Capitani coraggiosi su vele Optimist

Fabrizio Graffione

Quattromila bambini che imparano a navigare a vela sui piccoli Optimist. Si estende su tutto il territorio nazionale l'iniziativa intitolata «Capitani coraggiosi» partita sette anni fa nel capoluogo ligure grazie alla collaborazione fra Regione, Provincia, provveditorato, Yacht club città di Genova. Da quest'anno anche gli alunni di Bari, Marsala, Imperia, Nettuno e Ravenna, potranno partecipare all'iniziativa grazie al patrocinio del ministero dell'Istruzione e della presidenza del consiglio, che è stata presentata ieri al salone nautico.
In sostanza le classi, banchi, sedie e insegnanti compresi, si trasferiscono per una serie di sessioni che variano da scuola a scuola, sul mare. A Genova a ospitare i piccoli capitani coraggiosi, circa 800 alunni, è stata la sede dello yacht club organizzatore in piazzale Kennedy 1, nel quartiere fieristico, sotto il ristorante la Marina (telefono 010588202). Poi le lezioni vengono tenute da esperti lupi di mare e istruttori nazionali della federazione italiana vela. I bambini, quindi, sempre accompagnati dagli insegnanti e talvolta anche dai genitori, vengono trasferiti sugli Optimist dove cominciano a cimentarsi in tutta sicurezza negli specchi acquei antistanti e all'interno dei moli portuali. Il modulo di lezione prevede quattro incontri in sede, per la teoria, e altrettante uscite in mare per le prove pratiche. Le piccole barche a vela usate sono di proprietà dello yacht club città di Genova, circa una dozzina, e degli stessi alunni. A primavera, con le condizioni meteomarine favorevoli, quindi, viene organizzata una regata di fine corso cui partecipano centinaia di bambini in acqua e sugli spalti con striscioni e tifo da stadio che coinvolge alunni, genitori, insegnanti. L'anno scorso ha vinto, nella regata a staffetta con la formula match race di Coppa America, di fronte al Porto Antico, la squadra della scuola elementare Daneo.
«Siamo orgogliosi che questa manifestazione venga realizzata anche a livello nazionale - spiega il vicepresidente dello yacht club città di Genova Paolo Pissarello - grazie a Capitani coraggiosi migliaia di bambini si potranno avvicinare al mare e forse qualcuno di loro diventerà anche un campione di vela. I laboratori di studio e pratica in mare sono stati allestiti grazie alla collaborazione con l'Acquario genovese, Greenpeace e la cooperativa Mare forza 10 di Savona. I bambini vengono seguiti anche da alcuni biologi e sono stimolati ad esprimere sensazioni e pareri sull'ambiente marino. Poi ci sono i consigli sull'alimentazione, lo sbalzo termico, giochi, tuffi, conformazione dei fondali, correnti e venti, oltre all'impegnativa prova pratica di apnea. Insomma un corso divertente, ma serio. Ci sono anche le lezioni degli ultimi maestri d'ascia ». «I bambini - dice il presidente dello yacht club organizzatore Roberto Barbieri - vengono poi seguiti anche dagli istruttori di vela e portati in mare sugli Optimist con gommoni di appoggio, barche e salvagente. Capitani coraggiosi è inserito nel programma nazionale di Ucina e Fiv, che ha lo scopo di diffondere la cultura nautica e la tutela dell'ambiente marino tra i giovani. Grazie all'aiuto di alcuni sponsor i corsi di apprendimento velico sono gratuiti». L’iniziativa è resa possibile grazie al contributo di San Giorgio Spa e del Gruppo Cozzi Parodi.