Cassano in Nazionale: «Grazie Sampdoria»

Antonio Cassano e Marco Borriello a braccetto in Nazionale, Samp e Genoa possono festeggiare: le convocazioni di Roberto Donadoni hanno premiato lo splendido campionato dei due attaccanti. Manca Christian Maggio («Lo tenevo sotto osservazione», ha detto il ct) ma Genova può godersi lo stesso questo momento di gloria. La gioia è doppia ma in casa blucerchiata va moltiplicata per mille perché l'ingresso di Cassano nella lista dei convocati è stata una sorpresa che pochi si aspettavano. La reazione del talento barese dopo la notizia? È felicità allo stato puro: «Questa chiamata è una grande soddisfazione. L'agosto scorso, il giorno della mia presentazione alla Sampdoria, avevo sottolineato come il ritorno in nazionale per gli Europei fosse uno dei miei obiettivi: l'averlo raggiunto al termine di una stagione bella ed esaltante come quella vissuta in blucerchiato mi rende ancor più felice ed orgoglioso. Il mio grazie va ovviamente anche alla Sampdoria tutta - precisa Antonio -: dalla società, presidente e direttore in testa, allo staff, dal mister ai compagni e ad una tifoseria che fin dal primo giorno a Genova mi ha fatto sentire davvero a casa. Poi ovviamente devo anche ringraziare mister Donadoni: ho precisato più d'una volta che al di là della sua scelta il nostro rapporto non sarebbe comunque mutato. Ha sempre mantenuto con il sottoscritto un rapporto fatto di stima e correttezza, spero davvero di poter essere utile alla sua causa: che è poi quella della Nazionale e di tutti gli italiani».
E si festeggia anche in casa rossoblu, Borriello può esultare: «Sono felicissimo. Ringrazio tutti i compagni e la società, che mi hanno permesso di raggiungere questo sogno. E ringrazio anche i tifosi, che mi hanno sempre supportato con un calore incredibile, facendomi vivere delle emozioni intensissime. Ho conquistato la nazionale con la maglia del Genoa. E affronterò l'Europeo, da giocatore del Genoa, a prescindere da quello che sarà il mio futuro».
Dunque grande festa nelle due società genovesi. Il presidente doriano Riccardo Garrone sorride per la convocazione di Cassano: «Sono felice, felice nel profondo del cuore - commenta Garrone, molto emozionato -. Antonio è un ragazzo d'oro, e in questa stagione con la Samp ha ricordato a tutto il mondo del calcio di cosa è capace: meritava questa chiamata. E poi c'è l'orgoglio di portare il blucerchiato agli Europei, una soddisfazione non da poco per una società come la nostra: la chiamata di Cassano dona lustro a tutto lo splendido lavoro che lo staff tecnico, la dirigenza e i ragazzi hanno saputo portare avanti».
E fanno festa anche l'ad doriano Beppe Marotta («Antonio è stata una scommessa che ero certo di vincere, mai avuto nessun dubbio») e l'allenatore Walter Mazzarri: «E io sono ben contento che oggi gli venga riconosciuto quel che ha saputo fare. Qui alla Samp si è messo a disposizione del gruppo fin dal primo giorno, rispettando in pieno le regole della convivenza e dando seguito con i fatti alle parole».