasce la sezione calcio della locale società di scherma e ginnastica! Circa la nascita del Genoa Cricket and Football club, risalente al 7 settembre 1893, il citato testo evidenzia come solo nel 1896 viene deciso di estendere all’oggetto sociale l’attività calcistica, ottenendo soltanto un anno dopo l’ammissione di soci italiani! A ciascuno la sua interpretazione... a mio modestissimo parere il Genoa è semplicemente la più vecchia società di calcio tuttora in vita il che significa ben altra cosa rispetto alle classiche frasi «il calcio in Italia siamo noi», «il calcio in Italia lo abbiamo inventato noi», «se non ci fossimo stati in Italia non si giocherebbe oggi il calcio», ecc.; inoltre nonostante possa dar fastidio è assurdo considerare il Genoa la vera squadra dei genovesi, in quanto fu fondata da un gruppo d’inglesi, mentre qualche anno dopo, per opera di un gruppo di studenti locali appena diplomati, fu fondata da Sampierdarenese (antenata della Sampdoria) come risposta al dominio straniero! Concludo la presente lettera nella speranza che sia pubblicata al fine di aprire un dialogo costruttivo sia con gli altri tifosi, anche se, talvolta la verità può far male specie per chi continua a vivere nel proprio mondo di favole e bugie (o quantomeno di parziale verità), sia con voi «addetti ai lavori» nella speranza che la vostra professionalità prevalga sulla vostra eventuale fede calcistica genoana!