Così le donne scoprono l’uomo giusto

I ricercatori: la chimica prevede il destino di una relazione

Per capire se lui è veramente quello giusto, basta baciarlo. È sufficiente appoggiare labbra contro labbra, aspettare il brivido lungo la schiena, per sapere se vale la pena di continuare la relazione oppure passare oltre. Non è solo un discorso di sensazioni, ma di chimica. Che l’alchimia di un bacio possa dire già tutto su un rapporto, ora, è una verità messa nero su bianco dai ricercatori della New York University, che hanno indagato i gusti di oltre mille studenti e sono arrivati a concludere ciò che tutte le donne del mondo imparano da adolescenti: il primo contatto intimo è fondamentale per capire se chi si ha davanti è la persona giusta.
Non solo. Per le donne continuare a baciarsi anche quando la relazione è matura o di vecchia data, è fondamentale per «misurare la temperatura» del rapporto. Funziona in modo opposto per gli uomini: molto meno selettivi nella scelta della compagna della vita, sono più ansiosi di passare subito oltre, mettendo da parte romanticismi noiosi per arrivare in tempi utili a traguardi più concreti: il contatto sotto le lenzuola.
Un concetto probabilmente non nuovissimo, ma che viene confermato da una ricerca scientifica, pubblicata sulla rivista Evolutionary Psychology, e rilanciata dal quotidiano Daily Mail. Una teoria che, precisano gli addetti ai lavori, è stata elaborata chiamando in causa tanto gli uomini quanto le donne. In un’evoluzione lunga secoli, spiega lo psicologo Gordon Gallup, coordinatore dell’indagine, il bacio ha assunto un ruolo fondamentale nell’arte del corteggiamento. «Un processo cui hanno contribuito sia le donne sia gli uomini - precisa l’esperto - arrivando però a considerare in modo diverso l’importanza del contatto labiale nelle strategie di accoppiamento a lungo termine». Dalla ricerca emerge che, rispetto alle femmine, gli uomini sono più disposti ad avere un rapporto sessuale senza il preliminare del bacio, come pure a fare sesso con una donna che non trovano particolarmente attraente o con una compagna che bacia così così, o addirittura male.
Dal sondaggio risulta anche che l’uomo preferisce il «bacio alla francese». Quello più profondo, lingua contro lingua. Tecniche a parte, però, il potere del bacio non è soltanto una questione di magia, ma anche di chimica. In altre parole, baciarsi non è solo bello, è anche utile. «È un delicato e complesso scambio di informazioni indispensabili nella scelta del partner - assicurano gli psicologi - Il contatto delle lingue e lo scambio di saliva forniscono elementi chiave a entrambi, seppur a livello inconscio: il respiro femminile è spia di maggiore o minore fertilità, la saliva maschile contiene tracce di testosterone e l’alito cattivo può essere il sintomo di una malattia». Il bacio, insomma, funzionerebbe come una sorta di test scientifico-biologico: o scatta la scintilla, oppure scoraggia il proseguimento della relazione. Peccato che siano solo le donne a preoccuparsene.