La Corte di Strasburgo boccia la legge 40 sulla procreazione

I giudici danno ragione a una coppia portatrice sana di fibrosi cistica: può fare la diagnosi preimpianto degli embrioni

La Corte europea dei diritti umani ha bocciato la legge 40 per quanto riguarda l’impossibilità per una coppia fertile ma portatrice sana di fibrosi cistica di accedere alla diagnosi preimpianto degli embrioni.

Secondo i giudici della Corte di Strasburgo, la cui decisione diverrà definitiva entro tre mesi se nessuna delle parti farà ricorso per ottenere una revisione davanti alla Grande Camera, "il sistema legislativo italiano in materia di diagnosi preimpianto degli embrioni è incoerente" in quanto allo stesso tempo un’altra legge dello Stato permette alla coppia di accedere a un aborto terapeutico in caso che il feto venga trovato affetto da fibrosi cistica. La Corte ha quindi stabilito che cosi com’è formulata la legge 40 ha violato il diritto al rispetto della vita privata e familiare di Rosetta Costa e Walter Pavan a cui lo Stato dovrà versare 15mila euro per danni morali e 2.500 per le spese legali sostenute.

Nel 2006, in seguito alla  nascita del loro primo figlio affetto da fibrosi cistica, Rosetta Costa e Walter Pavan scoprirono di essere entrambi portatori sani della malattia. La coppia voleva avere altri figli ma si trovò a fare i conti con il 25% di probabilità che nascessero affetti da fibrosi cistica e il 50% che ne fossero portatori sani. Per questo Rosetta Costa e Walter Pavan hanno deciso di ricorrere alla procreazione assistita e alla diagnosi preimpianto, pratica però vietata dalla legge italiana. Nel ricorso la coppia sostiene che la normativa nazionale viola il loro diritto al rispetto della vita privata e familiare e che così com’è formulata la legge li discrimina rispetto alle coppie sterili e a quelle in cui l’uomo ha una malattia sessualmente trasmissibile. Nel novembre del 2011 la Camera principale della Corte di Strasburgo ha stabilito, ribaltando un sentenza emessa 19 mesi prima da una delle camere della stessa Corte, che impedire per legge alle coppie sterili di ricorrere alla fecondazione in vitro eterologa non è più una violazione della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. La sentenza riguardava due coppie austriache che si erano rivolte a Strasburgo nel 2000 sostenendo che la legge austriaca sulla fecondazione in vitro ledeva il loro diritto a formare una famiglia e le discriminava rispetto ad altre coppie che potevano ricorrere a questa tecnica. Per le due coppie la fecondazione in vitro con donazione di sperma o ovuli esterni alla coppia (quindi con la fecondazione eterologa) era l’unica soluzione per poter procreare.

Commenti
Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Mar, 28/08/2012 - 11:37

Chi sono stati i FENOMENI che hanno fatto approvare questa legge ? Perchè non lo scrivete a caratteri cubutali ?

LudovicoDedominicis

Mar, 28/08/2012 - 11:51

Finalmente!

Ritratto di woman

woman

Mar, 28/08/2012 - 11:58

Tra i tanti motivi per cui non rivoterò per Berlusconi, è l'aver fatto dominare nel Pdl la parte più retriva dei cattolici.

fabianope

Mar, 28/08/2012 - 12:12

carissimo marino.birocco, due considerazioni. 1) i "FENOMENI" non sono venuti fuori dal niente, piaccia o no, sono stati democraticamente votati. Aggiungo che un referendum realtivo a tale legge ha raggiunto a malapena -se non ricordo male- il 26%. riassumendo: i "FENOMENI" non sono (solo) quelli che pensa lei, ma circa il 74% dei nostri connazionali. 2) la Svizzera (e non solo lei...) ringrazia PS: io -come penso anche lei- ero e sono tra i NOUMENI :=))

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 28/08/2012 - 12:15

Sono sempre del parere che dalla vita non si puo avere tutto.

astice2009

Mar, 28/08/2012 - 12:24

Alla faccia di Gasparri Sacconi e di tutti i cattotalebani dello Stato del vaticano che si intrufolano continuamente negli affari italiani.

duball

Mar, 28/08/2012 - 12:26

A prescindere dal merito.. un'altro piccolo passo verso la cessione totale di sovranita'a beneficio di euroburocrati non eletti ma,nominati ed eterodiretti da potentati finanziari,lobbies occulte e massonerie varie. sveglia eurorincoglioniti prima che sia tardi.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mar, 28/08/2012 - 12:26

Io mi chiedo solo una cosa. La scienza (oggi solo mera tenologia) e la religione quando finirà? Secondo me solo quando una delle due cesserà di esistere o entrmbe. l'equilibrio è impossibile

petra

Mar, 28/08/2012 - 12:31

Mi sembra ovvio che hanno ragione a Strasburgo. Chissà quante altrre sentenze potrebbero venire ribaltate!

GilbertoVR

Mar, 28/08/2012 - 12:45

Spero che succeda co.n tutte le norme che sono state approvate, durante i Governi Berlusconi, nell'esclusivo intento di accontentare la parte più arcaica della Chiesa Cattolica per avere il suo appoggio. Lo stesso accadrà per l'impedimento al divorzio breve, ecc. Finalmente qualcosa di utile proveniente dalle Istituzioni Europee. E' demolarizzante che serva questo per togliere la barbarie confessionale dall'Italia

ettore80

Mar, 28/08/2012 - 13:00

Proprio nel 2005 mi sono scontrato personalmente con questo problema, sapere di avere con una probabilità del 50% un figlio malato (gravemente), non avere la possibilità di una diagnosi pre impianto, scegliemmo di non avere figli... sentii di essere di fronte ad un'ingiustizia assurda, ricordo i deliri di Giovanardi, i manifesti cattolici, i manifesti di Forza Nuova, non avevo bisogno di questa sentenza, sapevo già che la mia vita era stata condizionata, in una cosa così importante, in nome di.... boh?

Ritratto di enzo33

enzo33

Mar, 28/08/2012 - 13:00

Quando la scienza... Quando la scienza ricorre a un magistrato,pur sapendo che la giustizia è una scienza, e che quindi è insegnabile, commette un grave errore. Idem se si rivolge ai preti. Che cavolo ne sanno i suddetti di scienze applicate? quando un magistrato apre e chiude in continuazione un fascicolo, e fa anni e anni di rinvii perchè non riesce a raccapezzarsi su una ricevuta (si avete letto bene)io ne sono vittima,siamo al quarto anno. Come potranno mai intervenire su argomenti così importanti? quali studi hanno fatto, per poter giudicare? I preti lasciamoli stare, predicano bene...tanti saluti da: enzo33

Ritratto di enzo33

enzo33

Mar, 28/08/2012 - 13:02

Quando la scienza... Quando la scienza ricorre a un magistrato,pur sapendo che la giustizia è una scienza, e che quindi è insegnabile, commette un grave errore. Idem se si rivolge ai preti. Che cavolo ne sanno i suddetti di scienze applicate? quando un magistrato apre e chiude in continuazione un fascicolo, e fa anni e anni di rinvii perchè non riesce a raccapezzarsi su una ricevuta (si avete letto bene)io ne sono vittima,siamo al quarto anno. Come potranno mai intervenire su argomenti così importanti? quali studi hanno fatto, per poter giudicare? I preti lasciamoli stare, predicano bene...tanti saluti da: enzo33

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Mar, 28/08/2012 - 13:03

@ marforio allora rinunci a casa ed automobile. Si ficchi in una caverna senza accendere un bel fuoco. Queste sono le uniche cose che può fare senza interferire con la natura.

Ritratto di aliberti.

aliberti.

Mar, 28/08/2012 - 13:08

giusto, una legge ciofega in meno

MateDe

Mar, 28/08/2012 - 13:12

@ fabianope: sbaglia, lei ha troppa stima degli italiani :la sua considerazione dovrebbe essere che in Italia c'e un 74% della popolazione che o e' troppo ignorante per capire di cosa si sta parlando o e' troppo impegnata a godersi il primo sole di Giugno!

enemy_of_all

Mar, 28/08/2012 - 13:56

....alla faccia di Giovanardi e di tutti il cattotalebani in parlamento....... il vero cancro dell'italia.

LudovicoDedominicis

Mar, 28/08/2012 - 14:07

ettore80... hai la mia solidarietà e ti chiedo scusa perché la colpa è anche di tutti noi che non ci siamo ribellati a questa ingiustizia!!!

Nadia Vouch

Mar, 28/08/2012 - 14:10

Il contrasto tra leggi in Italia non è, purtroppo, una novità. La situazione peggiora quando le nostre leggi devono reggere il confronto con la normativa europea. Il contrasto diviene insanabile. Infatti, mi pare di aver capito, non ci saranno ricorsi. Direi che prima di mettere una persona, una famiglia, nella condizione di decidere per un aborto "terapeutico" se ci sono i mezzi per superare ciò, quindi la diagnosi prenatale e in caso di certezza di possibili malformazioni il ricorso alla fecondazione eterologa, il senso della vita di chi già c'è e di chi verrà debba prevalere su questioni di mero principio. Per dire che la vita, nel suo insieme, è talmente complessa ed articolata che è quasi impossibile ricondurla tutta, circoscriverla, in regole. Ci saranno, sempre, le eccezioni. Ma le conosceremo e dovremo affrontare, sempre, strada facendo.

pietro+

Mar, 28/08/2012 - 14:21

la legge 40 è una delle più retrive che il precedente governo abbia pensato ed approvato. Peggio della legge 40 vedo la gestione del caso Englaro e i conseguenti provvedimenti di trattamento di alimentazione forzata. La destra dovrebbe smettere di fare la corte al vaticano e riprendere il suo ruolo storico di forza liberale.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Mar, 28/08/2012 - 14:33

La domanda corretta da porre è: dopo tre gradi di giudizio in Italia è necessario attendere un quarto grado europeo, con relativa cessione di sovranitá? Confido sempre piú nella Corte di Karlsruhe... L'Europa agli europei; non ad oscuri burocrati che decidono al nostro posto.

ettore80

Mar, 28/08/2012 - 14:45

Grazie Ludovico... noto che i commenti (tranne qualche eccezione) sono tutti di approvazione verso questa sentenza, allora mi fa ancora più rabbia l'aver visto solo il 26% degli italiani andare alle urne. All'epoca parlai con molte persone, ma quando il problema non ti riguarda è inutile... La cosa aberrante fu fare quella legge, un referendum su temi che interessano relativamente poche persone non hanno senso e sono destinati alla sconfitta, la gente va al mare. I preti condussero una "battaglia per la vita", con la conseguenza che ce ne è stata, almeno, una in meno...

Ritratto di nw33

nw33

Mar, 28/08/2012 - 14:48

Anche se prima la religione la pensava diversamente, per quanto riguarda il sesso. L’Europa ha ritenuto iniqua la norma in questione. Io mi domando come la religione e quindi la politica, abbia il diritto di intromettersi in cose cosi private. Menzionando poco il fatto che inoltre è opposta la ricerca delle cellule staminali embrionali. Questo, più che altro, per una pretesa religiosa.

rokko

Mar, 28/08/2012 - 15:00

Era ora, la legge era uno scandalo, ed obbligava persone normalissime a svenarsi per andare all'estero a procreare ... Se si può essere così miopi .. Le leggi vanno fatte per regolamentare, non per vietare, e nell'interesse dei cittadini, non contro di loro.

Ritratto di ALESSANDRO DI PROSPERO

ALESSANDRO DI P...

Mar, 28/08/2012 - 15:01

Sono pienamente d'accordo. Viva la libertè e la vera docrazia.

Ritratto di limick

limick

Mar, 28/08/2012 - 15:03

Il classico italiano medio con una mano si lava la coscienza e reclama diritti che in natura non ha e con l'altra sopprime il figlio difettoso... e ne compra uno nuovo!

luigi civelli

Mar, 28/08/2012 - 15:20

Una sentenza illuminata,consolatoria per chi crede che l'uomo abbia il diritto responsabile di fare liberamente scelte consapevoli, una "scomunica" dei talebani di casa e dei loro opportunistici padrini politici.Più Europa nel nostro futuro!

fabianope

Mar, 28/08/2012 - 15:23

@luigipiso. conosco scienziati non religiosi e di n tipi diversi di religione...conosco anche molti religiosi di mentalita' aperta e critica....forse la convivenza e' possibile. dipende tanto dalla politica. In una parola: "I have a dream": che il politico (non importa se dx o sx) appoggi ed incoraggi i settori piu' "aperti" degli scienziati e dei religiosi....chissa'!!! :=)) PS0: prego astenersi dalla battuta "continua a sognare" :=)) PS1: @MateDe: ha ragione: ho sbagliato! :=)) PS2: @ettore80: mi dispiace tantissimo...come avra' capito ero nel 26% che ha cercato di aiutarla, ma non e' bastato... :=(((

petra

Mar, 28/08/2012 - 15:25

Sì però teniamo ben presente la motivazione della sentenza: "il sistema legislativo italiano in materia di diagnosi preimpianto degli embrioni è incoerente in quanto allo stesso tempo un’altra legge dello Stato permette alla coppia di accedere a un aborto terapeutico in caso che il feto venga trovato affetto da fibrosi cistica". Quindi si giudica sulla base della incoerenza, non della morale. Sono d'accordo, poichè, o si dice no all'aborto oppure si ammette la diagnosi. E' la logica.

Wolf

Mar, 28/08/2012 - 16:27

Ovviamente concordo con la sentenza e diffido la politica dal porre veti e/o decidere per convinzioni religiose.

ilfatto

Mar, 28/08/2012 - 16:29

limick---si parla di EMBRIONI, lei mi sembra un "tantino" confuso..

michele lascaro

Mar, 28/08/2012 - 16:30

I motivi etici hanno un loro valore, ma fino ad un certo punto. Provate ad avere un figlio con fibrosi cistica e poi ne riparleremo. Mi dispiace che la Chiesa non prenda in considerazione questi casi estremi e non adegui le proprie decisioni ai casi notoriamente difficili.

Ritratto di unLuca

unLuca

Mar, 28/08/2012 - 16:40

Di quel che dice la corte di strasburgo ..........

agnello_di_dio

Mar, 28/08/2012 - 16:50

Immagino ora zio Giovanardi che recita il rosario in lacrime implorando il perdono divino per i peccatori d'Oltralpe.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 28/08/2012 - 17:04

L'ultima parola dovrebbe averla sempre il buon senso. Che, quasi sempre, coincide anche con l'etica...quella vera. Concepire e mettere al mondo soggetti destinati a breve e travagliata esistenza appare, potendo evitarlo, abbastanza illogico e crudele. Purtroppo, però, non è solo la chiesa ad interferire con le decisioni del legislatore. Recentemente ci si sono messe anche alcune associazioni laiche preoccupate della potenziale scomparsa delle patologie genetiche da loro "tutelate" ed, ancor più, del rischio di scioglimento della loro istituzione che a ciò conseguirebbe...Ovvero: la madre dei cretini, laica o confessionale, è sempre incinta.

Alberto63G

Mar, 28/08/2012 - 17:18

Era ora,e per fortuna. Tutta le legge 40 è clinicamente assurda, non è consentita la diagnosi per impianto e viene consentito l'aborto. 3 embrioni sono troppi per una ventenne e sono pochi per una quarantenne, le cure sono pesanti per le donne e ripeterle, perchè non si possono congelare gli embrioni è assurdo. Nessuno che debba ricorrere a queste cure lo fa a cuor leggero e per chiunque debba farlo, gli embrioni sono la cosa più preziosa del mondo. Sono un elettore di centro destra ma l'approvazione di questa legge va contro gli stessi principi di laicità e libertà che lo stesso CD propugnava. Comunque grazie ad essa ora ho due bellissimi bambini, perchè dopo quattro anni di inutili tentativi in Italia, dove chi se ne occupa è quasi sempre incapace e ciarlatano, siamo stati costretti ad andare all'estero, potendomelo permettere, ed abbiamo coronato il nostro desiderio di avere dei figli. E non mi si venga a dire che avremmo dovuto rinunciare perchè io ho dei problemi, perchè lo dice sempre chi i figli li ha avuti facilmente e non è toccato dal problema. Dare il dono della vita è la cosa più bella che si possa fare, la gioia di essere padri e madri è immensa e non vedo perchè avremmo dovuto rinunciarvi.

moranma

Mar, 28/08/2012 - 17:44

una scelta di civiltà, finalmente!!

Massimo

Mar, 28/08/2012 - 18:05

Benissimo. Abroghiamo la legge sull'aborto, così si elimina l'incoerenza.

petra

Mar, 28/08/2012 - 18:16

A quanto pare anche a Strasburgo però hanno cambiato idea, in precedenza la pensavano diversamente.

papik40

Mar, 28/08/2012 - 18:22

Chiunque imponga a questo stato laico, a parole, ma ultra-prono al clericalismo imperante (ossia retrogrado e protervo!), di NON limitare la libertà delle persone specie nell'utilizzo delle tecnologie peggio se per oscurantismo da santa inquisizione, mi rendo un uomo felice. Quando i governi si affrancheranno dai "suggerimenti" (leggi: "imposizioni") della chiesa e smetterà di entrare nel letto degli italiani per la difesa di un puritamismo assurdo e medioevale nel nome di una "morale" che è identità del singolo essere umano, allora l'Italia avrà la possibilità di progredire! La riprova è che i paesi più civili e progrediti sono quelli che hanno tolto alle varie chiese ogni forma di "influenza" (in Italia c'è ancora la dominazione!) nell'organizzazione dello stato e delle proprie leggi!

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Mar, 28/08/2012 - 18:27

@Massimo - cominciamo ad abrogare te, vai a vivere in afganistan tra i tuoi simili

Ritratto di enzo33

enzo33

Mar, 28/08/2012 - 18:36

No, amico lupo, noi non siamo sudditi di nessuno. statti buono. enzo33

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 28/08/2012 - 19:00

Cose il mio commento va controccorrente ?

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 28/08/2012 - 19:00

Cose il mio commento va controccorrente ?

angeli1951

Mar, 28/08/2012 - 19:25

Fu demenza o leccaculismo? Credo entrambi con prevalenza del secondo per la storia di puttane nei festini, i preti per soldi (esenzione fiscale) e potere (imposizioni retrive) abbracciano cani e porci.

Ritratto di etasrl

etasrl

Mar, 28/08/2012 - 19:27

sono secoli che non si odono sentenze utili.è estremamente arduo capire questa mania di pendere dalle labbra dei giudici :siamo così bisognosi della loro manina ?

ghepardo50

Mar, 28/08/2012 - 19:37

non scannatevi tra i pro e i contro tanto o prima o poi la natura si prenderà la rivincita sul pensiero di onnipotenza degli esseri umani

Massimo

Mar, 28/08/2012 - 19:42

Pisistrato. La Sua "argomentazione" illumina perfettamente la consistenza del Suo pensiero e, soprattutto, il rispetto del prossimo che è già manifesto nel sostenere la soppressione di un feto e la selezione genetica.

grath2005

Mar, 28/08/2012 - 19:52

Sono contrario alla procreazione assistita, preferirei chi che vuole un figlio ne adotti uno invece di giocare al piccolo chimico. Ancora di più sono contrario quando si rischia di procreare una persona con seri problemi di salute. Certo l'egocentrismo di molte coppie passa davanti a tutto e tutti.

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 28/08/2012 - 19:53

Sara meglio che la prossima volta che scrivo col cuore mi faccio una copia di cio che scrivo. A quanto pare il mio commento non e piaciuto a qualche sinistroite annidato nella redazione. Che schifo.

Ritratto di xulxul

xulxul

Mar, 28/08/2012 - 20:13

In sostanza hanno dato ragione a Mengele. L'eugenetica é pratica accettata in Europa. Antinazisti sì, però quando fa comodo....... banda di ipocriti.

rokko

Mar, 28/08/2012 - 20:17

grath2005 se è contrario alla procreazione assistita, non la pratichi e buona notte. Ma non può impedire agli altri di farlo altrimenti lede la libertà altrui.

rokko

Mar, 28/08/2012 - 20:25

grath2005 senza contare che il suo desiderio è del tutto illogico: avere un figlio proprio ed adottarne uno sono scelte differenti ma non mutuamente esclusive, anzi, sono molte più le adozioni di coppie che già hanno bambini che le altre. Il fatto è che avere un proprio figlio può dare quelle certezze che intrinsecamente possono venire meno nell'adozione ("gli vorrò bene come se fosse mio? sarò in grado?" ecc. ecc.).

Saltovitale

Mar, 28/08/2012 - 20:48

Non c'entra niente né la Chiesa né la religione. La legge 40 difende il concepito e lo considera, come è , un essere umano. A tal fine cerca di arginare le derive eugenetiche. Che è quello che ti porta a dire: i malati sono un peso, non facciamoli nascere. Hanno geni pericolosi. Ebbene abbiamo tutti noi un gene silenziato che è potenzialmente mortale. Perché non ucciderci tutti allora? state bene e un po' più sereni, la legge 40 è una buona legge e va difesa.

Ritratto di xulxul

xulxul

Mar, 28/08/2012 - 21:32

@saltovitale: concordo.

tanax

Mar, 28/08/2012 - 21:32

Chiamiamola col suo nome giusto...legge buttiglione-ruini, con l'aiuto del 76% di elettori che al referendum son rimasti con le terga incollate al divano.....rimbecilliti dai parroci e dai discorsi da bar: "tanto a me che mi frega.."magari poi anni dopoi loro figli hanno avuto bisogno.......ma tanto se continuiamo a ragionare guardando il nostro cortile........

grath2005

Mar, 28/08/2012 - 22:03

La mia era solo una opinione (non un desiderio) e non intendo vietare niente a nessuno, anzi. Forse si pensa che procreare sia un diritto e se non ci si riesce ci si accanisce con qualsiasi mezzo pur di soddisfare quella che per molti diventa una fissazione. Ognuno faccia quel che vuole e se qualcuno non si rassegna e vuole per forza un figlio suo giochi al piccolo chimico per la gioia di tutti coloro che lucreranno su queste attività. Da parte mia faccio i migliori auguri ai genitori ed al/ai nascituri.

antonbear

Mar, 28/08/2012 - 22:06

Un altra pessima figura per l'Italia,che passa all'estero come retriva e bacchettona,grazie alle continue ingerenze del Vaticano,i cui uomini...che nulla sanno della vita e dell'amore,pretendono di dettare legge ai ns politici pure servili e baciapile.Viva l'Europa che almeno ci salva dal ridicolo.

Massimo73

Mar, 28/08/2012 - 22:23

è una sentenza che va nella direzione di una civiltà giuridica, comune alla maggior parte degli altri paesi europei e non. Io, pur essendo credente, non andai a votare per il referendum poichè erano temi di cui avevo poca conoscenza. Purtroppo anni dopo mi sono imbattuto in un problema governato dalla L.40 e solo lì, purtroppo, mi sono accorto dei fortissimi limiti che tale legge assurda impone alle coppie. La cosa più grave, lasciando da parte le solite polemiche contro il vaticano, è che alla maggior parte del popolo italiano non interessa nulla di tutto questo, perchè non c'è una vera coscienza.

Massimo73

Mar, 28/08/2012 - 22:28

concordo TOTALMENTE con Alberto63G

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 29/08/2012 - 00:53

Sepolcri imbiancati! Quelli del pdl oggi si scandalizzano per una legge che la loro componente democristiana ha a tutti i costi voluto e fatto approvare. Ipocriti! Quando sono nati i miei figli non ho neanche voluto saperne prima il sesso, ma oggi, coi mezzi che ci sono, mi guarderei bene dal mettere al mondo un povero disgraziato che rovinerebbe la vita a molte persone, oltre che a se stesso...

Ritratto di angela piscitelli

angela piscitelli

Mer, 29/08/2012 - 01:08

Non entro nel merito.Ma penso che questa invasione di legulei e sentenziatori nella sfera privata degli individui è l'aberrazione più disgustosa della nostra epoca.ogni individuo dovrebbe essere assolutamente libero di procreare, non procreare, in maniera assistita o meno, come meglio crede, senza che nessuno si permetta di interferire;ora si legifera perfino sul mistero della vita e della morte e sulla coscienza;gravissima lesione del libero arbitrio e pericolosa deriva che azzera ogni responsabilità individuale: in questa selva di fesserie elevate a codici, chi non ha coscienza finisce per avere sempre un buon pretesto e chi invece ha buone intenzioni e sentimenti viene puntualmente punito.Gli stati si occupino della salute, della difesa e dell'istruzione(se ne sono capaci) e per il resto non rompano le scatole.

Ritratto di Situation

Situation

Mer, 29/08/2012 - 08:16

vade reto cattico! finalmente qualcosa si fa contro le leggi medievali dei cattolici e come dice woman nel secondo post, anch'io prima di votare chi ha dato fiato alla canea crociata ci penserò ben più di due volte. BASTA essere governati da cattolici sempre integralisti!!!!! che differenza c'é tra noi e l'Iran degli Hayatollha???????? solo i toni sono differenti. Qui melliflui e vigliacchi, la duri, aggressivi e intransigenti: se non è zuppa è pan bagnato.

soldellavvenire

Mer, 29/08/2012 - 09:10

semplicemente i "diritti umani" di strasburgo differiscono da quelli di roma: là una cosa bianca è bianca, qua è bianca oggi, nera domani, fumè dopodomani, a scelta del guappo di turno: abbiamo la legge che permette l'aborto terapeutico e quella che lo vieta mirabile esempio di "italianità", contenti tutti

Mir i dobro

Mer, 29/08/2012 - 09:33

@saltovitale: concordo.

carloc9

Mer, 29/08/2012 - 09:39

Ma come possiamo farci bacchettare pure per incoerenza? Semplice, immaginiamo di essere al ristorante: non possiamo guardare il menù, ma possiamo rifiutare il piatto che ci hanno appena servito. La legge 40, infatti, ti permette di abortire se il feto pronostica malattie serie. Ma non di esaminare (preventivamente) l'embrione scelto per quell'impianto. Incoerenti? No, è la prova che siamo stati governati da imbecilli... in più, non contenti dello schifo e delle figuracce, la destra becera commenta il giudizio così: . Grandi...

caberme

Mer, 29/08/2012 - 10:00

D'accordissimo, il medio evo oscurantista, cattolico apostolico romano, non deve mai più esistere. Evviva la ricerca, dovunque essa porti, evviva il progresso, torniamo tutti ad essere un poco Futuristi.

Ritratto di kywest

kywest

Mer, 29/08/2012 - 10:21

Posso dire ecchissenefrega? Posso dire che il voler far figli per forza in un mondo sovrapopolato non andrebbe incoraggiato? Posso dire che questa guerra ideologica/confessionale è un insulto a chi vive problemi di primaria sussistenza?

Stonice

Mer, 29/08/2012 - 10:27

d'accordissimo. cerchiamo di libarci di certe menti bigotte. è una vergogna.

bruno ghigi

Mer, 29/08/2012 - 10:42

Da un punto di vista cattolico seguo l'insegnamento della Chiesa, ma da un punto di vista laico non ha senso impedire l'analisi preventiva degli embrioni. Chi la fa è perchè vuole essere certo che il bimbo nascerà sano e se così non fosse, probabilmente ricorrerebbe all'aborto. Meglio scegliere il male minore.

Totonno58

Mer, 29/08/2012 - 10:47

Onestamente della fecondazione eterologa non me n'è mai fregato granchè...ma sappiamo tutti che la legge 40 fu fatta con i piedi,che fa acqua da tutte le parti (ci sono stati già una ventina di di ricorsi accolti)...era un momento di scambio di favori tra "quello là" ed il mondo cattolico (ricordate l'insensata esenzione dall'ICI delle attività lucrative della Chiesa?ci voleva Monti per scoprire il trucco?)...ora Berl.è quasi in pensione, vogliamo ridiscutere di certi temi in modo sereno?

GiuliaG

Mer, 29/08/2012 - 11:19

La legge 40 è stata una legge scritta e approvata dal parlamento in modo trasversale.

fabianope

Mer, 29/08/2012 - 11:40

Saltovitale dixit "Ebbene abbiamo tutti noi un gene silenziato che è potenzialmente mortale" allora: 1) quanti capelli deve perdere ESATTAMENTE una persona per essere calvo? 2) c'e' una probabilita' su circa 10^30 volte la vita dell'universo che tutti gli atomi della mia sedia si muovano in sincrono verso l'alto e quindi mi spiaccico al soffitto: allora non mi siedo piu'. personalmente preferisco lasciare perdere questi giochetti simili ai suoi davanti a situazioni tragiche tipo quella di ettore80. IMHO lei nel suo intervento ha detto solo una cosa giusta: questa legge "cerca di arginare" cioe' e' umana, e come tutte le cose umane puo' essere in tutto e/o in parte sbagliata. chissenefrega poi se e' stata fatta da gente di sx o dx...o da nordisti o da sudisti... l'importante e' che in un paese civile situazioni come quelle in cui si e' imbattuto il sig. ettore80 non devono esistere!

GiuliaG

Mer, 29/08/2012 - 11:53

La legge 40 è stata una legge scritta e approvata dal parlamento in modo trasversale, il divieto di diagnosi preimpianto doveva evitare derive eugenetiche, cosa cui invece, evidentemente, aspira la coppia che ha presentato ricorso al tribunale di Strasburgo. Ma se invece di giocare al piccolo chimico con gli embrioni questi portatori sani di malattie e di egoismo adottassero un bambino non sarebbe più semplice e pure meno doloroso?.

Ritratto di fabiobonari

fabiobonari

Mer, 29/08/2012 - 12:16

E' vergognoso che il referendum, che doveva abrogare questo obbrobrio anni fa , sia stato disertato da un popolo che blatera continuamente di libertà e progresso.

fabianope

Mer, 29/08/2012 - 12:44

cara signora GiuliaG, sa che PERSONALMENTE potrei anche darle ragione, ma OBIETTIVAMENTE le devo dare torto? cerco di spiegarmi. Gli anglosassoni usano scherzosamente il "to die for" per indicare qualcosa di irrinunciabile. In realta' tutti noi abbiamo una o piu' cose A1..An su cui progettiamo e imperniamo tutta la nostra esistenza...sono un po' -diciamolo pure- lo "scopo" della nostra vita. per quanto MI riguarda tra queste non rientrano i figli (per cui potrei pure adottare o anche no...potrei vivere come un piccolo scrooge...) ...MA CHI SONO IO PER DECIDERE PER TUTTI GLI ALTRI?? e' qui a mio parere la grossa pecca del suo ragionamento (apparentemente di "buon senso") e di quelli simili al suo...rispetto alle fondamenta, agli scopi su cui ad es. il signor ettore80 e la sua Signora imperniano i loro progetti esistenziali quello che LEI ed IO diciamo non conta nulla...non DEVE contare nulla E' mia ferma opinione che in questa sfera privata si deve intervenire solo quando si rischia di danneggiare l'interesse pubblico, degli altri, altrimenti e' tabu'!! va lasciata la massima liberta'. mah...oggi mi sento pu po' popperiano :=)))

squalotigre

Mer, 29/08/2012 - 12:48

rokko- Potrei anche dire che sono contrario all'assassinio, ma non posso impedire agli altri di commetterlo, altrimenti negherei la sua libertà individuale. Lei ha mai visto un feto di tre mesi? E' completamente formato ed ha un cuore battente. Ucciderlo al termine della 12a settimana o alla nascita cosa cambia? Io sono medico e ginecologo e per quanto sia cattolico non osservo i dettami della mia chiesa per quanto riguarda il controllo delle nascite. Sono favorevolissimo al profilattico, prescrivo quotidianamente pillole anticoncezionali ed applico spirali, ma considero, basandomi su basi esclusivamente scientifiche e non religiose, l'aborto un infanticidio. La legge sull'aborto, poi,é stata stavolta perchè non era e non è un mezzo per il controllo delle nascite come sostanzialmente viene oggi applicata, ma riguarda solamente i casi in cui c'è un reale pericolo per la salute fisica e psichica della madre. E tale pericolo abbisognava che fosse certificato e basato su precisi dati medici.Lo so che l'aborto è consentito nella maggior parte dei cosiddetti paesi civili, lo si faccia per i motivi che volete, ma almeno non cercate di giustificarlo con motivazioni che non hanno alcuna attinenza con la religione ma ne hanno molta con la scienza e la coscienza.

Ritratto di nw33

nw33

Mer, 29/08/2012 - 12:56

Si è vero, le tematiche discusse in questo Forum non interessano a tutti, ciò non toglie che sono problemi importanti e per alcuni essenziali quanto i problemi di primaria sussistenza. Senza ricordare il principio che si applica in altre situazioni. Tuttavia c’è chi se ne frega di tutto questo, alcuni pensano che ciò sia stato deciso dal legislatore è giusto per tutti, anche se viola un certo principio per altri.

Ritratto di xulxul

xulxul

Mer, 29/08/2012 - 15:19

Che grettezza, che egoismo brutale. Solo cieco furore ideologico. Disposti ad uccidere pur di non fermarsi a ragionare. Sebbene un sedicente cattolico come squalotigre riconosca da un punto di vista razionale che aborto=omicidio (nonostante anche spirali e pillole siano abortivi e quindi facenti parte dell'equazione), ferma restando la sua coscienza morale gravemente erronea che lo muove nella professione, a nessuno di lorsignori passa per l'anticamera del cervello di pensare a quale barbarie stiamo portando l'occidente, ad un lento e costante suicidio in nome di un errato e abnorme concetto di libertà. E la Chiesa, nonostante peccati ed incoerenze, dovrebbe dire che va tutto bene?

squalotigre

Mer, 29/08/2012 - 20:23

xulxul - guardi che lei si sbaglia. Spirali, profilattici e pillole non sono mezzi abortivi. Impediscono semplicemente che la copula si trasformi in un essere umano e quindi che si instauri una vita. C'è differenza, sa, nell'impedire qualcosa e nel sopprimerla. Nel primo caso non c'è vita, nel secondo c'è un essere umano che viene ucciso. Io prima di essere cattolico ed anche praticante, sono un medico che cerca di curare e non di uccidere.Una coppia può nella sua responsabilità morale non volere per mille ragioni un figlio, non ha però nessun diritto di ammazzarlo e sopratutto non può pretendere che a fare da boia sia il medico.

Ritratto di xulxul

xulxul

Gio, 30/08/2012 - 00:28

Squalotigre: egregio dottore, la mia critica parte dalla sana teologia morale cattolica. I presidi da lei citati, tranne il condom, sono abortivi (nonostante si giochi sull'equivoco tra impedire il concepimento e l'annidamento nell'utero dell'ovulo fecondato- per questo lo IUD é abortivo così come le pillole). Ma sono comunque tutti mezzi moralmente inaccettabili (cfr. n. 2370 CCC). Legga, se ritiene, quest'articolo: http://christuscastitas.altervista.org/la_contraccezione_pillola.htm oppure http://difendilavita.altervista.org/50_domande_aborto.html Lungi da me esprimere qualsiasi giudizio su di lei non conoscendola, ma mi ha colpito il suo definirsi praticante. Oggettivamente, con le sue prescrizioni mediche ha concorso nel delitto di aborto procurato (con la spirale sicuramente). Incorrendo anche lei, quindi, nella sanzione canonica della scomunica latae sententiae. Sarebbe bene, se ritiene, che lei avesse un franco colloquio con il penitenziere della sua cattedrale o col suo vescovo. Mi sono permesso di dirle, e mi perdoni, questo come fratello in Cristo, dal momento che, ritenendosi praticante, devo dedurre che il suo destino eterno sembra interessarle (spero). É già qualcosa che lei non faccia IVG. Dovremmo arrivare al 100% degli obiettori per sopperire alla carenza e all'inettitudine della classe politica che non legifera secondo la legge naturale. Il grande dott. Nathanson ha fatto negli USA una grande campagna per la vita denunciando la cultura della morte (e, come saprà, se ne intendeva). Perché non anche da noi in Italia? La ringrazio della pazienza. Un saluto.