Copasir, Bocchino pedinato dai servizi segreti: D'Alema presenta esposto per fuga di notizie

Il presidente del Copasir, Massimo D’Alema, ha presentato un esposto contro ignoti alla magistratura a seguito di una fuga di notizie relativa ad un presunto pedinamento del parlamentare di Fli, Italo Bocchino, da parte dei servizi: aperto fascicolo per rivelazione del segreto d'ufficio<br />

Roma - Il presidente del Copasir, Massimo D’Alema, ha presentato un esposto contro ignoti alla magistratura a seguito di una fuga di notizie relativa ad un presunto pedinamento del parlamentare di Fli, Italo Bocchino, da parte dei servizi. Lo hanno riferito i componenti del Pdl del Copasir Gaetano Quagliariello e Fabrizio Cicchitto.

La Procura apre un fascicolo Rivelazione del segreto d’ufficio. È questo il reato ipotizzato dalla Procura di Roma, rispetto alla fuga di notizie relative ad un presunto pedinamento di Italo Bocchino, parlamentare di Fli. L’indagine, contro ignoti, è stata aperta dopo un esposto presentato dal presidente del Copasir, Massimo D’Alema. A disposizione degli inquirenti, al momento, c’è un servizio della Repubblica in cui viene riportata la notizia a cui ha fatto riferimento D’Alema