Conte: “Siamo in ritardo sul mercato”

Durante la conferenza stampa prima dell'amichevole con il Manchester United, l'allenatore dell'Inter, Conte, ammette che si aspettava di essere più avanti a livello di mercato

Antonio Conte non è particolarmente contento di come sta andando il mercato dell'Inter ed il suo disappunto si è palesato durante la conferenza stampa alla viglia dell'amichevole con il Manchester United all'interno della International Champions Cup 2019. Come riporta la Gazzetta dello Sport, il tecnico nerazzurro si è soffermato innanzitutto a spendere due parole su Lukaku, un attaccante che gli piace e che ha chiesto come rinforzo alla dirigenza. Un giocatore che però oggi è del Manchester e che proprio per questo è giusto non parlarne.

Spiega, infatti, Conte: "Mi piace questo giocatore, provai a portarlo anche al Chelsea. Ma oggi è un giocatore del Manchester, dobbiamo avere rispetto. E' giusto non parlarne. Lo considero importante per noi, per migliorare. Ma allo stesso tempo c'è un mercato, sappiamo bene qual è la nostra situazione, vediamo cosa accadrà."

Ed è prorpio sul capitolo mercato che arriva lo "sfogo". L'allenatore spiega come questa tournée sia di fatto molto impegnativa visto che si giocherà ogni tre giorni contro Manchester, Juventus e Psg. Del resto, visto il livello delle partite, chiamarle amichevoli è fondamentalmente sbagliato in quanto saranno incontri sicuramente impegnativi. Proprio per questo, con l'attuale organico a disposizione, Conte ammette qualche difficoltà in quanto si aspettava di essere più avanti a livello di mercato.

Spiega l'allenatore: "Sicuramente non è semplice trovarsi in questa situazione con l'organico, anche perché questa tournée è impegnativa, bisogna giocare ogni tre giorni contro Manchester, Juventus e Psg. Ma il piano precampionato era stato già organizzato prima del mio arrivo. Un po' in difficoltà lo siamo, inutile nascondersi. Ci sono situazioni in entrata e in uscita importanti, siamo un po' in ritardo."

Ed è proprio sulle "uscite" che Conte punta il dito. Icardi è fuori dal progetto e così pure Nainggolan sebbene entrambi non siano ancora stati ceduti. Per l'allenatore, l'Inter deve accelerare perché c'è ancora molta strada fare per arrivare all'obiettivo di snellire la squadra e di creare un nuovo gruppo. Ma nonostante la sua visione sia quella della dirigenza, l'Inter è in ritardo sul mercato. Tuttavia, il tecnico nerazzurro rimane sempre molto fiducioso.

Commenti

giac2

Ven, 19/07/2019 - 17:58

Tranquillo Conte, ti compreranno delle mummie dai 30 in su.