Così le tecnologie ci cambiano la vita

La tecnologia fa sempre più parte di noi, della nostra quotidianità, influenza le nostre vite. Ma quale futuro ci riserva questa rivoluzione digitale? Guarda il cortometraggio proposto dal Gruppo Editis e di' la tua, il Giornale.it apre il dibattito anche a voi lettori

Vi è mai successo di dimenticare il cellulare a casa? E’ facile immaginare la sensazione che avete provato, perché la maggioranza di noi l’ha vissuta in prima persona. Ci si sente persi. Vulnerabili. Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori britannici ha rilevato che è una sensazione paragonabile alla "tremarella del giorno delle nozze" o alla paura di quando si va dal dentista. Addirittura è stato coniato appositamente un termine medico. "Nomofobia", così si chiama la paura di rimanere senza portatile ("nomo" è l’abbreviazione di no mobile).

Quale futuro? Non c’è niente da fare. Dobbiamo ammetterlo. La tecnologia fa parte di noi. Della nostra quotidianità. Ma dove stiamo andando? Quali saranno i nuovi mezzi di comunicazione e quale ruolo ricopriranno in un futuro più o meno vicino?

Possible... ou probable Il Gruppo Editis, una prestigiosa casa editrice francese, ha proposto il suo punto di vista attraverso la realizzazione di un cortometraggio intitolato “Possible… ou probable”. Il film, che ha ricevuto il Laurier di bronzo al festival di Creusot, si propone di fare un salto in avanti nel tempo. Nella vita di una giovane coppia nell’era dell’editoria digitale.

Di' la tua Editis apre il dibattito. Il Giornale.it, in occasione del 17 maggio, giornata mondiale delle Telecomunicazioni e della Società dell’Informazione, segue lasciando a voi lo spazio per esprimere le vostre idee e le vostre riflessioni su quello che è e che potrà essere.

Guarda il cortometraggio (9 minuti)