Così il marchio conquista le donne

Una collezione sobria e irriverente

Laura Verlicchi

Giovane, irriverente, dinamica: così è la donna secondo Manuel Ritz. Il marchio dallo stile inconfondibile non è più solo al maschile: il debutto ufficiale della collezione femminile autunno-inverno nella boutique monomarca milanese ha svelato lo stile «New Classic» fatto di tessuti e colori inediti, dettagli ricercati e sartoriali, capi confortevoli e avvolgenti.

«Pensato per la donna di oggi, multitasking per natura, che vive il suo tempo a ritmo 3.0 - ci racconta la project manager della linea femminile, Diletta Paoloni, figlia di Michele Paoloni, presidente e proprietario di Manifattura Paoloni - Abbinamenti di materiali e di nuance nel segno dell'ironia e del divertimento, ma legati sempre a sobrieta e personalita, diventano il linguaggio quotidiano di donne che si raccontano con coerenza e leggerezza.

Come l'attrice Giulia Bevilacqua, che già veste la nostra linea». La collezione femminile, infatti, è presente con le anticipazioni estive dal 27 febbraio: «Una capsule di pochi pezzi spiega Diletta Paoloni mentre per la prossima stagione abbiamo avviato un importante processo rivolto al rinnovo del nostro e-commerce e marketing digitale, coinvolgendo realtà specializzate e di alto profilo».

Il mondo dello shopping online e dei social è infatti l'habitat naturale di una collezione come questa, che ha la contemporaneità nel dna. «Dal punto di vista strategico crediamo fortemente nella circolarità della comunicazione conferma la manager I nostri profili social devono essere palcoscenico e cassa di risonanza della vita del marchio, ma anche dei nostri utenti e clienti.

Operazioni molto riuscite sono i progetti vetrine: il traffico social corre dal profilo ufficiale a quello dei clienti e viceversa, con grande riscontro e visibilità sul punto vendita». Proprio l'occhio attento alle esigenze del mercato ha portato il gruppo Paoloni a immaginare una linea femminile per il suo marchio di punta: «È la naturale evoluzione di Manuel Ritz, che dal total look maschile sempre più completo si è esteso prima alla linea bimbo, poi alla donna. Il punto di forza è il capospalla di alto livello, di cui la nostra tradizione aziendale ci vede specialisti da quasi quarant'anni» racconta orgogliosamente Diletta Paoloni.

La giacca, icona dell'eleganza quotidiana non solo maschile, è il fil rouge che collega le due collezioni: identità diverse ma un gusto ben preciso in comune. «Il taglio formale interpretato con ironia, tocchi di colore originali, cura per i dettagli anche nascosti: questo è lo stile Manuel Ritz, al maschile come al femminile».

Un'impronta inconfondibile che ne ha fatto il marchio con la più alta quota percentuale in termini di fatturato all'interno della Manifattura Paoloni, di cui fa parte da dieci anni.

L'azienda ha sviluppato nel 2017 un giro d'affari di 38 milioni di euro, con la previsione di superare i 40 milioni nel 2018.