Per il 25 aprile scoppia la faida tra i partigiani

La Scala concede uno spazio all'Anpi. Un reduce: non rappresenta tutti

La guerra civile, ora, è interna al mondo partigiano. Può sembrare un piccolo episodio ma, a un giorno dalle celebrazioni del 25 aprile, mette a nudo una vecchia contrapposizione - partigiani comunisti che hanno egemonizzato la Liberazione, e partigiani non comunisti sempre rimasti ai margini - che si trascina tra infastiditi silenzi e malumori da 70 anni, e ogni tanto alza la testa. Come ha fatto ieri un «affezionato scaligero» milanese, Carlo Guidi, il quale ha firmato una lettera aperta al sovrintendente del Teatro alla Scala, Alexander Pereira, per esprimere il suo dissenso (e sembra di capire di molti altri frequentatori del Piermarini) da un clamoroso gesto. Ritenuto offensivo. Quale?

Avere concesso all'Anpi, l'Associazione nazionale partigiani, l'autorizzazione ad aprire all'interno del teatro una sezione «che si prefigge di promuovere e tutelare i valori della Costituzione». Di per sé, obiettivo nobilissimo. Ma - si chiede il firmatario della lettera, «nipote di partigiano e ugualmente nipote di un combattente della Repubblica sociale» - perché non limitarsi a un richiamo alla Resistenza da parte del Teatro alla Scala (dedicare per esempio una sala a un grande partigiano o promuovere un concerto per l'anniversario della Liberazione) e invece arrivare a coinvolgere l'istituzione scaligera in un sodalizio con un'associazione «che non rappresenta affatto tutti i partigiani d'Italia, ma solo una parte?».

«Da sempre l'Anpi è stata la succursale partitica del mito della Resistenza, ovvero quanto di più lontano dalla Liberazione: l'ha trasformata in un valore di partito e non di tutti gli italiani». «Trovo assai grave - è la conclusione della lettera, in cui chi firma promette di non assistere più ad alcuna rappresentazione nel periodo della direzione di Pereira - che un'associazione come l'Anpi, ancora purtroppo non del tutto scevra da logiche di partito e di contrapposizione ideologica, abbia messo un piede nel tempio sacro della musica milanese, dove la politica e lo spirito fazioso dovrebbero essere banditi». Augurandosi di non ritrovarsi «pugni chiusi e bandiere rosse dentro il Palco reale».

La Scala, insomma, è la casa di tutti i milanesi, non la sede di un partito.

E, se non bastasse, a rovinare la festa del 25 aprile, ecco scoppiare la polemica di giornata, rilanciata ieri dal Corriere del veneto. Il quotidiano ha raccontato di come giorni fa Deris Turri, del direttivo Anpi di Rovigo, sia finito nell'occhio del ciclone con accuse di simpatie per le Brigate rosse (alle quali - detto per inciso - i vecchi partigiani consegnarono molte armi e più di un'idea). E cos'ha fatto, il dirigente Anpi? Ha condiviso sulla sua pagina Facebook la frase «La rivoluzione è un fiore che non muore» accanto al volto di Prospero Gallinari, il brigatista rosso (morto nel 2013) condannato all'ergastolo per una serie di attentati, tra cui il rapimento di Aldo Moro: in totale fu esecutore diretto, con altri brigatisti, di otto omicidi. Titolo del post condiviso dall'esponente dell'Anpi? «Ciao Prospero». Conseguenze: polemiche violente in Rete, richieste di scuse, tentativi di giustificazione («La mia unica colpa è essere da sempre un vero Antifascista») e, infine - probabilmente su pressione dell'Anpi stessa - dimissioni dall'incarico. Buon 25 aprile. A tutti.

Commenti

killkoms

Dom, 24/04/2016 - 12:26

viva San Marco!

leserin

Dom, 24/04/2016 - 17:44

L'ANPI andrebbe abolita. Non rappresenta i valori di tutti gli italiani.

piertrim

Dom, 24/04/2016 - 19:46

La faida tra chi? Tra i pochissimi novantenni rimasti?

franco-a-trier-D

Dom, 24/04/2016 - 21:26

domani lutto nazionale è morta la Italia..

Ritratto di bobirons

bobirons

Lun, 25/04/2016 - 08:34

La falsità di alcune posizioni prese dall'anpi è dimostrata dalle fonti che accreditano non più di 25.000 aggregati - i combattenti furono molti meno - alle brigate partigiane che ebbero oltre 40.000 caduti. Se non è fascismo o comunismo (imposizione di un verità inesistente) questo, cos'altro è ? Basta con la propaganda, si alla verità storica che a fronte delle fucilazioni di antifascisti oppone il massacro d'inermi civili, spesso per cause NON politiche.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Lun, 25/04/2016 - 08:47

Ma quanti anni hanno i Partigiani ? Per ancora quanti decenni L'Italia dovrà finanziare l'ANPI ? L'ANPI è una monarchia tipo "regno di Inghilterra" che si tramanda da padre in figlio ? Domande che non avranno risposta ma che invece meriterebbero una riflessione.

Ritratto di manasse

manasse

Lun, 25/04/2016 - 08:54

quelli che pretendono la verità sul caso Regeni aprano gli armadi e li vuotino dagli scheletri custoditi con cura e dicano la verità sui partigiani su piazza Fontana su piazza della Loggia sulla strage di Bologna su quella dell'italicum su quella di ustica sulla morte di Moro su telecom serbia sul monopolio delle coop............

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 25/04/2016 - 08:59

Che dire oggi? Onore a tutti i militi della San Marco e della X, a tutti quelli che hanno difeso pagando con la vita i confini orientali dell'Italia dall'invasione barbara slavocomunista e dai traditori della patria al servizio di stalin. Chi scrive che il 25 aprlie del 45 l'Italia e' morta ha ragione anche se la vera morte e' l'8 settembre 43.

Holmert

Lun, 25/04/2016 - 09:00

Ogni anno ci dobbiamo sorbire la solita ed inutile liturgia,conseguente ad aventi risalenti a 70 anni fa. Una guerra a tutti gli effetti persa,con gli aerei americani ed inglesi che bombardarono a tappeto l'Italia, facendo migliaia di morti, acclamati come liberatori.Tedeschi,dapprima alleati con i quali combattemmo assieme poi nemici avverso i quali combattemmo dopo essere scappati sui monti a fare i partigiani. Una guerra tra italiani,una guerra civile. Insomma un casino di cui la storia tra 40-50 anni ci dirà come stanno effettivamente le cose. Tutto di quello che fu adesso è cenere,generazioni passate, andate all'altro mondo. Eppure come magia,esistono ancora i partigiani. Forse qualche ultranovantenne.Saranno un centinaio?

flip

Lun, 25/04/2016 - 09:02

ma quali partigiani? i centenari? e poi cosa hanno fatto i partigiani? dicono che ci hanno liberati. da chi?? ADESSO DOBBIAMO ESSERE LIBERATI DA QUESTO FANGO CHE CI SOFFOCA!

Ritratto di sitten

sitten

Lun, 25/04/2016 - 09:11

25 Aprile. Festa della barbarie antifascista!

Ritratto di johnsmith

johnsmith

Lun, 25/04/2016 - 09:16

Ormai tutti per bocca di chi ha vissuto quel periodo, sanno chi erano questi esseri chiamati partigiani, si partigiani del loro! Razzie nelle cascine, attentati da dilettanti e inconcludenti salvo poi far pagare con la vita ad innocenti le ritorsioni! I soliti voltagabbana attualmente ancora in essere.

linoalo1

Lun, 25/04/2016 - 09:28

Sono trascorsi più di 60 anni ed ancora c'è qualche Ignorantone che tira in ballo queste Vecchie e Dementi Diatribe!!!Ormai,di quei Tempi,non gliene frega più niente a nessuno!!!

LEONE412003

Lun, 25/04/2016 - 09:29

Ma lo statuto di queste bella associazione prevede che siano iscritti anche i figli, i nipoti e i discendenti indiretti di partigiani?? I partigiani effettivi(quasi tutti "rossi", dato che tanti di quelli di altri "colori" erano stati fatti fuori dai loro "colleghi")dovrebbero avere 90 anni e più, ma dalle foto sembrerebbero molto più giovani.Forse sono compresi anche anacronistici simpatizzanti?!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Lun, 25/04/2016 - 09:31

MA; SE LA GUERRA É FINITA 70 ANNI FÁ; QUANTI ANNI HANNO QUESTI PARTIGIANI! 90! 100! OPPURE 120?! É NELLA FOTO SI VEDONO ANCHE PERSONE GIOVANI; É CHE FANNO QUESTE ACCOMPAGNANO I NONNI SULLE SEDIE A ROTELLE?! MA FATELA FINITA CON QUESTE BUFFONATE! L;ITALIA É STATA SCONFITTA DAL MILIONE E MEZZO DI ANGLOAMERICANI SBARCATI IN SICILIA; É NON DA QUESTI BUFFONI CHE METTEVANO LE BOMBE É SCAPPAVANO PER FAR AMMAZZARE LA GENTE INNOCENTE; É SE CÉ UN EROE DA FESTEGGIARE QUESTO É SALVO D;AQUISTO; MA NON QUESTI PAGLIACCI!.

Ritratto di Valance

Valance

Lun, 25/04/2016 - 09:34

Non voglio commentare! Non ho neppure letto l’articolo, che tanto mi censurerebbero, anche se dicessi soltanto “chissenefrega”!

Ritratto di giorgio51

giorgio51

Lun, 25/04/2016 - 09:44

Mi trovo assolutamente d'accordo con quanto scritto da Carlo Guidi. Nel modo più assoluto l'ANPI esprime il senso i valori e le convinzioni di tutti i partigiani d'Italia, tanto meno le mie. Ma purtroppo sino ad oggi la storia che si insegna e si racconta non è LA STORIA ma una storiella voluta da un certo partito, pieno di arroganza da sempre ed a sempre al soldo dei poteri detti forti. La famosa frase "lavora compagno tu lavori ed io magno" è sempre attuale specialmente oggi. Ma d'altronde cosa vi aspettavate da una giunta comunale di siffatta pasta?

giovanni PERINCIOLO

Lun, 25/04/2016 - 09:51

Anpi, il primo tra gli enti inutili che andrebbero soppressi una buona volta!

Ritratto di mina2612

mina2612

Lun, 25/04/2016 - 10:15

La lettera scritta da Carlo Guidi è giusta e doverosa, e tutti gliene siamo grati. Io mi domando: perchè Pereira avrebbe acconsentito che i partigiani comunisti, ossia coloro che hanno commesso in assoluto i più beceri crimini fin dopo la fine della guerra, hanno avuto il consenso di insediarsi in un luogo pubblico apolitico? Forse per la sua appartenenza ideologica?

LANZI MAURIZIO ...

Lun, 25/04/2016 - 10:24

MA CI SONO ANCORA IN GIRO DEI BUFFONI CHE SI DICHIARANO PARTIGIANI? LA GUERRA E' FINITA DA 70 ANNI, SVEGLIATEVI.

atlante

Lun, 25/04/2016 - 10:28

I libri di Giampaolo Pansa, un giornalista di sinistra ma onesto, hanno rivelato la verità nascosta per tanti anni: la cosiddetta "resistenza", a guerra civile ormai finita, si è macchiata di tali criminali nefandezze, da perdere qualsiasi autorità "morale" dal punto di vista storico. Credo che, oggettivamente, va reso maggiore rispetto ai tanti giovani e ragazze che, pur sapendo che la guerra era persa, hanno voluto seguire un ideale patriottico e di riscatto dell'ONORE italiano, che ai cosiddetti "partigiani" che eseguivano gli ordini sanguinari del partito comunista Sovietico.

27Adriano

Lun, 25/04/2016 - 10:31

partigiani? Tanto di rispetto ai pochi Partigiani che purtroppo non ci sono più, ma la stragrande maggioranza furono assassini comunisti impuniti.

rossini

Lun, 25/04/2016 - 10:32

Ma ci sono ancora i partigiani? La guerra di liberazione finì nel 1945. Secondo le leggi della natura i superstiti dovrebbero aver superato i novant'anni e la maggioranza di loro dovrebbe essere devastata dall'Alzheimer. E quanti saranno mai quelli ancora capaci di intendere di volere? E quale rappresentatività hanno?

Agus

Lun, 25/04/2016 - 10:32

I partigiani? Mio padre li chiamava "imboscati" ed erano quegli "eroi" che mettevano le bombe nei cassonetti poi scappavano coraggiosamente ben sapendo che i tedeschi avrebbero ucciso 10 italiani per ogni soldato dei loro. Spregevole razza di vigliacchi altro che liberatori dell`Italia

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 25/04/2016 - 10:45

a quando la festa per la liberazione dei centri sociali, no global, blak bloc, zingari, dei corrotti e quant'altro che sia contro l'onestà e del buon senso? A quando?

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Lun, 25/04/2016 - 10:45

Uhei,scherzem minga,l'é Milan proprietà del pisapippa e degli assassini di Mussolini,poi camuffatisi in ANPI,dunque nessuna meraviglia se occupano un posto fisso alla Scala,basta ricordare cosa fece l'uomo in cachemire a favore del teppista giuliani,ora convertito a CL(redenzione sospetta).I partigiani che oggi festeggiano dovrebbero avere all'incirca novant'anni,va bene che l'Italia è un paese vecchio ma qui si esagera.Dopo costoro tutti gli altri sono trinariciuti del mangia e bevi e del lavaggio del cervello,basti andare a fare un giro in Ossola o a Livorno o Marzabotto per rendersi conto del teatro dell'assurdo.25 Aprile festa della vergogna.Chi ha liberato l'Italia sono quelle moltitudini di croci bianche ben allineate nei cimiteri militari sparsi ovunque nel Bel Paese,cosa che i parchi delle Rimembranze hanno un che di sinistro e di falso storico. Ma tanto é.

Duka

Lun, 25/04/2016 - 10:54

PASSANO GLI ANNI, LE PAGLIACCIATE RIMANGONO.

roberto.morici

Lun, 25/04/2016 - 11:01

E così questo tale Turri ha trovato il suo eroe: tale Prospero che dalla famiglia dei gallinari è riuscito ad elevarsi al nobile rango di assassino.

cabass

Lun, 25/04/2016 - 11:24

Ma 'sti partigiani sono degli highlander? Ammazza quanto campano!

Ritratto di Dobermann

Dobermann

Lun, 25/04/2016 - 11:32

Non vi preoccupate, dopo l'atteggiamento vergognoso di Pasolini, che si affiliò al partito politico che uccise suo fratello partigiano, vedrete che i compagneros troveranno la sintonia entro questo pomeriggio.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 25/04/2016 - 11:41

#cabass- 11:24 Li hanno clonati.

flip

Lun, 25/04/2016 - 11:44

i "partigiani" con le loro eriche "gesta"(?) hanno fatto trucidare dai tedeschi milioni di poveri cittadini innocenti. L' Italia è stata "liberata" dagli americani e non dai partigiani. soprattutto da quelli rossi.

Anonimo (non verificato)

graffias

Lun, 25/04/2016 - 12:37

Mi chiedo chi ci potrà mai "liberare" dai partigiani . Quel giorno si che sarà festa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Una-mattina-mi-...

Lun, 25/04/2016 - 12:58

LE FAIDE FRA PARTIGIANI, CON REGOLAMENTI DI CONTI SANGUINARI, SONO SEMPRE STATA LA REGOLA, FIN DAGLI ESORDI. Se queste sono le piante immaginarsi i frutti...

franco-a-trier-D

Lun, 25/04/2016 - 13:40

per me chi combatte senza una divisa è un bandito.D'accordo con Esposito

pasquinomaicontento

Lun, 25/04/2016 - 13:41

Per flip-11:44...i "partigiani"con le loro eriche "gesta"(?)hanno fatto trucidare dai tedeschi milioni di poveri cittadini innocenti-(sic)rammento al signore in questione :S.Anna di Stazzema-(Lucca) 12-8-1944-5 colonne di tedeschi iniziano il ratrellamento e tutti i morituri,donne,vecchi e bambini vengono radunati in località Vacchereccia,poi,da tutte le parti,con scariche di mitra e largo uso di lanciafiamme,inizia il massacro.Solo qualche giorno dopo,si contano 560 abitanti,di cui solo 390 martiri identificati,la strage continua nei giorni seguenti man mano che i lupi assassini si spostano verso le loro tane in Germania.Faccio presente a flip che io c'ero, forse lui parla per sentito dire,ma sono passati tanti anni...e,"famola finita"

Ritratto di gianky53

gianky53

Lun, 25/04/2016 - 13:42

Sarebbe tempo di girare pagina dopo anni di pagliacciate per una falsa epopea costruita a tavolino. La Brigata ebraica che ha partecipato attivamente alla liberazione viene esclusa in favore dei sinistri filopalestinesi, i veri alleati di Hitler (oltre 100 mila musulmani della Palestina arruolati dal 1940 nelle Waffen-SS per iniziativa del Gran Muftì Amin al-Hussein, zio di Yasser Arafat). Verità storica tenuta nascosta dai kompagni con il fazzoletto rosso.

carpa1

Lun, 25/04/2016 - 14:03

".... sodalizio con un'associazione «che non rappresenta affatto tutti i partigiani d'Italia, ma solo una parte?»" Che vuol dire questo signore: che trattasi di un sodalizio rosso, che coinvolge solo quelli che hanno approfittato della resistenza per far piazza pulita (si legga pure assassinare) di persone che che stavano loro sulle palle utilizzando la scusa del collaborazionismo come giustificazione? E che avevano quei maiali di diverso dal fascismo che dicevano di combattere? Siamo stufi di istituzioni che ce la menano da oltre 70 anni tenendo viva questa farsa! Il coperchio delle loro nefandezze è stato scoperto da un pezzo e mi meraviglio di come tutti, dico tutti, i rappresntanti delle istituzioni abbiano sempre aderito a tale pantomima invece di denunciare, il loro sì, collaborazionismo con il comunismo bolscevico.

risorgimento2015

Lun, 25/04/2016 - 14:28

Vi prego carissimi ITALIANI e` ora che mettiamo fine al quel passato .E` ora di essere uniti per la nuova Guerra (GIA `COMINCIATA) con l'invasione del terzo mondo e islamica che portera alla fine della razza & coltura ITALIANA e EUROPEA....ci e` rimasto poco tempo a reaggire ... 5 MINUTI alla 24 ORA` !!

roberto.morici

Lun, 25/04/2016 - 14:47

@flit.Ci sono anche le prove, ammesso che servano. "Noi consideriamo come fatto positivo di cui dobbiamo rallegrarci, che in tutti i modi dobbiamo favorire, l'occupazione della 'regione giuliana' da parte delle truppe del Maresciallo Tito".

Keplero17

Lun, 25/04/2016 - 14:56

Mi sono fatto due conti. Dal 1945 sono passati 71 anni. A parte qualche ventenne che adesso avrebbe 91 anni, ormai siamo agli sgoccioli. A meno che non ci siano i discendenti dei partigiani, figli e nipoti. Comunque mi fa piacere che adesso vogliano impedire dei comizi a Salvini, alla faccia della libertà politica di parola. Del resto non ho mai sentito Salvini inneggiare al fascismo. Uno che dice che le persone a una certa età hanno diritto di andare in pensione? Non mi sembra uno sfruttatore dei lavoratori. Mi sembra invece che sia il PD ad essersi spostato su idee ultra capitaliste.

Ritratto di roberta martini

roberta martini

Lun, 25/04/2016 - 15:10

Ci sono ancora dei partigiani? Gli altri a che servono? Partigiani!Boh! Non ho capito perchè ci siamo alleati ai tedeschi e poi abbiamo sparato loro alle spalle! Potevamo alzare le mani e basta!

flip

Lun, 25/04/2016 - 15:23

pasquini...... penso di essere un po' più vecchio di te oppure abbiamo la stesa età e di quel periodo ho ancora un ricordo vivissimo e ti giuro ne ho viste di tutti i colori. quello che racconti sarà senz' altro vero ma se quelli scappavano non si fermavano a uccidere la gente. quello che ho scritto io è vero. quando i pistola partigiani facevano qualche "eroica" azione ed ammazzavano un tedesco si scatenava la rappresaglia e chi rimetteva erano persone che non c' entravano per niente e venivano fucilate. i "partigiani" in questi casi, stavano molto alla larga e non sono mai intervenuti a difesa dei propri concittadini!. Ti dirò un' altra cosa. chi ha aiutato veramente gli americani a scacciare i tedeschi, sai chi è stato?. LA MAFIA!e non tanto tuoi osannati "partigiani". questa e tante altre è STORIA di quell' epoca. e io C' ERO.

Edmond Dantes

Lun, 25/04/2016 - 16:07

ANPI, PD ex PCI, CGIL, AIDS. Se li conosci li eviti.

swiller

Mar, 26/04/2016 - 07:56

Dalle mie parti ipartigiani non hanno una buona fama decisamente no.