"Contro la prostituzione riapriamo i bordelli" Fa discutere la proposta di un sindaco vicentino

"Sono convinta che per sconfiggere la prostituzione l'unica soluzione sia riaprire le case chiuse". A dirlo il sindaco donna di Montecchio Maggiore. "Basta con i falsi moralismi, la prostituzione purtroppo esiste" 

Vicenza - La prostituzione in strada è un problema che non può più essere tollerato. Lo pensano in tanti, e lo pensa anche Milena Cecchetto, sindaco donna e leghista di Montecchio Maggiore.

"Le zone rosse non risolvono nulla" E se a tirare fuori di nuovo la annosa questione delle case chiuse, come soluzione per non avere delle strade che siano una sorte di refugium peccatorum per tutto ciò che altrove non si può fare, è un sindaco donna, che per opinione comune dovrebbe essere più sensibile al problema, allora forse la situazione è davvero risolvibile solo in questo modo, almeno a Montecchio. "Non è pensabile per noi realizzare una zona ad hoc in cui limitare il problema della prostituzione. A Montecchio non ci sono neppure zone industriali prive di abitazioni, non è quindi pensabile la realizzazione delle cosiddette zone rosse. E' semplicemente una situazione che non ha altra soluzione che quella di riaprire le case chiuse. Ne sono sempre più convinta", dice il sindaco leghista, di ritorno da un incontro con Questore, Prefetto e rappresentanti dei comuni del vicentino.

"Vogliamo fare moralismi? La prostituzione esiste" "E' un fatto che spostare le prostitute da una zona all'altra non risolve un problema. Ripulisci una zona per ritrovarti con la stessa problematica in un'altra". L'unica soluzione sarebbe quindi quella di procedere alla riapertura delle case chiuse. Con i lati positivi che la cosa comporterebbe, dalla garanzia delle condizioni igienico-sanitarie, all'eliminazione di piaghe come lo sfruttamento delle minorenni e la schiavitù delle donne costretta a vendersi in strada. "Vogliamo trincerarci dietro i moralismi facili?", si chiede la Cecchetto, "Facciamolo, ma non illudiamoci che basti il moralismo a eliminare la prostituzione. C'è sempre stata e continuerà ad esserci. Almeno proviamo a regolamentarla".