Il Circo Massimo diventa una spiaggia, via agli Europei di beach soccer

Otto le nazionali partecipanti, l'Italia è tra le favorite e debutta venerdì contro l'Ungheria. E domenica sfida tra Vip: in campo tra gli altri il «condor» Agostini, ex ct della nazionale di beach, i campioni del mondo Aldair e Candela, Venturin e Gottardi

Il beach stadium del Circo Massimo è ormai pronto. Roma ha il suo stadio del beach soccer dove si gioca per l'Eurocup 2009, ovvero i campionati europei di questa disciplina in cui l'Italia l'anno scorso fu vice-campione dal mondo, battuta in finale dal grande Brasile. C'è grande attesa per l'inizio di questa avventura sportiva unica, ospitata in un palcoscenico d'eccezione e nel Circo Massimo diventato spiaggia: si prevedono un notevole afflusso di persone e l'abbraccio festoso da parte del pubblico romano, considerato anche che l'ingresso nello stadio è completamente gratuito.
Uno stadio che già in questi ultimi giorni ha sorpreso i romani ed i turisti transitati nell'area: lì dove duemila anni fa gareggiavano bighe e quadrighe e venivano ricostruite battaglie navali, oggi scendono in campo i «gladiatori» del beach soccer. Il complesso che nei prossimi giorni ospiterà l'evento, sarà composto da un'area complessiva di oltre 6.700 metri quadri, di cui 2.400 metri quadri riservati al villaggio adiacente alla beach arena per l'intera durata della kermesse, oltre ad un'Area Vip dotata al piano superiore di una terrazza di 220 metri quadrati dove verranno accolti gli ospiti d'onore e le autorità politico-sportive con una splendida vista sul sito archeologico del Palatino.
Gli ingredienti quindi ci sono tutti per trasformare questo grande evento sportivo, organizzato da Officina Italiana in collaborazione con Figc-Lnd e Comune di Roma, in una vetrina per la città e per questa disciplina emergente, il cui connubio potrebbe presto, Fifa permettendo, trasformarsi in una candidatura per ospitare l'edizione del 2011 dei Mondiali. Agli Europei partecipano Portogallo, Polonia, Spagna, Francia, Ungheria, Polonia, Russia e Italia, che già da domani avranno così la possibilità di «collaudare» la sabbia capitolina in uno scenario senza tempo all'ombra delle rovine romane.
Da venerdì si comincerà a fare sul serio: il programma mette subito di fronte i campioni in carica del Portogallo contro la Polonia, a seguire Russia-Spagna, Francia-Svizzera e a seguire Italia-Ungheria. Gli azzurri stanno completando la preparazione a Terracina e si annunciano come i favoriti di questo torneo. La rosa a disposizione del ct Giancarlo Magrini: portieri Stefano Spada, Simone Del Mestre; difensori Michele Leghissa, Giuseppe Platania; centrocampisti Simone Feudi, Francesco Corosiniti, Roberto Pasquali, Salvatore Miceli; attaccanti Massimiliano Esposito, Paolo Palmacci.
Nel programma di grandi sfide, c'è spazio anche per una partita speciale: quella prevista domenica alle ore 14,15 che vedrà in campo i Vip. Prevista la presenza di numerosi ex calciatori di Roma e Lazio, a cominciare dai campioni del mondo Aldair e Candela, il «condor» Agostini, ex ct della nazionale di beach soccer e poi Giampiero Maini, Alessio Scarchilli, Massimiliano Cappioli (che di sabbia se ne intende, dato che è nato e vive ad Ostia), Giorgio Venturin, Guerino Gottardi, Edoardo Artistico. L'evento sarà seguito anche da «Quelli che il calcio», la trasmissione di Rai 2 che si collegherà in diretta con l'arena romana.