8 marzo, calano i reati sulle donne. Alfano: "C'è ancora molto da fare"

Dati generalmente positivi, ma si può essere ottimisti solo fino a un certo punto. Il Viminale: "La battaglia non è vinta"

Palloncini gialli per celebrare la Festa della donna

Forse non una ragione per festeggiare, ma se non altro un dato positivo. Le statistiche sui reati contro le donne che il Viminale ha diffuso in occasione dell'8 marzo parlano di un calo generale, che si tratti di violenza, stalking oppure di abusi in generale.

Aggiornate a pochi giorni fa, le statistiche parlano di 137 donne vittime di omicidio nello scorso anni (102 in ambito familiare), con un calo del 22,6% e del 16,3% e di un minor numero anche di atti persecutori, del 24,8% inferiori rispetto allo scorso anno.

Dati incoraggianti, ma che non sono ancora sufficienti, dice il ministro dell'Interno Angelino Alfano. "C'è ancora da lavorare e nessuno deve girare la testa dall'altra parte". Sono anche le violenze sessuali a diminuire, del 22,3%. Ma la stragrande maggioranza (91,7%) colpisce ancora le donne.

Secondo il Viminale c'è da ringraziare "le buone leggi sullo stalking e sulla violenza di genere" per il calo generale dei casi. Ma "la battaglia non è ancora vinta". Anche se "tantissime donne coraggiose, nell'ultimo anno, hanno potuto allontanare da casa i mariti violenti e hanno avuto il coraggio di denunciare sentendosi più protette dalle nuove leggi".

Commenti
Ritratto di Gigliese

Gigliese

Dom, 08/03/2015 - 10:59

E l'omicidio stradale a quando Kompagno Lupi?????? Eh già, Finchè vengono uccisi i poveracci NON GLIENE FREGA UNA MAZZA. Vedrete se a dover essere ucciso è uno di loro, il giorno dopo ci sarebbe la Legge in Gazzetta Ufficiale.

Ritratto di Flex

Flex

Dom, 08/03/2015 - 11:19

Sostituire Alfano sarebbe un passo avanti.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Dom, 08/03/2015 - 12:43

Secondo me Alfano non la dice tutta. Si vuole fare bello con dei dati sicuramente falsati, come quelli che sforna sulla sicurezza sociale. Vista la mancanza di protezioni a tutti i livelli, quanti casi violenti passano sotto silenzio, non essendo denunciati dalle vittime, e di cui Alfano non può avere conta? Una volta c'era "il governo del fare", ma purtroppo ha fatto sempre troppo poco, se non niente. Ora c'è "il governo delle chiacchiere", che produce aria fritta continuamente e non fa niente di niente. Anzi no. Tassa, inventandone sempre di nuove.

pier47

Dom, 08/03/2015 - 12:53

buongiorno, ma che la smettano di prendere in giro la gente,alf blatera e basta,come la diminuzione(a suo dire)dei furti,poi le statistiche hanno detto,un furto nelle case ogni due minuti,anche in questo caso,crederò ai suoi dati quando mi diranno esattamente anche quelli che nessuno donna denuncia per vergogna o perchè sa che è tempo perso,se vi ricordate,il coniglio aveva anche annunciato che avevano preso l'assassino di Yara,bene,siamo ancora in ballo. Che fenomeno!!!Quello che sa fare bene è(con renzel)organizzare l'invasione dei clandestini. saluti

Ritratto di Fanfulla

Fanfulla

Dom, 08/03/2015 - 14:33

Basta col politicamente corretto!!! gli omicidi sono omicidi, le violenze sono violenze, le leggi esisstono, applicatele basta con i -distinguo-. Piuttosto purgate casta giuduziale che continua a rilasciare in liberta' criminali.

Ritratto di atlantide23

atlantide23

Dom, 08/03/2015 - 15:55

ho inviato per ben due volte due miei commenti , sulla festa delle donne, che non avete pubblicato e, per l'ennesima volta, non ne capisco il motivo. O forse , cara redazione, temete tanto la boldrini ? o forse nessuno deve osare far commenti negativi sulle donne"politiche " di renzi ? E insomma...essere censurati sul nulla e' sgradevole.

linoalo1

Dom, 08/03/2015 - 16:07

Italiani!Ascoltate Alfano!Poveri noi!Lino.

Demetrio.Reale

Dom, 08/03/2015 - 16:13

queste balle della violenza sulle donne con relativo neologismo "femminicidio" che devono far sentire la donna come "oppressa dall'uomo" che deve "liberarsi" dall'uomo hanno molto in comune con le campagne pro gay, cioè distruggere la famiglia ma questo non bisogna dirlo se no si è retrogradi

fiducioso

Dom, 08/03/2015 - 17:52

Con politici di questa statura non si va da nessuna parte. Non è che c'è ancora da fare.....c'è ancora da iniziare a fare!

Zizzigo

Dom, 08/03/2015 - 17:57

Quello che Alfano (e molti altri) non comprende è che non sono le leggi a salvaguardare le donne, ma la cultura... dove manca la "cultura sociale corretta" non c'è legge che tenga!

Ritratto di chris7

chris7

Dom, 08/03/2015 - 19:33

@Demetrio.Reale sa perchè fanno così? Perchè nessuno mette freno alle loro proteste. E così le femministe (così come i centri sociali) sfruttando gli appoggi in parlamento pensano di fare tutto quello che si vuole. Queste leggi comunque sono delle gride manzoniane se prima non si purga la casta dei giudici.

Ritratto di michageo

michageo

Dom, 08/03/2015 - 19:36

forse, le ns amate donne,vedendo che anche denunciando i misfatti, non sono state difese, ne tantomeno ascoltate, si sono ahinoi stancate di chiedere aiuto...sigh!

tRHC

Dom, 08/03/2015 - 22:48

C'e' ancora molto da fare.....perche' ha gia' fatto qualcosa????Il popolo, tutto, deve essersi perso qualche puntata del rabbitt...ahahahahah ma gli Orfei... si quelli del circo,sono sicuri che non gli serve del personale???

ANTONIO MILANETTI

Lun, 09/03/2015 - 01:18

Ma queste donne cosa avevano in testa quando si sono orgogliosamente fidanzate e portato all'altare e poi fatto dei figli con queste bestie ? Non è vero che " poi è cambiato...prima tutto dolce e premuroso..poi un incubo..geloso, possessivo..." No...lui è sempre stato così...la verità e che volevo vedere quello che mi faceva comodo...sentirmi finalmente valida, desiderata, corteggiata, importante ...vitale..."sono tutto per lui...non può fare a meno di chiamarmi tutti i giorni.. cade ai miei piedi.."così vitale e indispensabile che se poi mi lasci o ho il dubbio che potresti lasciarmi è normale che togliendomi l'unico scopo della mia vita ti uccida..e quasi sempre poi mi uccida. Ma non è che ognuno voleva usare l'altro come un proprio idolo riempitivo di un'esistenza già vuota ?