Così Thumper salvò il padrone dall’incendio provocato dal gatto

(...) un fondamentale contributo alle forze dell’ordine nella lotta al traffico di stupefacenti.
Tante piccole grandi storie che verranno rievocate, tra un abbaiare e festoso e l’altro, sabato prossimo, 16 agosto, a San Rocco di Camogli. Qui si celebra infatti, la quarantasettesima edizione del Premio internazionale fedeltà del cane, iniziativa nata nel 1962 da un’idea nata dell’allora parroco don Giacobbe e che ogni anno si rinnova con crescente successo. Come si sta affermando anche il concorso per le scuole «Un cane per amico», che ha coinvolto gli alunni delle primarie e medie inferiori di tutta la provincia di Genova.
I cani. Naturalmente sabato ci saranno anche loro, star per un giorno, inconsapevoli protagonisti di atti di eroismo che per una carezza sulla testa, ma anche senza carezze, sarebbero pronti a ripetersi. Nove storie in concorso al premio fedeltà, una invece che premia un gesto di bontà dell’uomo nei confronti dell’animale. Soltanto alle 12 di sabato, dopo la Messa solenne celebrata dall’arciprete di Camogli don Ezzelino Barberi, si saprà il nome del quattrozampe che «primus inter pares» - sottolineano gli organizzatori del concorso - avrà vinto il primo premio. La festa non si fermerà qui. Tra stand gastronomici (ci sarà qualche hot dog anche per i festeggiati?), e vespri solenni, si farà sera con le musiche dell’orchestra «Roller Folk».
Si diceva le storie. Eccole. A partire da qualla di Bella, un cane fantasia di cinque anni di Riccò del Golfo, nello Spezzino, che ha salvato il padrone caduto in un dirupo, scaldandolo per un’intera notte. Era il mese di marzo e nella bassa vallata del Vara la temperatura scende sotto zero in un batter d’occhio. Giobatta Rossi, pensionato ottantenne, nel bosco per raccogliere asparagi selvatici, dopo quella terribile caduta pensava proprio di non farcela. Ventun ore ferito a una gamba e con una spalla dolorante, fradicio di acqua gelata, aveva solo lo sguardo di Bella fisso nei suoi occhi a infondergli fiducia, il suo corpo e la sua pelliccia a tenere in vita la speranza.
Viene da Clusone, in provincia di Bergamo, la storia di Cocco, un maltese di sette anni, che nello scorso mese di giugno aveva seguito il suo padrone nella casa della madre ottantenne. E una notte Cocco si sveglia, capisce che qualcosa non va, afferra coi denti il pigiama della donna e tira con forza per svegliarla. La casa stava bruciando, ma tutti, anche i vicini, riusciranno a mettersi in salvo.
Happy è invece un labrador retriver femmina di quattro anni, «dipendente» dell’Unità spinale dell’ospedale Niguarda di Milano. Con il suo carattere gioioso e affettuoso, Happy riesce a trasmettere buonumore anche in pazienti che soffrono di disabilità cognitive e relazionali, o anche sensoriali e fisiche. Con lei la «pet therapy» (terapia con le coccole) è un successo.
Ancora una storia di incendi. Ne è protagonista Joy, barboncino di quattro anni, che una notte a Trieste, nel mese di marzo, aveva dato segni di irrequietezza tanto da indurre la signora Daniela che lo aveva in custodia a fargli fare i canonici quattro passi. In realtà l’uscite fuori programma ha consentito di dare l’allarme per un incendio scoppiato nell’appartamento di un vicino.
È ancora una cane di casa nostra, Lady, nove anni e razza fantasia, che quattro anni fa (ma si è saputo solo ora) a Loano ha salvato la sua padrona ottantenne caduta in casa e rimasta priva di sensi. Se un cane silenzioso abbaia senza tregua un motivo ci sarà. È quello che hanno pensato i vicini che sono così intervenuti a prestare soccorso.
A Genova «lavora» Luke, pastore tedesco di quattro anni, in servizio alla Polizia di Stato. Luke ha un fiuto come pochi, un fiuto particolare che va a caccia non di salsicce ma di esplosivi. Il suo ultimo colpo lo ha messo a segno individuando un ordigno rudimentale che i suoi padroni hanno provveduto a rendere inoffensivo. Presta invece il suo fiuto alla Guardia di Finanza di Genova Taca, pastore tedesco di un anno e mezzo, che recentemente ha scovato una grande quantità di droga in possesso di tre extracomunitari.
Ad Arenzano Rocky, rottweiler di sette anni e 68 chili di peso, stava trascorrendo le ferie col suo padrone. Quando Rocky si è accorto che l’uomo, vittima di una caduta in casa era sanguinante e privo di sensi, si è dato da fare per rianimarlo a suon di leccate e poi è riuscito a trascinarlo al piano superiore fino al telefono.
Viene dal Maine, negli Stati Uniti, la storia di Thumper, femmina di labrador retriver nero, che ha salvato il suo padrone dall’incendio, e da una possibile esplosione, della sua casa. A provocare le fiamme era stato il gatto di casa, Princesse, che ha fatto cadere una lampada al cherosene.
Quanto al premio bontà, la manifestazione di San Rocco di Camogli ricorda il salvataggio di Argo, anziano pastore dei Pirenei, caduto in un canale a San Colombano Certenoli. A mobilitarsi, con tutta una squadra munita di imbragature, i vigili del fuoco di Chiavari.