Dicono addio alla messa, ma su islam e immigrati i cristiani chiedono stop

Nel Vecchio Continente i credenti sono al minimo storico, ma nella Penisola la fuga dalla tradizione religiosa è più lenta che altrove

In Germania le tappe della secolarizzazione vengono scandite dall'ufficio delle imposte. Per appartenere a una Chiesa bisogna pagare la Kirchensteuer, la tassa sulla religione, che pesa circa il 9% del carico fiscale medio e che a questo si aggiunge. Solo chi è in regola con i versamenti alla propria confessione ha diritto di ricevere i sacramenti ed essere inserito nel registro dei fedeli. Chi non paga e non si è fatto iscrivere all'anagrafe come ateo o agnostico viene perseguito come evasore: ad accorgersene a suo tempo fu Luca Toni, il calciatore italiano per qualche stagione in forza al Bayern Monaco. Così, ogni anno in luglio, quando gli enti interessati pubblicano le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi dell'anno precedente, per le chiese è tempo di bilanci: nel 2017, in soli 12 mesi, tra cattolici ed evangelici i fedeli sono diminuiti di 660mila unità, l'anno precedente la cifra era stata di poco inferiore. Non tutti si cancellano dagli elenchi ufficiali, magari per risparmiare o per scarso interesse. Molto semplicemente il calo è in buona parte frutto dell'evoluzione demografica: gli anziani credenti muoiono, i giovani non frequentano le chiese. A partecipare a una funzione religiosa almeno una volta al mese è il 22% della popolazione, per la pratica settimanale si scende sotto le due cifre.

È l'Europa senza Dio, in cui a segnare l'addio alla fede sono anche e soprattutto le nuove generazioni. «In tutto il continente i giovani adulti non si identificano più con la religione né la praticano», ha dichiarato Stephen Bullivant, professore di sociologia alla St. Mary's University di Londra, autore di una ricerca sulla religione degli under 30.

FEDELI CHE CONTANO

Attenti, però: il fatto che il vecchio continente sia ormai «decristianizzato» non vuol dire che sia già venuta l'ora di liquidare come irrilevante la presenza nella vita pubblica di cattolici o protestanti. Anzi, tutto il contrario. A sostenerlo è il Pew Research Center, un centro di ricerca americano specializzato in analisi sociali e demografiche. Poco più di un mese fa ha pubblicato un'indagine frutto di un mega sondaggio condotto in 15 Paesi. L'obiettivo, come sintetizzato dal titolo, «Essere cristiani oggi nell'Europa Occidentale», era quello di mettere a fuoco la presenza e i valori dei credenti nel vecchio continente. Il risultato: «La maggioranza dei cristiani europei sono ormai non praticanti, ma i loro atteggiamenti si distinguono nettamente da chi non ha affiliazioni religiose, non solo per quanto riguarda Dio e il ruolo della religione nella società, ma anche sui problemi sociali, l'atteggiamento verso l'islam e verso l'immigrazione». I cristiani, insomma, sia pure a «bassa intensità», ci sono e si notano.

Le prime cifre della ricerca (vedi anche i grafici pubblicati in queste pagine) riguardano la frequenza religiosa. E da questo punto di vita l'Italia, con un altro pugno di Paesi come Portogallo e Irlanda, si presenta come una specie di ultimo bastione della fede. Il 40% degli abitanti della penisola dichiara di andare in chiesa almeno una volta al mese. È la percentuale più alta d'Europa e a seguirci sono, appunto, il Portogallo con 35 e l'Irlanda con 34. Se si tiene conto anche dei non praticanti, in prima posizione con l'83% di cittadini che si definiscono cristiani è il Portogallo, seguito a pochi passi ancora da Irlanda e Italia a pari merito. Da notare l'abisso che ci separa da Paesi come l'Olanda (solo il 42% degli abitanti si dice cristiano), Svezia e Norvegia (52%), ma anche la posizione dell'un tempo cattolicissima Spagna, dove il livello di chi va in chiesa almeno una volta al mese è al 21%. In Italia, poi, è bassissima la percentuale di chi fa professione esplicita di ateismo o agnosticismo (il 15%), solo le solite Irlanda e Portogallo ci eguagliano mentre in Spagna il livello è doppio.

DIFFERENZA DI VALORI

La raffica di cifre non impressiona più di tanto Franco Garelli, docente di Sociologia delle religioni all'Università di Torino. «Qui si parla di frequentazione mensile, se si guarda a quella settimanale siamo anche sotto il 20%. È una pratica discontinua e sempre più culturale, una religione che viene recuperata nei momenti fondanti della vita familiare, il battesimo, il matrimonio, i funerali». Il tutto vissuto un po' all'italiana: «Rimaniamo un po' a metà strada: non abbiamo le tradizioni laiciste di altri Paesi, e allo stesso tempo l'apparenza è quella di una adesione non piena, mai vissuta totalmente».

Quanto agli atteggiamenti specifici dei cristiani, praticanti e no, la distinzione è quasi ovvia su temi come l'aborto o i matrimoni gay. Nei 15 Paesi presi in considerazione il 52% dei praticanti accetta, sia pure in alcuni casi, l'aborto legale e il 58 le nozze gay. Dati che possono sembrare rilevanti ma restano sensibilmente diversi rispetto a chi non denuncia alcuna affiliazione religiosa, fascia in cui il sì raggiunge in tutti e due i casi l'87%. Differenze importanti si riscontrano anche su temi legati al sentimento patrio, al pluralismo religioso e all'immigrazione. «I cristiani nel loro complesso tendono ad esprimere in maniera più forte il senso dell'identità nazionale», dicono i ricercatori del Pew Center. Quanto all'islam il 49% dei praticanti europei pensa che sia incompatibile con i valori nazionali (nella media della popolazione la cifra è al 32%) mentre il 40 pensa che i livelli di immigrazione debbano essere ridotti (28% tra chi non appartiene ad alcuna chiesa). Da notare che in alcuni Paesi, Italia in testa, i cristiani diffidenti nei confronti della religione maomettana e degli immigranti sono una legione. Nella Penisola il 63% dei praticanti pensa che tra noi e il mondo musulmano ci siano differenze insormontabili (29% tra i non credenti). Valori simili ai nostri si hanno in Paesi come l'Austria e la Finlandia (dove peraltro i frequentanti le chiese sono molto pochi) mentre tra i praticanti spagnoli il dato scende al 43%. L'Italia ha anche il record tra i praticanti che vogliono uno stop o quanto meno un rallentamento dell'immigrazione, il 63% (36% tra i non religiosi). Con valori paragonabili ai nostri ci seguono solo Austria, Belgio, e Danimarca. L'atteggiamento diffidente dei fedeli italiani sembra fare a pugni con molte dichiarazioni sull'accoglienza delle gerarchie ecclesiastiche. «Credo che i vertici della Chiesa conoscano bene la posizione di chi va a messa ogni domenica», commenta il professor Garelli. «E io non interpreterei questi dati come il sintomo di una mancanza di solidarietà. È più probabilmente un atteggiamento di difesa: il timore che il superamento di certe soglie di sicurezza, l'eccesso, metta in pericolo un'identità culturale legata a quella religiosa».

DEVOTI PER REAZIONE

A proposito del fenomeno la ricerca del Pew Center sottolinea l'influsso che i più recenti movimenti migratori hanno avuto sugli atteggiamenti culturali dei credenti. Sul tema si cita un professore americano, Roger Brubaker, docente all'Università di California che ha parlato di «cristianità reattiva». Il meccanismo, sostiene Brubaker, è semplice. «Molti europei anche secolarizzati hanno guardato ai nuovi immigrati e hanno detto: se loro sono musulmani, allora in qualche modo noi dobbiamo essere cristiani». Un altro studioso, il francese Olivier Roy, è stato ancora più netto: «Se l'identità cristiana dell'Europa è diventata un tema è perché il Cristianesimo come pratica e fede ha perso terreno trasformandosi in un marcatore culturale sempre di più neo-etnico». E anche da questo punto di vista la Germania è un caso. Nei mesi scorsi il governo della Baviera ha stabilito di esporre il crocifisso in tutti i luoghi pubblici. Alcuni prelati, come Rudolf Voderholzer, vescovo di Regensburg hanno salutato con gioia la decisione: «La croce è l'epitome della cultura occidentale. L'espressione di una cultura di amore e compassione». Ad avanzare riserve invece non sono stati tanto imam o rabbini, ma il cardinale di Monaco Reinhard Marx: «Concepire la croce come puro elemento culturale è un errore: è un segno di opposizione alla violenza, al peccato e alla morte, ma non un simbolo di esclusione».

Commenti
Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Mer, 01/08/2018 - 10:54

Questo è l'effetto voluto dagli anticristo della CEI e del Vaticano. Hanno iniziato la scristianizzazione con il Concilio "Ecumenico" di Giovanni XXIII tutt'altro che "Papa buono" (leggete e documentatevi). Ecumenismo significa unione di tutte le Chiese cristiane e ricerca di un punto d'incontro fra le grandi religioni monoteiste, quindi compreso l'Islam. E su quest'ultimo si sono particolarmente concentrati.

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Mer, 01/08/2018 - 11:27

TUTTA COLPA DEL COMUNISTA DI ROMA FRANCESCO .

Demetrio.Reale

Mer, 01/08/2018 - 12:04

E' significativo che i paesi più secolarizzati sono anche quelli più aperti all'immigrazione islamica: Olanda ma anche Svezia e, sorprendentemente, Spagna....sono i frutti del '68 nella Chiesa, Concilio Vaticano II, come correttamente scrive Friulano) che con bergoglio diventa metastasi...

i-taglianibravagente

Mer, 01/08/2018 - 12:07

Kirchensteuer...??? Complimenti ai protestanti, braccio beota della massoneria mondiale per lo sradicamento del Cristianesimo. Si sono sparati nei piedi da parecchio tempo e basta andare a fare un giretto in qualsiasi "chiesa" anglicana o protestante europea. e' piu' spirituale una passeggiata all'IKEA. Poi "ordinare" Vescove o vescovi Lesbiche e gay, non ha certo aiutato. Intelligentoni.

rudyger

Mer, 01/08/2018 - 12:36

anche i mussulmani in germania pagano la tassa ? sarei curioso.

Ritratto di hardcock

hardcock

Mer, 01/08/2018 - 12:37

Finalmente la gente si sta rendendo conto delle fandonie su cui si basano tutte le religioni e altresi capisce che senza parassiti tutte le società migliorano specialmente se liberate dai parassiti che parlano di perdono favorendo cosi il malaffare e il crimine. Mao Li Ce Linyi Shandong China

venco

Mer, 01/08/2018 - 12:39

Come al solito riscrivo, Ratzinger si diede da fare più volte per eliminare la tassa sulla religione in Germania ma le chiese protestanti si opposero sempre.

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Mer, 01/08/2018 - 13:09

L'esodo dei cristiani riguardo la messa è iniziata quando questa è diventata una manifestazione canora più che una "Messa" intesa come sacrificio etc. etc. Dopo i canti e i balli, e tanti mistici a fare i finti preti, è arrivato un papa che ha fatto il resto. Questo per quanto riguarda l'esodo, per quanto riguarda la pretesa di quei pochi che restano no comment. Per quanto mi riguarda ho cessato del tutto di frequentare templi e ritrovi settari e me ne infischio serenamente di tutto il clero. Io e il Padre Eterno abbiamo un bel rapporto a due che non si serve di santoni e preti che seviziano minori. Quando Egli dirà che il mio tempo qui è finito, mi presenterò da lui a rispondere di quello che ho combinato... il resto sono solo chiacchiere.

ben39

Mer, 01/08/2018 - 13:32

Gli scienziati dicono che gli universi contineranno ad esistere in cicli, ma che l'umanità che vive in una piccola particina di essi con molta probalità no. Allora implicitamente riconoscono l'avvento del millennio biblico alle porte. La chiesa vivrà l'apostasia e il mondo si allontanerà dal suo creatore. Sono dei chiari segni dei tempi della fine di questa umanità, a cui ne seguirà una nuova.

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Mer, 01/08/2018 - 14:11

le millenarie balle della setta non riescono più a trattenere gli adepti. se poi si aggiunge un capo che non perde occasione per santificare i clandestino islamici e dimentica i suoi preti pedofili, ecco che la finta religione ne paga le conseguenze. RRR

Ritratto di pigielle

pigielle

Mer, 01/08/2018 - 14:26

Durante la mia permanenza in Svizzera ho dovuto pagare la "tassa sulla chiesa", nel mio caso Cattolica. Tra l'altro ben più cara di quella Protestante

ginobernard

Mer, 01/08/2018 - 14:44

speriamo che l'Italia evolva sullo stile degli altri paesi europei ... se no torniamo nel medioevo.

Ritratto di Atomix49

Atomix49

Mer, 01/08/2018 - 14:57

Madre mia, si parlava semplicemente di telefonini e siamo andati a scomodare termini come l'apostasia... Senza offendere nessuno, la farei più terra terra. La religione è una superstizione per così come viene imposta. Chiese intese come edifici in muratura e non, preti intesi come mediatori, il clero inteso come una oligarchia di predicatori e fornicatori, sono oramai fuori dal tempo. Si sono tagliati fuori con le loro stesse mani (e prediche). Poi ultimamente, con l'avvento di questo papa, lo smarrimento è stato completo. Vuole mettere bocca su tutto ma spende una parola sulle zozzerie del clero solo quando veramente costretto. Ma che il cellulare sia uno strumento del demonio lo si poteva ascoltare solo da lui.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 01/08/2018 - 15:12

E pensare che i protestanti si sono ribellati alla Chiesa Romana perché usurava sulle indulgenze previo versamento di un obolo.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 01/08/2018 - 15:19

@Atomix4913.09: Condivido il discorso sulla Messa e tanto della liturgia ormai non si va più a Messa per capire il Mistero e l'insegnamento basilare di Cristo ma per partecipare a un happy hour. Ossequi.

michettone

Mer, 01/08/2018 - 15:26

Concordo in toto con il buon ATOMIX49, al quale porgo i miei ringraziamenti. Il rapporto con Nostro Signore, Padre Onnipotente, è di quelli, che i preti invidiano, poiché non passa attraverso loro, ergo si sentono inutili e destinati a rimanere...senza stipendio. Quando, mi reco nella cappella del SS.Sacramento, sento la vicinanza al Corpo ed il Sangue di Gesù, allo stesso modo di quando, prima del pranzo o la cena, ci rivolgiamo a Dio Nostro, per la Benedizione. Di ciò che predicano il gesuita, i cardinali, vescovi e preti, non ci interessa granchè.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Mer, 01/08/2018 - 15:48

Ci sono Cristiani e Cattolici che si professano tali, che ogni domenica vanno a Messa, senza sapere nulla o quasi di quanto è scritto nel Vecchio e nel Nuovo Testamento. Ripetono meccanicamente a memoria il "Padre nostro" senza soffermarsi sul significato delle parole. Sono convinti di essere "giusti" per il fatto di "credere" in CRISTO e in DIO Padre. In verità, per ritenersi Cristiani non basta solo frequentare con regolarità la ss Messa. Occorre prendere accurata conoscenza di DIO e della Sua volontà [riguardante l'intero ordinamento da Lui creato attorno all'uomo] per scoprire qual'è l'impulso che spinge un Cristiano a pensare ed agire rettamente in linea con la volontà di DIO.

duca di sciabbica

Mer, 01/08/2018 - 16:07

di per se lo svuotarsi delle chiese non sarebbe una tragedia, anzi! Ma il simultaneo riempirsi delle moschee lo è, eccome. E questo lo dovrebbe capire anche il più stupido degli atei.