Capodanno, in tavola 5mila tonnellate tra zamponi e cotechini

La stima è della Coldiretti: sulle tavole del Cenone arriva circa il 95% del totale della produzione nazionale

«Durante le festività di fine anno verranno fatti sparire dalle tavole quasi cinque milioni di chili (l'equivalente di 5.000 tonnellate) tra cotechini e zamponi che rappresentano circa il 95% del totale della produzione nazionale». Lo stima la Coldiretti, nel sottolineare che il consumo dei cotechini «in quantità è pari ad oltre il doppio di quello degli zamponi». La maggioranza della produzione nazionale, sottolinea la Coldiretti, è certificata come «Cotechino e Zampone di Modena Igp», ma si rileva anche «una apprezzabile richiesta per cotechini e zamponi artigianali magari acquistati direttamente dagli allevatori che sono gli unici che garantiscono la presenza di carne italiana al 100%».
Lo zampone e il cotechino non fanno male alla salute, ricorda l'associazione agricola: infatti i prodotti, analizzati dopo cottura, dimostrano di avere una composizione molto diversa dall'immagine che li vede come prodotti molto grassi. Infatti «cento grammi, pari a due fette, contengono 319 calorie, circa quanto un etto di mortadella (307) e meno della stessa quantità di salame (352)». Sono alimenti poi ricchi di vitamine B1 e B2, ferro e zinco. Inoltre, per quanto riguarda il problema della qualità dei lipidi, che ha a lungo penalizzato ingiustamente questi alimenti, «i dati attuali - conclude la Coldiretti - indicano che la composizione in acidi grassi e il rapporto tra le diverse classi di acidi grassi non si discostano da quelle che sono le raccomandazioni nutrizionali».