Cina, a Pechino le celebrazioni della fondazione della Republica Popolare

La Cina si è vestita a festa. Le celebrazioni in occasione del 70esimo della fondazione della Repubblica Popolare

In piazza Tienanmen, a Pechino, si è svolta oggi una imponente cerimonia per celebrare il 70esimo anniversario della fondazione della Repubblica Popolare Cinese. Per l'occasione si sono tenuti un raduno di massa, una grande parata militare e una sfilata.

Negli ultimi 70 anni lo sviluppo economico sociale della Cina ha attirato l'attenzione del mondo intero. Da povera e debole, la Cina è diventata la seconda economia del pianeta, il maggior Paese per commercio merci, il Paese che possiede le maggiori riserve in valuta estera nonché il secondo Paese per investimenti all'estero. La sua aspettativa di vita è passata dai 35 anni del 1949 ai 77 anni del 2018. La Cina ha inoltre costituito, in via preliminare, il più grande sistema di previdenza sociale esistente.

Al termine della cerimonia si è tenuta la più grande parata militare organizzata in anni recenti, durante la quale l'esercito cinese è apparso per la prima volta riunito dopo la riforma e l'opera di ammodernamento.

Nel corso della parata, sulla piazza Tienanmen sono passati uno dopo l'altro i vari corpi d'Armata, tra cui gli scaglioni aerei per la difesa della Bandiera Nazionale, le forze di terra e i più moderni equipaggiamenti militari.

Le truppe, passate in rassegna dal presidente cinese, hanno incluso 59 tra formazioni e scaglioni, per un totale di 15mila persone, oltre 160 aerei di vario tipo, e 580 pezzi di equipaggiamento militare. Oltre ad essere stata la più grande parata militare organizzata in Cina nell'ultimo periodo, è stata anche quella dalle caratteristiche più distintive e prominenti.

Inoltre, alla vigilia della festa nazionale della Repubblica, alla cerimonia speciale tenuta domenica 29 settembre a Pechino, il presidente Xi Jinping ha assegnato a 42 cittadini cinesi e stranieri la "medaglia della Repubblica", la "medaglia dell'amicizia" e l'onorificenza nazionale.

Sei personalità straniere sono state insignite della più alta onorificenza che la Cina conferisce a cittadini non cinesi, cioè la "medaglia dell'amicizia", e questo ha catalizzato l'attenzione della comunità internazionale. Le sei persone citate provengono da Cuba, Thailandia, Tanzania, Russia, Francia e Canada. Grazie a scambi e cooperazioni di vario tipo hanno offerto un contributo eccezionale alla modernizzazione del Paese.