Cereali all'inchiostro Esposto dei consumatori

Con un esposto a 104 procure in tutta Italia il Codacons chiede il sequestro dei cereali <em>Choco Honey</em>, distribuiti nei supermercati Lidl. Conterrebbero inchiostro. Ma non sono ancora stati provati i rischi per la salute

Roma - Il Codacons ha chiesto il sequestro dei cereali Choco Honey, che sarebbero risultati positivi a un test per rilevare la presenza di sostanze pericolose alla salute. Sono distribuiti nei supermercati italiani di Lidl. Carlo Rienzi, presidente dell'associazione consumatori, chiede subito un intervento delle autorità. "Ci chiediamo cosa facciano le autorità sanitarie italiane per tutelare salute dei cittadini. Il principio di precauzione imporrebbe il ritiro dal mercato di tutti quei prodotti il cui grado di contaminazione da sostanze a rischio (come l’inchiostro) superi la soglia di legge".

Esposto a 104 procure Il Codacons (che lo annuncia sul giornale il Salvagente che ha realizzato l'inchiesta da cui è partita l'azione) ha presentato un esposto a 104 procure italiane chiedendo il sequestro cautelativo del prodotto risultato positivo al 4-Mbp. Viene richiesta anche una verifica per accertare se vi siano stati ritardi oppure omissioni a danno dei consumatori.

Inchiostro sopra ai limiti "Coloro che hanno acquistato e consumato i cereali da colazione con una quantità di inchiostro tre volte superiori ai limiti - insiste Rienzi -  possono rivolgersi al Codacons per intentare una causa di risarcimento danni dinanzi al giudice di pace".

Ma non si sa se la sostanza è dannosa Al momento, però, non è ancora stato accertato se la sostanza sia pericolosa alla salute.  Resta il fatto, però, che i consumatori hanno tutto il diritto di sapere - ed è su questo punto che insiste il Codacons - se la loro colazione sia "sporcata" o meno dall'inchiostro.